21°

31°

Provincia-Emilia

Caso Ruby, la "verità" della Macrì e i dubbi degli inquirenti

Caso Ruby, la "verità" della Macrì e i dubbi degli inquirenti
19

E' rimasta per quasi cinque ore davanti ai pm di Milano che in­dagano sul caso Ruby la escort emiliana Nadia Macrì che, in un’intervista andata in onda gio­vedì sera su Annozero, ha rac­contato di aver partecipato a una festa a luci rosse ad Arcore as­sieme alla giovane marocchina e, soprattutto, di aver visto il pre­mier Silvio Berlusconi che con­segnava denaro alla minorenne.

Il racconto

Una versione che la ragazza avrebbe ripetuto anche ieri, ma non in modo lineare, agli inqui­renti che hanno deciso di secre­tare i verbali e stanno facendo attente verifiche, in particolare sulle celle telefoniche, per tro­vare riscontri. Dall’analisi delle celle, infatti, i procuratori ag­giunti Ilda Boccassini e Pietro Forno e il pm Antonio Sanger­mano, che coordinano l’inchie­sta nella quale il premier è in­dagato per prostituzione mino­rile e concussione, vogliono ar­rivare a capire prima di tutto se davvero la escort era presente ad Arcore, come ha raccontato, la notte tra il 24 e il 25 aprile scor­si.

In piscina

Serata a cui, stando agli atti dell’invito a comparire per il pre­sidente del Consiglio, ha parte­cipato anche Ruby. A quanto si è appreso da fonti giudiziarie, pe­rò, la ragazza non avrebbe reso dichiarazioni lineari. «Abbiamo fatto il bagno in piscina – ha af­fermato la Macrì nell’intervista di giovedì – dove ci raggiunse il presidente. Nudo. Noi eravamo sei, sette ragazze. Siamo stati tutti quanti insieme a ridere, a scher­zare, a toccarci». Poi, ha prose­guito, «lui dopo un po' si è av­vicinato a un’altra camera dove c'è un lettino in cui fai i massaggi e dopo un po' disse “Avanti la prossima, avanti la prossima”. E ogni cinque minuti noi aprivamo la porta e consumavamo il rap­porto sessuale. Una alla volta».

I soldi

E ancora: «Fui pagata 5 mila euro, dal presidente direttamen­te. Siamo andate io e questa ra­gazza marocchina, Ruby, nel suo ufficio». Stando al suo racconto, anche Ruby avrebbe preso un bu­sta con 5 mila euro. Un racconto che non ha convinto la madre di Nadia, Maria Luigia Peluso. «Mia figlia – ha detto la donna – rac ­conta stupidaggini, balle colossa­li, per avere notorietà. Non si ren­de conto delle conseguenze che può avere questo comportamen­to. Nadia corre come i cavalli, guarda solo davanti, ha i paraoc­chi. I media non se la filavano più da tempo e ha voluto strafare ad Annozero – afferma la donna – Conosco mia figlia meglio di chiunque altro e so come è fatta: ha visto che giornali e tv non si occupavano più di lei ed è voluta tornare ad essere protagonista».

La madre

Quando è iniziata questa sto­ria, ricorda ancora Maria, «ho letto che Nadia mi avrebbe pas­sato al telefono Berlusconi. Non è mai successo. Non ho mai, e dico mai, parlato al telefono con il presidente. Ecco – conclude – questa è Nadia: esagera con la fantasia. E io non voglio sentirla fino a quando continuerà su questa strada. Sta buttando via la sua vita per il miraggio della notorietà».

L'intervista

L'intervista a Nadia Macrì è stata registrata domenica scorsa e i magistrati milanesi, mercoledì scorso, hanno deciso di convoca­re la escort per l’audizione di ieri, come persona informata sui fatti. La Macrì era stata già sentita nei mesi scorsi dai pm di Palermo, che stavano indagando su un traffico di droga nel mondo dei vip ed erano arrivati a lei attra­verso le dichiarazioni della «pen­tita » parmigiana Perla Genovesi. Davanti agli inquirenti palermitani, la escort di Reggio Emilia aveva riempito 300 pagine di verbali, raccontan­do di avere avuto due rapporti sessuali a pagamento con il pre­mier a Villa Certosa e ad Arcore.

I verbali

I verbali erano stati poi tra­smessi alla procura di Milano che stava già indagando sul caso Ruby. Nell’intervista, però, la ra­gazza ha aggiunto i particolari della presenza ad Arcore assie­me a Ruby e del pagamento alla minorenne da parte del premier. La escort dopo l’audizione, se­condo fonti vicine alla ragazza, è apparsa «tranquilla, serena e si­cura delle sua verità». Lei, in­tanto, fa sapere che non può par­lare: «Non posso rilasciare di­chiarazioni, mi dispiace». Ai ma­gistrati avrebbe consegnato an­che foulard e gioielli ricevuti, stando alla sua versione, da Ber­lusconi. In ambienti giudiziari, infine, si fa notare che, al di là della testimonianza di ieri, il quadro probatorio dell’inchiesta è già definito dagli elementi di prova acquisiti finora.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    24 Gennaio @ 23.56

    Luca67 intanti la Macrì è stata sbuguardata dall'ex marito e da SUA Madre! Prima di gettare fango e montare i casi si deve avere rispetto per uno che ha 76 anni ! Santoro guadagna con le cavolate non controllate perchè i telebotizzati come dice Lei lo guardano. Bella figura con la Macrì. Basta creare scalpore e confusione. Questa è la sinistra ! Senza argomenti !

    Rispondi

  • MANRICO

    22 Gennaio @ 19.00

    HA RAGIONE LA MADRE...SOLO NOTORIETA'-

    Rispondi

  • Luca67

    22 Gennaio @ 17.04

    E' sconfortante già che un presidente del consiglio abusi della propria posizione telefonando in questura per far rilasciare illegalmente una minorenne (fatto), è moralmente disgustoso e contrario ai principi della costituzione che faccia festini con decine di prostitute alcune delle quali minorenni (fatto, dalle intercettazioni), tenendole in un veo e proprio harem a Milano 2. In qualsiasi altro paese civile un premier si sarebbe dimesso dopo un secondo. Qui addirittura attacca la magistratura e lancia di continuo messaggi televisivi anziche' difendersi in tribunale. Ma quello che veramente mi deprime è la non reazione del nostro popolo di telelobotomizzati. Nessuno spirito critico, nessuna indignazione da parte di chi è nel centrodestra, manco fosse una squadra di calcio. Ma vi paga? Avete profitti personali per continuare a sostenere un personaggio che fra qualche anno la storia ricorderà come un malfattore? Leggo qui, cosi' come sul giornale in edicola numerose lettere ed interventi non, come sarebbe da aspettarsi, di gente indignata, ma di pecore lobotomizzate con argomenti degni di banbini di tre anni. Dopo vent'anni di infomazione drogata dal premier, purtroppo il livello medio degli elettori italiani è questo: persone che elogiano le arti amatorie del premier, che sostengono l'accanimento dei magistrati (male non fare, paura non avere....non le ho fatte io le orge e le telefonate in procura), che dicono meglio questo della sinistra. Certo, la sinistra e' praticamente inesistente, e allora? Volete continuare a tenervi un personaggio che e non fosse il PdC sarebbe gia' rinchiuso dietro le sbarre? Povera Italia!

    Rispondi

  • sabcarrera

    22 Gennaio @ 16.55

    Kennedy si faceva portare concubine in camera mentre girava per l'America o faceva nuotate in piscina nude con le segretarie alla Casa Bianca. Tutto questo quando vendeva l'immagine del sobrio padre di famiglia.

    Rispondi

  • redstar

    22 Gennaio @ 16.44

    ah ah ah! bellissima battuta di LEONARDO CECCA...il Corriere Della Sera "non è" di Berlusconi !! se l'Italia è SPUTTANATA nel mondo lo dobbiamo anche a chi la pensa come lei!!! SHAME ON YOU"

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Registrato un caso di chikungunya in città: disinfestazione in corso

sanità

Un caso di chikungunya in città: disinfestazione in corso in due vie Video

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

1commento

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

L'AGENDA

Una domenica da vivere nella nostra provincia

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Bedonia

Fontane chiuse, scoppia la polemica

DRAMMA DI TORINO

Panico collettivo: parla la psicologa

Presentazione

Croce rossa, un secolo e mezzo in un libro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

baseball

Parma concede il bis: è doppietta contro il Novara

Finisce 3-1: lanciatore vincente Rivera, salvezza per Santana, 3 su 4 di Deotto. La corsa per i play off continua

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

caldo

Al Nord arrivano i temporali. Ieri caldo percepito 49° a Ferrara (41° a Parma)

gran bretagna

Newcastle, auto su folla dopo preghiere, feriti

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse