Provincia-Emilia

Manovre tra i partiti: volontà di cambiare

Ricevi gratis le news
0

 Paolo Panni

Dopo il «terremoto» politico di un anno fa, culminato con la caduta della giunta Bernardini, San Secondo si prepara alle elezioni anticipate: gli strascichi lasciati dalla «bufera» sono evidenti, la situazione incerta e, da quanto emerge dalle varie parti in causa, è comune una forte volontà di cambiamento. 
Il Pd, che ha giocato un ruolo determinante nella caduta di Bernardini, è pronto a «dare vita ad una lista civica - dice il segretario di sezione Attilio Boselli - aperta a tutti, in cui vi sia un rapporto paritario tra civici e partiti. Al nostro interno abbiamo già parlato di dare vita ad un programma di ampio respiro con l’interno di riportare San Secondo ad avere un ruolo incisivo nelle diverse sedi». Sui nomi dei «papabili» alla carica di sindaco, da tempo, le indiscrezioni vedono, fra i più quotati, gli ex assessori Claudio Pezzarossa, Daniele Pasqualino e Pier Luigi Poldi Allaj ma si parla con insistenza anche dell’architetto Giuseppe Martinelli. 
Da mesi si vocifera anche di un possibile accordo fra Pd e Udc, due partiti che hanno rivestito un ruolo determinante nel «terremoto» politico dello scorso anno. Ma su questo non giunge alcuna conferma con Lino Maranzoni, leader locale dell’Udc e candidato sindaco nel 2007, che si limita a dire: «Non abbiamo ancora stretto accordi con nessuno e siamo alla “finestra”». Ma non è velato nel messaggio che lancia sostenendo che «se il Pd dovesse aprire anche l’estrema sinistra, da parte nostra ci sarebbe sicuramente una chiusura». Maranzoni aggiunge: «Stiamo lavorando con l’obiettivo di dare a San Secondo un’amministrazione degna di questo paese. Auspico che tanti giovani possano partecipare a questo progetto. Personalmente sono disponibile solo ad entrare in lista come candidato consigliere. Non sono disponibile ad una candidatura a sindaco». Una considerazione che vede concorde anche l’ex sindaco Giorgio Berti, da decenni impegnato in politica, al fianco di Maranzoni nel 2007. «San Secondo - sostiene Berti - ha bisogno di rompere con un passato che ha creato tutti quei problemi che sono lì da vedere. Ora occorre una proposta veramente nuova, dando anche al paese un segnale di pacificazione. Per questo sono disponibile a collaborare ed a portare il mio bagaglio di idee e di esperienze ma ho deciso di fare un passo indietro». 
Nel centrodestra Davide Bandini del Pdl (consigliere comunale nell’ultima legislatura) fa sapere: «Il nostro direttivo deve ancora riunirsi per discutere delle possibili alleanze ma ci troveremo a giorni. Nel frattempo, mi complimento col commissario straordinario Attilio Ubaldi che, in un anno, ha fatto ciò che Bernardini non è riuscito a fare in 7 e, finalmente, in comune i dipendenti hanno ritrovato la necessaria armonia». Se uno dei nomi che continuano a girare è quello di Antonio Dodi (già quattro anni fa era stato ad un passo dalla candidatura a sindaco) che, da mesi, nega la possibilità di essere «della partita», fra le novità spicca la nascita di un movimento civico, composto da persone di diversa estrazione, di cui è portavoce Roberto Longari. «Un gruppo che operi per il bene del paese andando a risolvere problematiche aperte ed irrisolte da anni, se non da decenni. Il degrado in cui versa San Secondo - fa notare - è evidente e la necessità di un forte cambiamento è chiara. Siamo aperti e disponibili a confrontarci con tutti. Sul tavolo ci sono già diverse idee, fra queste potenziare quelle ricchezze che la storia ci ha dato». Una su tutte, la rocca che, a detta di Longari «deve tornare ad essere “produttiva” e deve essere non solo il simbolo del paese ma anche l’emblema della rinascita di San Secondo. Contiamo già - conclude - su un buon gruppo di lavoro. Chi fosse interessato può contattarmi allo 0521.873734». 
Sono al lavoro anche parte degli ultimi amministratori che hanno affiancato Bernardini fino al giorno della caduta. Fra questi spicca Massimiliano Dall’Argine, da tempo indicato come possibile candidato sindaco della lista civica alla quale collabora anche l’ex sindaco.  «Sono convinto - afferma Dall’Argine - che governare con trasparenza e partecipazione sia molto più difficile che farlo con le dinamiche attuali. Le due sfide con cui dovremo confrontarci - afferma - sono la necessità di fornire un servizio ai cittadini professionale, efficiente e tempestivo da parte degli uffici comunali e togliere ai cittadini la paura di interagire con l’amministrazione mostrando apertura, disponibilità, accettazione delle idee e, dove sia possibile, pianificare l’attuazione di queste ultime, ritengo che in un'amministrazione evoluta sia diritto di un cittadino di chiedere di partecipare alla vita politica. Proprio per garantire fin da subito il diritto dei cittadini a dire la propria - conclude - si potrebbe anche pensare alle primarie per scegliere il candidato sindaco».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video

emergenza

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

Arresto cardiaco durante l’ora di ginnastica: 15enne salvato al Maggiore

1commento

maltempo

Emergenza elettricità: tante frazioni isolate nel parmense

1commento

ferrovia

Enza esondato: chiuse le linee Parma-Brescia e Parma-Suzzara

1commento

PIENA

Enza, a Casaltone il peggio è passato. "Ma restate lontano dagli argini" Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

4commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

17commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole