-5°

Provincia-Emilia

Basilicanova - "La mia battaglia per salvarlo dalla droga"

Basilicanova - "La mia battaglia per salvarlo dalla droga"
11

MONTECHIARUGOLO - Per amore ha sofferto, combattuto, sperato. Per amore ha detto basta. Non ce l’ha fatta più Francesca (il nome è di fantasia) a vedere suo figlio prigioniero della droga. Mentre lui urlava nella sua camera, lei ha aperto la porta di casa ai carabinieri di Monticelli, nel cuore la disperazione, nella voce la rabbia e la dignità di poche, drammatiche, parole: «Portatelo via da qui».  (...) «Ho chiamato i carabinieri perché volevo dargli una scossa, fargli capire che anche la mamma che c'era sempre e sopportava tutto, ha detto basta».

Francesca è la madre di P.C., il 21enne arrestato nei giorni scorsi a Basilicanova per droga: processato per direttissima, ha patteggiato un anno da scontare ai domiciliari. La donna tiene a precisare che i fatti sono andati diversamente da quanto trapelato in un primo momento: «Mio figlio non è stato preso mentre stava spacciando, non è vero che era in centro e che ha cercato di fuggire. Era in casa (...)».

Dietro la scelta straziante di Francesca ci sono quattro anni di dolore e speranza, delusioni e rabbia: «Mio figlio è in carico al Sert di Parma dal 2007 - racconta - prende le medicine e avrebbe dovuto iniziare anche un percorso psicologico che però non ha mai voluto iniziare. (...) E ha sempre continuato con la cannabis per cui ha una dipendenza anche psicologica a livelli altissimi».

L'articolo completo di Ilaria Moretti è sulla Gazzetta di Parma in edicola.

(foto da Trainspotting: il protagonista del film di Danny Boyle su un ragazzo tossicodipendente e i suoi amici)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Drugo

    03 Febbraio @ 19.04

    Concordo con Maurizio quando dice che non sono solo le persone deboli a drogarsi, ma anche chi "semplicemente" vuol sballare un pò. Detto questo un conto è se mio figlio si fa due spinelli con gli amici il sabato sera (che dal mio punto di vista non è molto diverso dal bersi due birre, basta farlo con responsabilità, non guidando ad esempio), un conto è se comincia a tirare coca, a farsi di eroina, a rubacchiare in giro per pagarsi la roba. Ripeto, dal mio punto di vista, c'è una bella differenza! E da come la gazzetta ha presentato l'articolo io avevo interpretato la questione come una madre iperprotettiva e poco informata sugli stupefacenti (o solo con una visione diversa dalla mia)che arriva a denunciare il figlio per della cannabis. Questo mi sembra veramente eccessivo e controproducente per i motivi già esposti. Il ragazzo io non lo conosco, se mi dite che era solito usare cose ben più pericolose, allora devo rivedere ilmio punto di vista :). Per concludere faccio un bell'in bocca al lupo a madre e figlio.

    Rispondi

  • Geronimo

    03 Febbraio @ 11.41

    Gianni, la tua proposta per salvare questo ragazzo visto che rifiuta le cure? o sei convinto che le droghe non facciano male?

    Rispondi

  • Giovanni

    03 Febbraio @ 09.20

    Mi dispiace molto P.C. che tu abbia una "madre" del genere.

    Rispondi

  • Tancredi

    03 Febbraio @ 00.06

    DRUGO. guarda il ragazzo in questione, usa l'eroina da un pezzo, se leggi l'articolo, la mamma parla di cannabis come droga abituale, ma dell'eroina lo sanno tutti e da un pò....

    Rispondi

  • Geronimo

    02 Febbraio @ 21.08

    Chi parla male della madre evidentemente appartiene a due categorie di persone, la prima è di quelle che sostengono che la droga non fa male, la seconda è tra quelle che non sono mai stati vicini ad amici con questi problemi o se ne sono fregati o non hanno avuto problemi in casa. Nel primo caso potrebbero avere ragione anche se io ne dubito viste le tante morti causate dalla droga, nel secondo caso se non avete mai avuto contatti con persone con problemi di droga sono contento per voi. Io sono stato a contatto con gente che ha problemi di droga, gente che ne è uscita da solo o grazie agli amici, gente che è stata sbattuta in comunità ed ha dato una sterzata alla propria vita ma conosco gente che ha fatto quello che vorreste voi, ha lasciato fare al figlio quello che volava, drogarsi, rubare... adesso quella persona sta male, è un rifiuto della società ma è ancora in giro, pericolo non tanto per lui perchè ormai c'è poco da fare ma pericolo soprattutto per chiunque si avventuri inconsapevolmente nella sua strada perchè guida ancora la macchina, va in giro, va al bar e "si fa" ovunque. Una mamma come questa è solo da ammirare, visto che il figlio non voleva farsi aiutare ha utilizzato una delle poche cartucce a disposizione per salvarlo, poi chissà, magari tra qualche anno il figlio la ringrazierà. Poi occhio perchè è vero che la droga colpisce i deboli, chi ha problemi di varia natura, ma non solo queste persone, la droga colpisce anche chi non ha nessun problema ma vuole sballarsi una volta poi ci rimane dentro

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

2commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

5commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: Frattali debutta nella porta crociata

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

23commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

tragedia

Rigopiano: soccorsi senza sosta, ma le speranze sono deboli

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto