13°

20°

Provincia-Emilia

Villa Panini: interviene Rifondazione

Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa
 

Da sempre il Circolo fidentino di Rifondazione Comunista ha dato particolare rilievo, all’interno della propria
strategia politico-amministrativa, al problema della salvaguardia del patrimonio ambientale e storico-culturale
della città. Riteniamo che si tratti di un problema che non possa essere affrontato delegandone la soluzione
alla sola logica del mercato immobiliare, bensì coinvolgendo tutte le istanze di partecipazione sociale e
civile, entro un quadro di regole dettate dagli organi istituzionali, che soli garantiscono una crescita della
democrazia e del confronto.
Caso esemplare in questo senso è la recente vicenda della demolizione di un vecchio edificio di via
Gramsci. Il 4 agosto scorso, nel pieno esercizio dei propri diritti (ovvero in base a quanto previsto dal piano
regolatore e grazie al conseguente permesso rilasciato dal Comune), una impresa cittadina ha dato avvio ai
lavori di demolizione di Casa Panini (un fabbricato di inizio novecento, sul quale non gravava alcun vincolo).
Nella stessa mattinata in cui hanno avuto inizio i lavori di demolizione, un esponente della locale sezione di
Italia Nostra ha ritenuto di dover segnalare il fatto alla Soprintendenza per i beni Architettonici, la quale ha
provveduto ad emettere una ordinanza di sospensione lavori, con ciò esercitando un suo legittimo potere.
L’ordinanza è pervenuta quando la demolizione era già in avanzato grado di esecuzione. Questi in estrema
sintesi i fatti.
Da ciò ha preso avvio una massiccia campagna di “disinformazione”, condita di insulti, malevoli sottintesi
ed accuse gratuite, rivolte congiuntamente al dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica del Comune, in
specifico, e all’ Amministrazione Comunale, in generale. Rifondazione Comunista, in quanto componente
della maggioranza che governa la città, ritiene indispensabile ribattere alle accuse ingiustificate emerse sulla
stampa, sottolineare la correttezza del comportamento dell’Amministrazione Comunale e ribadire la piena
fiducia nell’operato dell’Ufficio Tecnico.
Che l’osservanza delle norme vigenti, che il Comune stesso si è dato, sia la linea di condotta che i suoi
Servizi devono osservare, è palese e pacifico. Italia Nostra avrebbe auspicato, invece, che il Servizio
Tecnico del Comune, il Sindaco e la Giunta se ne fregassero bellamente del diritto, delle regole e dei propri
doveri istituzionali. Rifondazione Comunista ritiene che l’Amministrazione Comunale, nel caso specifico,
abbia assunto un comportamento corretto , sia sul piano giuridico che su quello politico, e svolto un ruolo
pienamente collaborativo nei confronti della Soprintendenza. Questo perché la demolizione del fabbricato è
avvenuta, come già detto, nel pieno rispetto delle previsioni del Piano Regolatore che, a differenza di molti
altri edifici, non prevedeva specifiche tutele per casa Panini.
E’ inoltre improprio e fuorviante parlare di “cementificazione“ , di “speculazione“ , o addirittura di “ delitto di
Fidenza” (secondo il vaniloquio di Sgarbi). Il piano regolatore vigente prevede che al posto del palazzo
abbattuto possa essere ricostruito un edificio che dovrà presentare caratteristiche di ingombro nettamente
inferiori rispetto a quanto affastellato nel corso degli anni nell’area in questione. Ciò non toglie che si possa
sempre riflettere ulteriormente sugli aspetti di tutela del tessuto storico/testimoniale della città, qualora a
volerlo sia l’intera comunità fidentina, per fortuna ancora rappresentata dal Consiglio Comunale, e non da
singoli individui “illuminati dalla Verità”.
Pur riconoscendo che la Soprintendenza ha agito ed operato nel quadro delle disposizioni vigenti, abbiamo
molti dubbi che si possa intervenire in corso d’opera, alterando in modo significativo lo stato di diritto del
bene trattato, quando esso è già interessato dalle trasformazioni. E’ come cambiare le regole mentre il
gioco è in corso. Ciò che è capitato all’ impresa fidentina potrebbe capitare a qualsiasi cittadino proprietario
di un bene immobile. E’ inaccettabile che, in assenza di emergenze archeologiche e in mancanza di una
verifica preventiva e condivisa, un privato possessore di diritti reali, chiunque esso sia, si veda limitata e
condizionata la disponibilità del proprio bene. Ed è certamente paradossale che sia proprio Rifondazione
Comunista a dover richiamare questo fatto elementare, e non chi inneggia ogni minuto alla libertà individuale
e alla sacralità della proprietà privata.
Ribadiamo quindi la volontà di utilizzare il nuovo strumento di pianificazione (PSC), in via di approntamento,
per una valutazione a tutto campo dei bisogni e degli obiettivi di sviluppo urbano, tutele comprese, e per
garantire un massimo di partecipazione e coinvolgimento delle associazioni, sei singoli e delle forze politicosociali
della città. Respingiamo invece ogni sospetto di malaffare e di corruzione, relativamente al caso in
questione. Auspichiamo infine che i problemi posti dalla sospensione dei lavori (strada chiusa al traffico,
macerie in vista, incertezza sulle possibilità di utilizzo dell’area da parte dell’impresa) siano risolti,
contemperando gli interessi della cittadinanza, i doveri dei soggetti pubblici e i diritti del proprietario
dell’immobile.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

La Bugatti guidata da Juan Pablo Montoya da 0 a 400 Km/h a 0 in  42"

AUTO

Bugatti Chiron: da 0 a 400 km/h a 0 in 42 secondi

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spaghetti settembrini

LA RICETTA 

Gli "Spaghetti settembrini" della Peppa

Lealtrenotizie

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

5commenti

incidente

86enne in bici urtato da un'auto in via Baganza: è grave

OPERAZIONE

Milioni nascosti al Fisco, indagato anche il patron del Palermo Zamparini

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

6commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

1commento

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

Piazzale Maestri

Antiterrorismo «fai da te»: gli ambulanti si organizzano

1commento

Lutto

Addio a Pierino, il barista del Parco Ducale

1commento

MALTEMPO

Strada Naviglio Alto in versione lago

ieri sera

Black-out per un guasto nella zona Nord di Parma

3commenti

fotografia

L'affascinante spettacolo catturato dai parmigiani cacciatori di tornado Gallery

Borgotaro

C'erano una volta i «diavoli rossi»

SISSA

Pescando in Taro con il bilancione

Onorificenze

Salva una donna da un incendio: premiato in Provincia

serie B

Parma amaro: stop a Ceravolo. Ma Lizhang sarà al Tardini Video

L'attaccante è di nuovo alle prese con i problemi al tendine dell'adduttore destro

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

catania

Dottoressa della guardia medica violentata in ambulatorio: arrestato un 26enne

Birmania

Suu Kyi: "Più della metà dei villaggi Rohingya non colpiti da violenze"

2commenti

SPORT

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano

calcio

Rooney ubriaco alla guida, patente ritirata 2 anni

SOCIETA'

agroalimentare

«Caseifici aperti»: ecco dove andare nel Parmense

sant'andrea bagni

Le nozze del vicesindaco di Medesano

MOTORI

IL TEST

Nuova Polo: ecco come va la sesta generazione

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...