-2°

Provincia-Emilia

Villa Panini: interviene Rifondazione

0

Comunicato stampa
 

Da sempre il Circolo fidentino di Rifondazione Comunista ha dato particolare rilievo, all’interno della propria
strategia politico-amministrativa, al problema della salvaguardia del patrimonio ambientale e storico-culturale
della città. Riteniamo che si tratti di un problema che non possa essere affrontato delegandone la soluzione
alla sola logica del mercato immobiliare, bensì coinvolgendo tutte le istanze di partecipazione sociale e
civile, entro un quadro di regole dettate dagli organi istituzionali, che soli garantiscono una crescita della
democrazia e del confronto.
Caso esemplare in questo senso è la recente vicenda della demolizione di un vecchio edificio di via
Gramsci. Il 4 agosto scorso, nel pieno esercizio dei propri diritti (ovvero in base a quanto previsto dal piano
regolatore e grazie al conseguente permesso rilasciato dal Comune), una impresa cittadina ha dato avvio ai
lavori di demolizione di Casa Panini (un fabbricato di inizio novecento, sul quale non gravava alcun vincolo).
Nella stessa mattinata in cui hanno avuto inizio i lavori di demolizione, un esponente della locale sezione di
Italia Nostra ha ritenuto di dover segnalare il fatto alla Soprintendenza per i beni Architettonici, la quale ha
provveduto ad emettere una ordinanza di sospensione lavori, con ciò esercitando un suo legittimo potere.
L’ordinanza è pervenuta quando la demolizione era già in avanzato grado di esecuzione. Questi in estrema
sintesi i fatti.
Da ciò ha preso avvio una massiccia campagna di “disinformazione”, condita di insulti, malevoli sottintesi
ed accuse gratuite, rivolte congiuntamente al dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica del Comune, in
specifico, e all’ Amministrazione Comunale, in generale. Rifondazione Comunista, in quanto componente
della maggioranza che governa la città, ritiene indispensabile ribattere alle accuse ingiustificate emerse sulla
stampa, sottolineare la correttezza del comportamento dell’Amministrazione Comunale e ribadire la piena
fiducia nell’operato dell’Ufficio Tecnico.
Che l’osservanza delle norme vigenti, che il Comune stesso si è dato, sia la linea di condotta che i suoi
Servizi devono osservare, è palese e pacifico. Italia Nostra avrebbe auspicato, invece, che il Servizio
Tecnico del Comune, il Sindaco e la Giunta se ne fregassero bellamente del diritto, delle regole e dei propri
doveri istituzionali. Rifondazione Comunista ritiene che l’Amministrazione Comunale, nel caso specifico,
abbia assunto un comportamento corretto , sia sul piano giuridico che su quello politico, e svolto un ruolo
pienamente collaborativo nei confronti della Soprintendenza. Questo perché la demolizione del fabbricato è
avvenuta, come già detto, nel pieno rispetto delle previsioni del Piano Regolatore che, a differenza di molti
altri edifici, non prevedeva specifiche tutele per casa Panini.
E’ inoltre improprio e fuorviante parlare di “cementificazione“ , di “speculazione“ , o addirittura di “ delitto di
Fidenza” (secondo il vaniloquio di Sgarbi). Il piano regolatore vigente prevede che al posto del palazzo
abbattuto possa essere ricostruito un edificio che dovrà presentare caratteristiche di ingombro nettamente
inferiori rispetto a quanto affastellato nel corso degli anni nell’area in questione. Ciò non toglie che si possa
sempre riflettere ulteriormente sugli aspetti di tutela del tessuto storico/testimoniale della città, qualora a
volerlo sia l’intera comunità fidentina, per fortuna ancora rappresentata dal Consiglio Comunale, e non da
singoli individui “illuminati dalla Verità”.
Pur riconoscendo che la Soprintendenza ha agito ed operato nel quadro delle disposizioni vigenti, abbiamo
molti dubbi che si possa intervenire in corso d’opera, alterando in modo significativo lo stato di diritto del
bene trattato, quando esso è già interessato dalle trasformazioni. E’ come cambiare le regole mentre il
gioco è in corso. Ciò che è capitato all’ impresa fidentina potrebbe capitare a qualsiasi cittadino proprietario
di un bene immobile. E’ inaccettabile che, in assenza di emergenze archeologiche e in mancanza di una
verifica preventiva e condivisa, un privato possessore di diritti reali, chiunque esso sia, si veda limitata e
condizionata la disponibilità del proprio bene. Ed è certamente paradossale che sia proprio Rifondazione
Comunista a dover richiamare questo fatto elementare, e non chi inneggia ogni minuto alla libertà individuale
e alla sacralità della proprietà privata.
Ribadiamo quindi la volontà di utilizzare il nuovo strumento di pianificazione (PSC), in via di approntamento,
per una valutazione a tutto campo dei bisogni e degli obiettivi di sviluppo urbano, tutele comprese, e per
garantire un massimo di partecipazione e coinvolgimento delle associazioni, sei singoli e delle forze politicosociali
della città. Respingiamo invece ogni sospetto di malaffare e di corruzione, relativamente al caso in
questione. Auspichiamo infine che i problemi posti dalla sospensione dei lavori (strada chiusa al traffico,
macerie in vista, incertezza sulle possibilità di utilizzo dell’area da parte dell’impresa) siano risolti,
contemperando gli interessi della cittadinanza, i doveri dei soggetti pubblici e i diritti del proprietario
dell’immobile.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

13commenti

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

SOCIETA'

scuola

Ecco "Nubi", la app con la dieta bilanciata per i bimbi delle scuole Video

arte

Kampah anti-Trump a Hollywood

SPORT

tg parma

L'allenatore del Venezia Inzaghi: "Parma temibile"

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto