22°

Provincia-Emilia

Quella maestrina che accolse il «fuggitivo»

Quella maestrina che accolse il «fuggitivo»
0

di Stefano Rotta

 

BEDONIA - «Morire per morire, ci provo». Una manata alla lanterna, e via, per boschi sconosciuti e neri. Lo stavano per fucilare, i partigiani: lui, e i suoi quattro anni di guerra sulle spalle. Dino De Guio, uomo dell’altopiano di Asiago, un pezzo di conflitto in Germania, è davanti al grilletto di D’Artagnan e compagni.
14 ottobre 1944, notte: lo portano alla cappella di Calice, per farlo confessare da don Clemente Boccardo, formalità per accedere al più barbaro dei sacramenti: la pallottola nella schiena. Si sente tradito, rifiuta la confessione e, come scrive Ferruccio Ferrari (testimone dei fatti), «salta una siepe e si rese uccel di bosco». I tre che erano con lui vengono  macellati come bestie.
Di notte, in montagna regna il  buio; per ore il combattente veneto non trova altro che la luce di un mulino. Si fa vivo alle finestre, ma niente, nessuno risponde, troppo timore; sono i primi fuochi di una guerra fratricida, dove il confine fra generosità  e piccole ritrosie è più che mai labile. Dino va avanti, cammina, nutrendosi di quel che trova, orecchio teso verso il minimo rumore; si apre così nelle tenebre il profilo scuro dei fienili di Montarsiccio, in una valletta dietro le coste di Bedonia. Ad attenderlo trova la giovanissima maestra Elda Botti, oggi ottantasettenne. «Si è presentato sull'uscio di casa in ciabatte - ricorda lei -. Mio padre era scettico: aveva paura fosse una spia».
Per capire meglio, bisogna fare un passo indietro. Fino a Munzinghen, in Baviera, dove il soldato De Guio Dino prende ruolo nelle file della neonata Divisione repubblichina Monterosa, come magazziniere di armi e materiali. E’ il maggio del 1944. Tornando in Italia, siamo a luglio del '44, incontra disastri e bombardamenti. Giunge a Tortona, dove qualcuno spinge nello Scrivia quattro carri colmi di materiale logistico.
E' lì, che salta fuori Cozzolino, amico del cuore, che verrà ucciso a Casamurata poco prima dell'«ora designata» per Dino. «Un ragazzo - scrive l’Alpino - che ritrovai un paio di settimane più tardi sulle colline di Borgotaro, dove il nostro battaglione si accampò dopo aver percorso buona parte della Liguria orientale».  Cozzolino viene dal lager. Ficcato lì, in Polonia, catturato dai nazisti. Si arruola con la Divisione Monterosa della Repubblica di Salò, nel tentativo di tornare in Italia. De Guio racconta  che «era quanto di più piacevole stargli vicino, per le battute sempre pronte, nonostante il susseguirsi di azioni di guerriglia».
E’ il quinto anno di guerra. Il comandante è un giovane ufficiale tedesco: Herr Weber. Annota De Guio: «S'intrattiene con ufficiali e soldati in italiano quasi perfetto. Sempre garbatissimo. Il suo sguardo si fa feroce solo quando predica l’ineluttabilità della vittoria finale della Germania». E poi: «La sua voce assume un tono dolcissimo quando discute di musica e poesia. Beethoven e Goethe sono i suoi autori preferiti». Il comandante era però preoccupato per le diserzioni. I soldati sentono il richiamo di casa, dei figli, delle donne.
Pappalardo scappa con quanto più materiale riesce a trafugare. Weber promette a sé e alla Germania che «gliel'avrebbe fatta pagare».
La notte successiva, due giovani alpini toscani vengono intercettati  mentre fuggono dal campo. Il tenente Weber li condanna a morte per fucilazione e si preoccupa di scegliere personalmente i dieci componenti del plotone di esecuzione. Fa il nome di Cozzolino.
«E' sull'orlo del suicidio», appunta De Guio. Che riporta le sue parole, in lacrime: «Perché proprio me?». Due settimane dopo lo sparo, il battaglione viene allontanato dai rilievi emiliani, per spostarsi a Santo Stefano d’Aveto, a ridosso del monte Maggiorasca. Arriva anche la notizia che il tenente Weber è ucciso dai partigiani nei pressi di Bedonia.
Alle cinque di sera del 3 ottobre 1944, il nuovo comandante propone a un gruppo di sette alpini adeguatamente armati di partecipare a un giro di ronda. Ne fanno parte, per la prima volta, sia De Guio, sia Cozzolino. Sembra loro una formalità, più di una reale esigenza di controllo del territorio. Si seggono su due panchine di pietra davanti alla chiesa. «Mani in alto!». Sbuca dal muretto un folto gruppo di uomini. Tolgono i fucili agli alpini e intimano loro di non urlare. Passano 11 giorni a Santa Giustina. Nel frattempo a Santo Stefano D’Aveto viene ucciso a tradimento un partigiano: si decide per la rappresaglia.
Undici giorni, il fuoco, il colpo alla lanterna. La fuga nell’oscurità maestosa delle montagne nelle notti d’autunno. La maestra ventenne di Montarsiccio, Elda. Le notti nel fienile. I sospetti della famiglia, se ospitarlo o no, nasconderlo o no. C'è guerra, si rischia. E poi un uomo in casa con una figlia poco più che adolescente non è cosa di tutti i giorni. Prevale la generosità. Le cose si risolvono grazie anche alla fede e al savoir faire di don Costantino, tarsognino, allora parroco di Montarsiccio.
Racconta Elda Botti, nella sua casa sulla via centrale di Bedonia: «Ho sentito bussare, pensavo fosse il parroco per il firosso. Invece compare un uomo con i pantaloni strappati, un fantasma. “C'avete fame”, chiedo. Gli ho dato pane, latte. “Dov'è Santo Stefano”, mi chiede. Gli abbiamo dato minestrone, ricotta, ancora latte, polenta. Due o tre scodelle. Da quanto non mangiava! Ma avevamo paura, se l’avessero saputo i partigiani, ci bruciavano tutto. L’abbiamo messo nel solaio. E poi in stalla, con il vitellino piccolo». Nei giorni dopo Guio si mette a lavorare per la famiglia. Rimane a Montarsiccio, nascosto, sette mesi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Parma 360»:uno speciale sul festival

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Uccide la moglie malata e si suicida: il dramma di Felegara Foto Video

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

2commenti

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

elezioni 2017

Salvini domani a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

6commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

tribunale

Abusi nelle assunzioni a Stt, tutti prosciolti tranne Costa

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

11commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Mondo

Debbie devasta l'Australia Video

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

SOCIETA'

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon