13°

23°

Provincia-Emilia

Sorbolo, sciopero alla mensa della primaria

Sorbolo, sciopero alla mensa della primaria
Ricevi gratis le news
0

di Cristian Calestani

L’aumento dei buoni pasto non l’hanno proprio digerito. E così alla scuola primaria di Sorbolo è scattato lo «sciopero del pranzo» con circa 250 famiglie che hanno deciso di «incrociare» forchette e coltelli della mensa, facendo consumare in classe, per protesta, il pasto di giovedì scorso ai propri figli. 
L’adesione è stata quasi totale visto che degli alunni che frequentano il tempo pieno della primaria sorbolese solo in due hanno pranzato come da consuetudine in mensa. 
Per tutti gli altri, e le loro famiglie, mangiare in classe portando un panino, una pizzetta e facendo un brindisi con la Coca Cola è stato il modo per opporsi all’aumento di cinquanta centesimi che ha portato, dal primo febbraio, il buono pasto a quota sei euro. 
I rappresentati dei genitori degli alunni del tempo pieno avevano comunicata questa decisione alcuni giorni fa con una lettera inviata al sindaco Angela Zanichelli, all’assessore alla scuola Rita Buzzi, al responsabile dell’Ufficio Scuola e per conoscenza anche alla preside Elena Conforti nonché alla Camst che si occupa della fornitura dei pasti. 
«Esprimiamo disappunto - avevano scritto i genitori - per la decisione del Comune di aumentare il prezzo della mensa scolastica a sei euro, una delle tariffe più elevate della Provincia e della Regione». 
Tra i motivi della protesta, condivisa anche dal consiglio d’istituto, non c'è soltanto l’aumento in sé, che comunque hanno fatto notare in molti è nell’ordine dell’8 per cento, ma anche il fatto che si mette a repentaglio l’importante ruolo della mensa. 
«Il tempo mensa, trascorso con compagni e maestri - hanno precisato ancora i genitori - è una parte integrante del programma educativo delle classi a tempo pieno. Oltre a fornire una sana educazione alimentare, con i bimbi che sono invitati ad assaggiare tutti i cibi imparandone il valore nutritivo, il tempo mensa costituisce un’occasione importante di esercizio dell’autonomia, di rispetto delle regole e un’opportunità per stabilire delle relazioni in condizioni non strutturate. Aumentare il prezzo della mensa può indurre molte famiglie, specie quelle più in difficoltà, a ritirare i bimbi all’ora di pranzo per farli mangiare a casa, magari davanti alla tv, togliendo la possibilità di partecipare ad un’attività scolastica di elevato valore educativo. Per ultimo - avevano poi concluso i genitori - ad un prezzo così elevato non sempre corrisponde un servizio adeguato, sia in termini di qualità che di quantità». 
Alla lettera ha fatto seguito la protesta simbolica di giovedì. «L'adesione è stata quasi totale - ha commentato ieri Alessandro Bianchi rappresentante dei genitori di quarta C - da più parti è giunto l’invito a ripetere l’iniziativa che potremmo riproporre a cadenza periodica. Chiediamo la revoca degli aumenti non tanto per i cinquanta centesimi in più, ma per preservare la qualità della scuola e l’importanza didattica del momento-mensa». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Borgotaro, quattro feriti in uno scontro camion-auto. Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

1commento

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

Calcio

Parma, riscatto a Venezia?

1commento

SALSO

Addio all'imprenditore Nando Bellini

Fontanellato

Addio a Spinazzi, agricoltore all'avanguardia

AL «GULLI»

In passerella le miss «Over 80»

1commento

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

5commenti

Università

Cambiamento climatico: a Parma + 1,8° dagli anni '60 Video

anteprima gazzetta

Massese, i mesi passano e nulla cambia: resta pericolosa

gazzareporter

Strada allagata in via Gramsci

Pilotta

Verdi Off, le emozioni di Brilliant Waltz Video - 2

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

sisma

Terremoto in Messico: il bilancio è di 293 morti, 8 sono stranieri

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, evacuazione di massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Il disco compie 50 anni

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery