-2°

Provincia-Emilia

Langhirano: "Per sconfiggere la mafia ripartire dalle scuole"

Langhirano: "Per sconfiggere la mafia ripartire dalle scuole"
0

di Giulia Coruzzi

LANGHIRANO - Dagli attentati costati la vita a Falcone e Borsellino nel 1992 fino alle infiltrazioni sul nostro territorio: l’incontro promosso dall’assessorato alla Cultura svoltosi nei giorni scorsi al Centro culturale di Langhirano ha permesso al referente provinciale di «Libera» Giuseppe La Pietra di ripercorrere i passi che la mafia ha condotto negli ultimi 19 anni, ma soprattutto di illustrare il senso e gli obiettivi della sua associazione.
Attiva da un anno e mezzo anche a Parma, Libera parte dal prezioso presupposto che la lotta alla mafia sia una responsabilità di tutti. «Lavoriamo su due fronti principali: la formazione e l’informazione - ha sottolineato La Pietra -. La mafia va conosciuta: la criminalità organizzata non è ferma alla coppola e alla lupara. Oggi la “mafia spa” fattura all’anno 140 miliardi di euro, il 6% del Pil nazionale. Il fenomeno va fotografato così com'è».
Il punto di partenza - La Pietra ne è convinto - sono le scuole: «Caponnetto, capo del pool antimafia al quale appartenevano Falcone e Borsellino, ha girato tutte le scuole d’Italia e ha sempre ripetuto: “La mafia teme più la scuola della giustizia”, perché la mafia è un atteggiamento che cresce dentro gli individui e va sradicato sul nascere. La mafia è un modo d’essere, non c'è bisogno di chiamarsi Zagaria per essere mafiosi». Da una relazione della Dia (Direzione investigativa antimafia) del primo semestre 2010 risulta che nelle province di Bologna, Modena, Reggio Emilia e Parma è consolidata la presenza di cosche dell’ndrangheta. Di non troppi mesi fa era l’operazione che permise di comprendere come il parmigiano Aldo Bazzini, suocero di Pasquale Zagaria, si fosse messo al servizio della mafia.
«A fine 2009 furono sequestrati a Bazzini 20 milioni di euro - ha aggiunto La Pietra -. Spesso chi si associa alle realtà della criminalità organizzata ha studiato nelle migliori università, parla tre o quattro lingue: le mafie non assoldano i pezzenti. Sono numerose le operazioni condotte sul nostro territorio, dove la mafia arriva in silenzio. Anche a Langhirano, come si sa, sono stati confiscati beni alla mafia».
Recentemente a Parma si era trasferito uno dei «luogotenenti di Daniele Emmanuello», Salvatore Terlati, che, con la complicità di alcuni imprenditori gelesi che operavano sul posto, era riuscito a mettere in piedi una lucrosa attività di caporalato, piazzando in varie imprese del nord manodopera specializzata, saldatori, tubisti, carpentieri, provenienti da Gela. «Il settore agroalimentare è un settore ora molto delicato - ha concluso il referente di Libera -. Bisogna tenere alta l’attenzione».
 E a quest’ultima considerazione gli ha fatto eco Andrea Rizzi, segretario Cgil: «Il mondo del lavoro, specie quello legato all’alimentare, va monitorato costantemente. Il controllo non può limitarsi alla filiera delle materie, ma anche a quella dei lavoratori coinvolti nel processo produttivo». All’incontro faranno seguito altri appuntamenti per approfondire in maniera puntuale e coinvolgente il tema della legalità.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Pizzarotti

intervista

Pizzarotti a Radio Parma: "Pronto progetto per piazza della Pace" Diretta

2commenti

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

incidente

San Polo di Torrile, auto fuori strada: un ferito

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

2commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

28commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Ora il piccolo Edoardo sa della morte dei genitori

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto