-7°

Provincia-Emilia

Berni: "O si salva la ceramica o muore Bedonia"

Berni: "O si salva la ceramica o muore Bedonia"
0

Paolo M. Amadasi
Ol'industria ceramica torna a vivere, o la montagna sarà destinata a morire. Carlo Berni, dal giugno 2009 sindaco di Bedonia, utilizza espressioni forti. La sua è una presa di posizione dura. «Ma - spiega - non ci sono alternative». L'amministrazione comunale bedoniese ha acquistato una pagina della Gazzetta di Parma per lanciare un «grido d'allarme» sul problema dell'occupazione. La chiusura definitiva dello stabilimento di Borio lascerebbe senza lavoro i 270 lavoratori, che attualmente stanno usufruendo della  cassa integrazione a zero ore. «L'abbiamo fatto per suonare la sveglia»  sottolinea il sindaco.
C'è qualcuno che dorme?
«Voglio che si sveglino tutti - spiega Berni -. In primo luogo i montanari. Mi sembra incredibile che di fronte ad una situazione così drammatica non vi siano cartelli di protesta ovunque. E' anche colpa dei lavoratori. In questo periodo si può dire che siamo distratti dal Carnevale, ma il problema va avanti dal dicembre 2008, quando gli impianti sono stati   chiusi. Per una realtà come la nostra, il caso della Fincuoghi non è   meno grave di quello della Fiat a Termini Imerese. L'intera valle morirebbe. Per questo abbiamo voluto dare una sveglia anche al mondo istituzionale, politico, ma anche alle organizzazioni di categoria».
Cosa teme?
«Se l'industria della ceramica dovesse chiudere per sempre  trascinerebbe nel baratro   l'indotto, fatto di tante piccole imprese artigiane  che lavorano esclusivamente per la Fincuoghi. Il “giorno dopo” rappresenterebbe per noi l'esplosione di gravi problemi sociali. Non dobbiamo dimenticare che anche  se Parma è ottava in Italia per indice di sviluppo, a 80 chilometri di distanza c'è una delle aree più povere di tutto il Nord. Azzerare dei posti di lavoro, vuol dire costringere la gente ad andare via. E distanze così grandi non renderebbero possibile il pendolarismo. Non ci sarebbe nessuna possibilità di frenare una drammatica emigrazione di massa. Come negli anni Sessanta».
Il tribunale di Modena sta  valutando l'ipotesi di concordato preventivo chiesto dalla Fincuoghi. Qual è lo scenario possibile?
«Il 68 per cento dei creditori si è detto favorevole al concordato preventivo per evitare il fallimento della società. Il piano prevede che rimanga in funzione solo lo stabilimento di Borgotaro. Come Comune ci siamo dati da fare: la soluzione non era  soddisfacente  per noi e per i nostri cittadini. Dalla primavera dello scorso anno,  abbiamo veramente fatto i salti mortali, ma alla fine ce l'abbiamo fatta: abbiamo trovato un imprenditore disponibile ad investire 20 milioni di euro per mantenere in funzione lo stabilimento, potenziarlo e garantire un'occupazione addirittura maggiore rispetto alla precedente. Dell'ordine di  100 unità lavorative.  Penso che sia un episodio più unico che raro, ma l'imprenditore ha bisogno di certezze. Se da Modena non arrivano risposte in tempi brevi, il rischio è che possa dirottare altrove il proprio interesse».
Come mai non c'è   un tavolo istituzionale sulla Fincuoghi?
«Io non ho sentito il presidente della Regione dire nulla sulla Fincuoghi. Ma su altri casi sì. Forse non c'è collegamento fra istituzioni. A Mirandola è stato aperto un tavolo nazionale coinvolgendo il governo per 400 dipendenti. In relazione al territorio, i  trecento di Bedonia hanno un'incidenza molto maggiore. Per questo credo che debbano intervenire tutti, compreso il prefetto.   E' ora di smetterla di  riempirsi la bocca parlando della  montagna:   bisogna sporcarsi le mani e lavorare per risolvere i problemi. Io  non voglio darmi per vinto.   Facendo un paragone calcistico, possiamo dire che stiamo perdendo 1-0 e all'ultimo minuto abbiamo un calcio d'angolo a favore: dobbiamo puntare tutti in avanti per segnare il gol del   pareggio».
Come vede il futuro?
«Se devo essere sincero, sono pessimista. Servono risposte in tempi brevi. Nel giro di una settimana può cambiare tutto. E nelle decisioni, non si può non tenere conto della situazione sociale. Quasi trecento dipendenti sono altrettante famiglie.  E se sarà fallimento, questa sarà solo la prima crisi, poi dovremo assistere alla chiusura di  tante piccole aziende anche familiari che lavorano quasi esclusivamente per Fincuoghi.  Sono convinto che non ci si renda conto della situazione drammatica che si sta vivendo in questa zona. Se si abita a 70-80 km da Parma non può scattare il pendolarismo: riprenderebbe la corsa all'emigrazione che si era fermata, fatto  salvo il caso di chi  aveva titoli di studio particolari».
E se la gente va via, c'è il rischio di perdere quei servizi faticosamente mantenuti fino ad ora... 
«E' solo grazie ai posti di lavoro che abbiamo potuto salvare i servizi. Ad essere sinceri, il giorno dopo   l'eventuale fallimento ci sarebbe veramente da valutare  quale può essere il ruolo di un sindaco in un territorio del genere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

MusicaU2, tutto esaurito a Roma. Annunciata la seconda data

Musica

U2, tutto esaurito a Roma: annunciata la seconda data

Eva Herzigova

Eva Herzigova

L'INDISCRETO

Bellezze mozzafiato e vallette a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Incidente sulla via Emilia: traffico bloccato a Parola

Fontanellato

Scontro auto-camion sulla via Emilia: un ferito grave a Parola

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

CLASSIFICA DEL "Sole"

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

21commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Calcio

Il Parma acquista Munari: oggi la presentazione con Edera Video

Il centrocampista ha già giocato con la maglia crociata in serie A e in Coppa Italia

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

polemica

"Marchio Parma in Giappone", affondo della Lega, Casa risponde

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

FIDENZA

Meningite, la conferma: non c'è rischio contagio

Senzatetto

Viaggio fra gli «invisibili». Ed è polemica fra Comune e Diocesi

3commenti

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Omicidio

«Ho prestato la mia auto a Turco, era solo un favore»

La storia

In via Po circondati dal degrado

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Le sfide della città

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

BOLOGNA

Stupra disabile nel bagno di un bar: la Lega Nord chiede la castrazione chimica

SOCIETA'

Parma

Giocampus Neve da tutto esaurito

ISTAT

Grandi città fuori dalla deflazione. Sopra i 150mila abitanti Parma tra le più care

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video