10°

20°

Provincia-Emilia

Casale: l'abside dell'oratorio torna a brillare

Casale: l'abside dell'oratorio torna a brillare
0

Cristina Pelagatti
Gli abitanti di Casale hanno un motivo per festeggiare: l’interno dell’oratorio di San Rocco è tornato a risplendere, almeno in parte. Grazie al lungo lavoro delle restauratrici Carlotta Chiari e Cecilia Torti, infatti, sono tornati alla luce gli affreschi dell’abside dell’oratorio di San Rocco. La costruzione dell’oratorio di Casale, il più antico della valle del Baganza dedicato a San Rocco, risale al 1400 per quel che riguarda la base, la parte dell’abside, successivamente aggiunta, è del 1700. Di proprietà della famiglia Cella, i due fratelli Tommaso e l’arciprete Angelo Cella ottennero nel 1779 il permesso di celebrarvi la messa quotidiana, donandola nel 1792 alla parrocchia di Carignano, perché divenisse oratorio pubblico.
E nel tentativo di restituire alla comunità di Casale un po' dell’antico splendore, la Parrocchia di Carignano, la Diocesi di Parma e alcuni parrocchiani generosi hanno finanziato il restauro dell’abside. Il progetto è stato affidato alla ditta Metodo snc di Carlotta Chiari e Cecilia Torti: le due restauratrici, per diversi mesi, hanno compiuto un vero e proprio lavoro di cesello. «La decorazione originaria era coperta da vari strati di insaccature successive - hanno spiegato -, abbiamo effettuato campionature e mano a mano sono venute fuori decorazioni a calce sulle quali abbiamo lavorato, mantenendo il più possibile l’originale e, dove possibile, abbiamo fatto qualche ricostruzione esaltando l’originale. La difficoltà in questo caso - hanno specificato le due restauratrici - è che solitamente le decorazioni sono ripetitive, qui sembrano ripetitive perché sono stati rispettati i canoni ma, in realtà, sono composte da particolari sempre diversi e dove mancava l’originale non abbiamo potuto ricostruire».
Originali Le restauratrici hanno lavorato per riportare alla vista gli affreschi originali del 1700 prima con la pulitura a secco (con spatola e bisturi), poi con il consolidamento degli intonaci, stuccandoli con iniezioni di malta idraulica, in seguito hanno effettuato stuccature con grassello di calce e polvere di marmo e per finire hanno lavorato sui colori con ritocchi ad acquerello.
«Il progetto è stato seguito dalla Soprintendenza ai Beni artistici - hanno spiegato le restauratrici - ed i parrocchiani hanno avuto molta pazienza a sopportare i disagi che ha comportato la lunga ristrutturazione».
Dalla fine di maggio del 2010 al febbraio scorso, mentre proseguivano i lavori nell’abside infatti, le messe della domenica sono state regolarmente celebrate da don Giuseppe Fadani, parroco di Carignano: Casale, infatti, pur rientrando nel comune di Felino, appartiene ecclesiasticamente alla parrocchia di Carignano.
«La comunità ha mostrato molto entusiasmo per ciò che è uscito dal restauro - ha commentato don Giuseppe - il nostro auspicio è di poter trovare finanziamenti affinché possano essere restaurate anche le volte e la pareti della navata e la parete della controfacciata. Economicamente è un grande impegno: per il restauro la parrocchia di Carignano, grazie alla diocesi ed alle donazioni dei parrocchiani, ha speso 25 mila euro, per continuare l’opera ci vorrebbe il doppio di quella cifra».
Mentre la comunità di Casale ammira l’abside restaurata ed attende speranzosa i finanziamenti per veder tornare completamente alla vita l’oratorio di San Rocco, l’attività pastorale non si ferma. Don Giuseppe celebra la messa ogni domenica mattina alle 9.30.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Addio a Valenti, lo sportivo

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

1commento

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

MUSICA

"Canzone per curare le piante": il nuovo singolo dei ManìnBlù Video

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

8commenti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

7commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport