15°

Provincia-Emilia

Croci e messaggi di vendetta dove morirono gli squadristi

Croci e messaggi di vendetta dove morirono gli squadristi
3

 Roberto Cerocchi

Nell’ultimo consiglio il capogruppo di «Medesano Democratica» Alessandro Barbieri   ha segnalato la comparsa di due croci in ferro collocate di recente ai lati della strada Costa Garibalda, appena a monte della località «Ventola». Sulla   prima croce è scritto: «In questo luogo il 15 marzo 1945 trovarono la fine della vita cinque ventenni». Sulla targhetta della seconda croce, posta più a valle e nella parte opposta della strada si legge: «Qui nel marzo 1945 i grandi eroi della Patria mitragliarono alle spalle tre giovani camicie nere poi da morti gli fracassarono la testa. Sul selciato erano Testi Vasco, Fossa Aldo, Dall’Ovo Orlando. Al civile Maini Agato, di anni 17, ferito gli spararono in bocca. Giusto. Sangue chiama sangue e questa è la storia. I parenti non dimenticano. Grazie». 
Barbieri ha  parlato: di «pericolosa riabilitazione dell’esperienza fascista»  riferendosi alla «posa di due croci in via Costa Garibaldi recanti frasi violente e infamanti nei confronti dei Partigiani e in memoria di quattro giovani militi della Brigata Nera della Rsi». 
«Occorre ancora una volta precisare, in relazione all’episodio delle croci, che speriamo vengano presto rimosse - ha poi commentato  il consigliere Barbieri - che chi scelse la Rsi (anche se inconsapevolmente, o a seguito di un indottrinamento ventennale o semplicemente sotto minaccia) non può essere in alcun modo giustificato. Pietà per i morti sì, legittimare le scelte fatte in vita no. Giustificare e legittimare tale scelta significa: legittimare un governo illegale e illegittimo dal punto di vista giuridico, giustificare il collaborazionismo con il nazismo di Hitler, le leggi razziali, le rappresaglie e le migliaia di vittime delle Ss, le deportazioni di ebrei e oppositori politici, ma significa anche dimenticare le vittime». 
I giovani della Rsi al momento del conflitto a fuoco con un gruppo di partigiani - erano circa le 18 del 15 marzo 1943 - stavano ritornando a Miano in bicicletta dove c'era un presidio dopo aver scortato a Medesano Lisoni, comandante della Brigata Nera di Noceto. Il più giovane di loro era Vasco Testi nato a Golese di Parma il 21 luglio del 1928 che abitava in paese in via Roma. Nel libro «Parma nella Repubblica Sociale» di Franco Morini, viene riportata sull'accaduto un brano di Fra Ginepro: «...la loro adolescenza limpida ed eroica fu lordata e massacrata. Le salme furono pietosamente ricomposte dai commilitoni, fasciate le mani e bendata la testa, perché i familiari non vedessero lo scempio. La popolazione ha deprecato l’orribile delitto». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franco morini

    09 Marzo @ 02.11

    " Quel che non perdono al mio tempo è di aver costruito l'alibi della propria viltà diffamando gli Eroi" ( Adriano Romualdi)

    Rispondi

  • Lorenzo

    07 Marzo @ 22.03

    Anche i nemici hanno le loro ragioni, anche tra i nemici vi sono galantuomini e vittime di atti bestiali, anche il nemico in una guerra civile ama la Patria; se dopo tanti decenni non siamo in grado di riconoscere queste ovvietà e raccontiamo ai nostri posteri le solite mezze verità quindi bugie intere, non solo possiamo evitare di festeggiare i 150 anni di unità ma ci rendiamo colpevoli di fronte ai nostri figli di vigliaccheria. Onoriamo tutti i morti, vince la guerra chi riesce a ritornare da quella esperienza senza odio.

    Rispondi

  • paolo

    07 Marzo @ 18.22

    se tutti i fascisti avessero fatto allora la stessa fine, oggi avremmo un'italia migliore

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv