22°

32°

Provincia-Emilia

La Iacopini: «La culla di Verdi non può essere un paese dormitorio»

La Iacopini: «La culla di Verdi non può essere un paese dormitorio»
Ricevi gratis le news
0

Paolo Panni

Situazione politica in pieno fermento a Busseto in vista delle amministrative di maggio. Dopo l’ufficializzazione di Maria Giovanna Gambazza a candidato sindaco della lista civica «Città viva - La stagione dell’impegno» (area di centrosinistra), anche il gruppo «Onda d’urto - Busseto cambia» scopre le sue carte.
Il movimento è guidato da un’altra donna, la 44enne Cinzia Iacopini, che già da diverse settimane ha ufficializzato la decisione di «scendere in campo». Scrittrice e «rompiscatole politico», come lei stessa di definisce, ha un passato da consigliere comunale durante la legislatura guidata dal leghista Giorgio Cavitelli. Ed è l’unica del suo gruppo ad avere esperienza amministrativa. 
«La mia formazione è avvenuta nella Lega e non rinnego affatto questo passato politico - spiega - Sono una federalista convinta fin dal 1992 quando, da giovane studentessa universitaria (è laureata in giurisprudenza, ndr) incontrai i testi di un geniale costituzionalista: il professor Miglio». Ma quello col Carroccio è oggi un «capitolo chiuso» e «la scelta di costituire una lista civica nasce dall’esigenza di poter agire nell’esclusivo interesse dei cittadini: ciò è possibile solo quando si è liberi dai “guinzagli” delle segreterie di partito».
«Abbiamo scelto il nome “Onda d’urto” perché vogliamo spazzare via i partiti, e soprattutto i servi di partito. Vogliamo ricostruire una Busseto diversa,  che finalmente veda riconosciuto il suo prestigio a livello internazionale». La Iacopini è una che non va certo per il sottile: «In questa competizione, noi siamo gli unici soggetti autenticamente civici».
Parlando quindi dei progetti del suo movimento definisce «inaccettabile che la culla di Verdi sia ridotta ad un paese dormitorio. Busseto dovrebbe essere città culturale per eccellenza. Le manifestazioni, le opere, i concerti, distribuite lungo tutto l’arco dell’anno, devono garantire un grande afflusso turistico. Esso costituisce una risorsa fino ad ora mai sfruttata, e che può invece diventare supporto per le attività commerciali. La priorità va certamente alla lirica, ma senza dimenticare altri tipi di eventi connessi alla musica contemporanea, o manifestazioni  a tema enogastronomico, che necessitano di spazi adeguati».
La Iacopini pensa ad «una riqualificazione del centro storico, che sia accogliente e curato, vivibile e piacevole per gli stessi cittadini. Si deve sopperire alla mancanza di servizi per i giovani, che reclamano strutture polivalenti dove praticare sport, una piscina e magari uno spazio per i più piccoli, dove incontrarsi nei mesi freddi. Una vera emergenza  è costituita dal settore sviluppo. Bisogna favorire le attività produttive, scegliendo le produzioni col minor impatto ambientale, a tutela della salute dei cittadini. Vanno agevolate le imprese che decidono di insediarsi nel territorio attraverso sgravi delle imposte, e semplificazione della burocrazia. Negli anni passati gli imprenditori hanno lasciato Busseto, approdando nei comuni limitrofi che hanno saputo offrire loro supporto. Dobbiamo invertire la tendenza  affinché si creino posti di lavoro per i bussetani». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rochetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

viabilità

E' tempo di nuove partenze: traffico rallentato in A1 e Autocisa Tempo reale

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti