Provincia-Emilia

Siti nucleari - Pd: nella mappa "nascosta" dal governo c'è anche la zona fra Fidenza e il Taro

Ricevi gratis le news
40

Ecco l’elenco del Cnen del 1979 oggetto dell’interrogazione del gruppo del Pd alla Camera, che denuncia l’esistenza di una mappa di siti nucleari "nascosta dal governo":

Piemonte
1. la zona lungo il Po, da Trino a nord di Chivasso (Vercelli).
2. la zona intorno alla Dora Baltea a sud di Ivrea (Biella) Lombardia
3. la zona a nord di Voghera lungo il Po (Pavia) 4. la zona a sud di Mantova lungo il Po 5. la zona a sud di Cremona lungo il Po Veneto 6. la zona a sud di Legnago fra Adige e Po (Rovigo) 7. la zona del delta del Po (Rovigo) 8. la zona della foce del Piave (Venezia) 9. la zona costiera al confine con il Friuli (Venezia)
Friuli Venezia Giulia 10. la zona costiera al confine con il Veneto (Udine)
11. la zona lungo il Tagliamento tra Spilimbergo e Latisana (Udine-Pordenone) Emilia Romagna 12. La zona costiera a nord (Ferrara e Ravenna) e la meridionale fino a Rimini 13. La zona a nord di Fidenza fra Taro e Po (Parma) Toscana 14. Isola di Pianosa (Livorno) 15. la zona costiera a nord di Piombino fino a Cecina (Livorno)
16. la zona a sud di Piombino fino a Follonica (Grosseto) 17. la zona costiera di Grosseto e la zona a nord e a sud del Monte Argentario (Grosseto) Lazio 18. la zona costiera di Montalto di Castro (Viterbo) 19. l’area di confluenza tra Nera e Tevere tra Magliano Sabina e Orte (Viterbo)
20. l’area costiera di Borgo Sabotino (Latina)Campania 21. Foce del Garigliano (Caserta) 22. Foce del Sele (Salerno) Calabria 23. area costiera di Sibari (Cosenza)
24. la zona costiera tra il fiume Nic… e la citt… di Cosenza. 25. la zona costiera ionica vicino alla foce del Neto (Crotone) a nord di Crotone (Marina di Strongoli, Torre Melissa, Contrada Cangemi, Tronca). 26. la zona costiera ionica in corrispondenza di Sella Marina, tra il fiume Simeri e il fiume Alli (Catanzaro) Molise 27. la zona costiera meridionale alla foce del Biferno (Termoli) Puglia 28. zona costiera al confine con la Basilicata (Taranto) 29. zona costiera a nord del promontorio del Gargano in prossimit… di Lesina (Foggia)
30. zona costiera del Golfo di Manfredonia (Foggia)
31. la zona costiera ionica a nord di Porto Cesareo (Lecce) 32. la zona costiera ionica a sud di Gallipoli (Lecce)
33. la zona costiera adriatica a nord di Otranto (Lecce) vincoli naturalistici 34. la zona costiera a sud di Brindisi (Lecce) vincoli naturalistici 35. la zona costiera in corrispondenza di Ostuni (Brindisi)
Basilicata 36. tutta la costa ionica della regione Sardegna 37. foce del Flumendosa (Cagliari) 38. costa orientale a sud del Golfo di Orosei (Nuoro) 39. costa orientale a nord del Golfo di Orosei (Nuoro)
40. zona costiera sud tra Pula e Santa Margherita di Pula (Cagliari) 41. costa occidentale zona costiera a nord e sud del Golfo di Oristano (Oristano)
Sicilia 42. zona costiera intorno al comune di Licata (Agrigento) 43. la zona costiera tra Marina di Ragusa e Torre di Mezzo (Ragusa) 44. la zona costiera intorno a Gela (Caltanissetta)
45. la zona costiera a sud di Mazara del Vallo (Trapani).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    16 Marzo @ 08.33

    Signor GB ha ragione per la terminologia però mi permetta di fare un’eccezione per gran parte dei politici? È molto triste vedere dichiarazioni di politici fino a una settimana fa convintissimi del nucleare non solo fare marcia indietro ma arrivare ad affermare “io l’avevo detto, lo avevo scritto, sono sempre stato contrario al nucleare”. Queste persone sono ancora peggio dei politici che in questi mesi si sono schierati con il “sono favorevole al nucleare ma nella mia regione no perchè autonoma, meglio in altre regioni”, senza nemmeno sapere o ancor peggio mentire riguardo all’autonomia della propria regione dal punto di vista elettrico. A queste persone non si sentirebbe, chiaramente da cittadino e non giornalista, di apostrofarle con altri termini visto che giocano e raccolgono consensi o meno sulla pelle dei cittadini? Altra cosa poi, strettamente legata alla produzione di energia, è la progressiva conversione di centrali idroelettriche a carbone o altre sostanze pulite tramite combustione. Ma come mai non si parla mai di questo? Ma come fa ad essere pulito il carbone? Ma quando utilizziamo le auto emettiamo fumi puliti?

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    16 Marzo @ 08.08

    Infatti il mio invito, così come la minaccia del cestino, è - come scrivo nella mail - per "i lettori" e per "ognuno"

    Rispondi

  • Ippotommaso

    15 Marzo @ 21.36

    Intanto Balestrazzi la ringrazio nuovamente per aver pubblicato il mio messaggio, forse rileggendo quelli di Vercingetorige noterà che quella parole che ho usato io sono già state utilizzate da lui "QUELLI CHE PARLANO A VANVERA", "QUESTA E' UN' EMERITA BALLA", per citare solo l'ultimo messaggio, senza che venisse sollevata alcuna critica. Il mio problema è che ho l'abitudine di chiamare le cose col loro nome sopratutto quanto sono abnormi ma comprendo che viviamo in una realtà nella quale tutto deve essere più "soft". Eviterò in futuro di replicare a chi scrive... "inesattezze" (curiosamente ripetute a ritmo martellante per 4 giorni di fila).

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    15 Marzo @ 19.10

    Ippotommaso, ho pubblicato la mail così com'è: e sarà eventualmente Vercingetorige a risponderle sui contenuti.Ma quello che non mi piace, e che mi ha dato la tentazione di cestinare, è che troppo spesso i lettori usano verso l'interlocutore toni inaccettabili: "boiate", "balle"...se le sono lasciamolo decidere agli altri. Ognuno dica la sua con più calma. Altrimenti il cestino diventerà la meta inevitabile di molte mail. Grazie. (G.B.)

    Rispondi

  • Ippotommaso

    15 Marzo @ 18.24

    Spero di riuscire a trattenermi e che questo post possa passare il vaglio della moderazione ma di fronte a tanta fanfaronaggine e falsità che potrebbe essere addirittura denunciata come abuso della credulità popolare mi riesce difficile non intervenire. Ho letto boiate assurde da venerdì scorso, scritte in particolar modo da Vercingetorige che da non so quale cattedra pretendere di poter raccontare balle senza ritengo. Quello che a me da molto fastidio è che per esporre al propria tesi vengano portate a sostegno menzogne assurde invece che fatti reali. Le balle raccontate: 1 - il crollo della diga del Vajont: fatto mai avvenuto, la diga è ancora là in TUTTA la sua INTEREZZA (uso anche io il maiuscolo, sembra andare di moda), per sincerarsene basta schiodare il sedere dalla poltrona davanti al PC ed andarsela a vedere; 2 - la centrale di Chernobyl è ancora attiva: ma le informazioni le prende dalla Pravda pre-1989? Chernobyl è dismessa/spenta/disattivata/il-termine-che-preferisce da più di 10 anni; provi ad andare a Prypiat per vedere se è attiva o no, naturalmente si protegga per bene visto che il livello di contaminazione risulta piuttosto elevato a distanza di 25 anni; 3 - la centrale in Slovenia è un residuato del comunismo sovietico: un paio di palle, è un reattore americano di tipo PWR (reattore ad acqua in pressione) della Westinghouse. Per sincerarsene www.iaea.org; 4 - i morti causati dal crollo della diga sono molti di più di quelli causati dalla centrale di Fukushima: intanto vorrei sapere dove ha preso questi dati visto che neppure le autorità giapponesi li conoscono (confido da qualche servizio segreto) ma forse le sfugge che le vittime delle fuoriuscite di radionuclidi non si hanno nell'immediato ma nei giorni-mesi-anni-lustri-decenni successivi e non sono necessariamente morti ma bambini deformi o con deficienze mentali, uomini e e donne sterili, ecc. Per sincerarsene ci sono i dati delle agenzie sanitarie nazionali ed internazionali. Queste sono solo le più grossolane ma ce ne sarebbe da scrivere per giorni sulle assurdità usate come arma di persuasione invece che portare fatti ed informazioni per fare chiarezza e trasparenza. Come vede tutto quello che ho scritto è verificabile molto facilmente. Attendo invece di sapere la fonte delle sue pseudo-propagandistiche disinformazioni e mi aspetto di essere messo, da Lei, nella casellina degli ANTI-NUCLEARISTI. Gradirei sapere in base a quali studi può parlare di sicurezza intrinseca delle centrali di III generazione che non sono altro che restyling di quelle di II con l'aggiunta di alcuni accorgimenti in più ma che le agenzia per la sicurezza nucleare francese ed inglese hanno dichiarato essere insicure proprio in caso d'emergenza. Sono convinto che chi, a livello politico e di lobby, spinge tanto verso il nucleare abbia interessi economici in ballo (azioni di società) ma fatico a comprendere perché altri debbano urlare la loro adorazione verso questa tipologia energetica senza un briciolo di capacità critica e di analisi, ripetendo all'infinito il mantra: ci sono centinaia di centrali nei paesi confinanti che contaminerebbero anche noi allora costruiamole pure qui (così se deve succedere almeno è perché ci siamo ammazzati da soli). Grazie alla Gazzetta di Parma.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS