-2°

Provincia-Emilia

Salso e Miss Italia - "Ora bisogna trovare un'alternativa"

Salso e Miss Italia - "Ora bisogna trovare un'alternativa"
Ricevi gratis le news
8

 Angelica Siclari

«Ok» per il divorzio da Miss Italia. Ma forse prima bisognava trovare una manifestazione alternativa di uguale valore promozionale. Questa l’opinione dei presidenti delle associazioni alberghiere e commerciali della città. 
«Non siamo certamente sorpresi da questo divorzio che era già nell’aria da tempo. Ma riteniamo che questo “addio” non sia il problema reale - fa notare Ernesto Callegaro, presidente dell’Adast, l’associazione albergatori di Salso e Tabiano -. Il problema reale è che adesso non abbiamo più nessun tipo di promozione alternativa per la città, questo a prescindere da Miss Italia. Abbiamo sempre sostenuto che prima di lasciare Miss Italia, proprio per il veicolo pubblicitario che era, bisognava creare uno o più eventi alternativi, fonte di una promozione che porti il nome di Salso al di fuori di Fidenza. E invece non è stato fatto».
Uno che ha sempre creduto nel matrimonio con Miss Italia è Giorgio Vernazza, presidente della Confesercenti di Salso: «Io sono sempre stato uno dei sostenitori affinché il concorso rimanesse. Prima di tutto perché dava lustro e visibilità alla città, sia per la sua presenza sia sui mass media, come veicolo pubblicitario e di promozione. A mio parere il rapporto fra i  costi del concorso e la pubblicità che ne derivava per Salsomaggiore e Tabiano era  decisamente favorevole. Basti   pensare a quanto costa uno spot sui canali nazionali». 
 
«Ora - ha aggiunto Vernazza - siamo arrivati al divorzio “consensuale”: le motivazione sono le “solite”, le problematiche economiche che oggi sussistono. Ora “il da farsi” è certamente trovare qualcosa di alternativo per avere la stessa visibilità che potevamo avere con il concorso di Miss Italia. Certo era meglio prima trovare "una sostituzione" poi arrivare al divorzio».
«Già dall’indagine che avevamo fatto nei mesi scorsi fra i nostri associati era emerso che il concorso non interessava più - rileva Luciano Marzolini presidente dell’Ascom - quindi non siamo sorpresi di questo divorzio. Il problema è che non ci sono più risorse per farlo sia per i tagli che per la crisi. Inoltre il concorso da tempo non aveva più una caduta promozionale rilevante sul territorio. Bisogna però pensare subito ad una alternativa al concorso di bellezza  e vedere le risorse da mettere in campo in un progetto che possa essere condiviso e che   coinvolga pubblico e privato. Si potrebbero proporre eventi e manifestazioni anche di carattere culturale, ma di certo bisogna ripensare a qualcosa   che crei un'attrattiva». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • MICHI

    22 Marzo @ 18.24

    CERTO CHE 600 MILA EURO PER IL CONCORSO...E ALLE RAGAZZE PER DAGLI UN CONTENTINO UN PAIO DI SLIP!!...CHE RIDERE!!...AH AH AH

    Rispondi

  • argante

    16 Marzo @ 13.35

    Tutto scorre. Anche questo consueto appuntamento ha trovato la sua definizione. Forse per stanchezza, forse per apatia sopraggiunta? Chissà chi può dirlo, del resto ogni opinione ha una sua verità, resta un solo enigma da risolvere ad oggi, domandarsi se il concetto del bello e dell’arte possa essere raccolto in un concorso quale quello di Miss Italia. A questo non oso rispondere anche perché il bello è cio’ che piace , universalmente e senza concetto, una definizione non mia ovviamente, ma che racchiude un significato che se esaminato sotto l’aspetto teleologico riunisce il tutto e il nulla. Così è a mio avviso il concorso di cui trattasi, tutto e niente, tutto perché vorrebbe essere espressione del bello e niente perché anela ad essere espressione di un arte che non è poi così evidente. L’oracolo di Delfi, al quesito su come va considerata la Bellezza risponde” il più giusto è il più bello”. Chissà forse ora qualcuno ha ritenuto più giusto affrontare altre tematiche che quelle della Bellezza alla luce di eccessi sociali che hanno portato alla negazione di un evento mai definito,l’essenzialità, quale causa dell’essere uomini, capaci di esprimere l’arte della bontà e dell’equità, attraverso l’osservanza di principi regolatori del “sistema “ politico chiamato Italia che, ancora una volta, ha vacillato, finanche avanti al tema della "Bellezza". Argante

    Rispondi

  • sabcarrera

    16 Marzo @ 10.37

    Bella programmazione. Prima si chiude la manifestazione poi si pensa a cosa si può fare al suo posto. UNa sfilata delle "Se non ora quando"?

    Rispondi

  • Gelati Patrizia

    16 Marzo @ 09.02

    Con tutti i fossili e i minerali che ci sono,con tante persone che si interessano a questo argomento non si riesce a fare una mostra permanente,un mercato di scambio?A verona c'è a Bologna c'è a Cremona ecc..ecc..basta cominciare e rivolgersi agli esperti del settore!Se Salsomaggiore non si rende conto delle possibilità che ha attorno vuol dire che l'amministrazione è cieca!

    Rispondi

  • PINO CANEPARI

    16 Marzo @ 08.14

    CONTENTISSIMO DELLA DECISIONE INFINE PRESA DAI SALSESI .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

6commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

PADOVA

Azienda non riusciva a trovare 70 operai: dopo l'appello 5mila domande

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande