12°

24°

Provincia-Emilia

Monte Ardone: "Controlli sempre più necessari"

Monte Ardone: "Controlli sempre più necessari"
Ricevi gratis le news
0

Donatella Canali
Monte Ardone è tornata nei giorni scorsi all’onore delle cronache nazionali. Dalle pagine de «L'Espresso» l’impianto fornovese era, seppur indirettamente, tirato in ballo da un articolo di Riccardo Bocca  dedicato al parlamentare leghista Giovanni Fava, neo dimissionario dalla commissione ministeriale sull'ambiente e consigliere nella società Palladio Team, gestore della discarica.
 Tra gli interventi riportati dal giornalista, quello del consigliere comunale di minoranza Ivan Paletti: un breve commento,  ma sufficiente a riaccendere commenti e a far tornare sotto i riflettori fornovesi la «spina nel fianco» Monte Ardone, nata, svezzata e cresciuta tra polemiche, indagini, pareri favorevoli e contrasti e mancate autorizzazioni. Per non farsi mancare nulla la discarica aveva subito anche un grave incendio.
 Come si ricorderà il destino dell’impianto post incendio prevedeva, dopo il rifacimento del fondo, il conferimento di uno strato di materiale inerte, un «kapping» che serviva a verificare la tenuta e quindi la possibile conversione. Cosa che è avvenuta: a Monte Ardone arriva, da diverse zone d’Italia, materiale inerte. Visti i tanti episodi, a livello nazionale, affiorati o ventilati, di commistione tra l’irrinunciabile «risorsa rifiuti» e criminalità organizzata, il controllo su impianti come quello fornovese risulta più che mai indispensabile. Garanzie su questo fronte potranno venire dall’Osservatorio ambientale di Monte Ardone, che si è recentemente costituito e riunito. L’organismo è composto da rappresentanti e tecnici dell’Amministrazione comunale di Fornovo, della Provincia di Parma, della Comunità Montana delle Valli Taro e Ceno, dell’Ausl, dell’Arpa, del comitato dei Prosciuttifici della Val Baganza, dei tre gruppi Consiliari di minoranza e Legambiente. Uno degli incontri dell’organismo di controllo, si è tenuto proprio a Monte Ardone all’interno della discarica, con la presenza del rappresentante della Palladio Team Fornovo, che gestisce l’impianto. Poca fiducia in questo organismo è stata segnalata da Paletti: «Così com'è l’osservatorio non serve a niente. Non ha nessun potere ispettivo e di controllo. Ciò che sappiamo è quello che ci dice il gestore. Il controllo del materiale conferito viene effettuato a campione e certificato dagli stessi conferenti al momento della partenza dei camion: in sostanza il controllato ed il controllore sono la stessa cosa. Per quanto ne sappiamo sotto la targa «inerti» potrebbe passare qualunque cosa. A nostro a parere l’unica soluzione, anche per avere un controllo diretto sul conferimento, sarebbe ritornare «alle origini» vale a dire allo scopo per il quale la discarica è nata: accogliere i nostri rifiuti».
 Per un recupero alle motivazioni originarie dell’impianto, anche Sinistra Ecologia e Libertà, i cui esponenti si chiedono: «Con quali motivazioni si è optato per il conferimento di rifiuti «speciali» trattati e non invece rifiuti solidi urbani selezionati attraverso la differenziata spinta e poi trattati per ridurre al minimo l’umidità come previsto all’origine? Le potenzialità restanti ad oggi si aggirano sulle 200.000 tonnellate: un quantitativo significativo per il fabbisogno del nostro territorio. Riteniamo sia doveroso attivare tavoli di confronto con i soggetti diversi, Palladio, Provincia, Comunità Montana, Comune, Montagna 2000, Iren, Osservatorio, e in quella sede accertare la concreta percorribilità per utilizzare Monte Ardone per i nostri rifiuti».
 Scettico anche Giovanni Vergati, Udc, da sempre contrario all’impianto. «Il problema nasce con la scelta del luogo: ci sono evidenti deficit di stabilità dei terreni, il sito non è pianeggiante e il percolato scende verso il rio Fontanelle. Per quanto ci riguarda c'è una contrarietà assoluta alla discarica, qualunque sia il tipo di rifiuto conferito, anche se sarebbe preferibile accogliere rifiuti soli urbani fornendo l’impianto di un compattatore. Siamo contrari alla gestione privata di attività delicate come lo smaltimento dei rifiuti: il privato ha uno scopo imprenditoriale quindi legato al profitto non alla tutela ambientale. Siamo preoccupati per la salute dei cittadini e di come potrà funzionare l’osservatorio». Più positivo sull'attività di controllo è il parere di Enrico Vaghezzani del gruppo di minoranza Il Ponte. «Sappiamo i motivi per i quali la discarica era nata e conosciamo anche l’iter che ha avuto negli ultimi anni - speiga Vaghezzani - e le cause che ne hanno determinato la riconversione. Ora occorre monitorare e controllare al meglio il funzionamento dell’impianto, e a questo fine l’osservatorio è composto da persona qualificate, richiedendo trasparenza e ascoltando il parere di Arpa e Ausl e richiedendo report periodici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

3commenti

in serata

Rapina con coltello nella farmacia di via Trieste: due ladri in fuga

Ritratto

I They, la famiglia del volley

anteprima gazzetta

Caso Villa Alba: nuovi sospetti

FORNOVO

Bertoli, il chimico che sapeva tutto sul petrolio

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

I prossimi avversari

Non solo ottimismo in laguna: "Parma, nuova rivalità"

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

arezzo

Furto di una collana d'oro, auto affittata a Parma. 27enne nei guai

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

8commenti

OLTRETORRENTE

Scoperto a rubare biciclette, si nasconde sotto a un'auto ma la polizia lo blocca: arrestato

Un residente ha visto un 24enne marocchino, di notte, dal videocitofono e ha chiamato il 113

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

ITALIA/MONDO

Francia

E' morta Liliane Bettencourt, lady L’Oreal: la donna più ricca del mondo aveva 94 anni

legge elettorale

Presentato il Rosatellum bis. Come funziona Video

SPORT

Aragon

Vale "idoneo", sarà in pista. L'arrivo in stampelle Video

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte