Provincia-Emilia

Restauri in 40 chiese dopo il terremoto. Ma per altre 60 la cassa è vuota

Restauri in 40 chiese dopo il terremoto. Ma per altre 60 la cassa è vuota
3

Sfoglia le interviste - Indietro   Avanti 

di Andrea Violi

Il terremoto del 23 dicembre 2008 ha lasciato una profonda nel patrimonio artistico ecclesiastico. Nel territorio della Diocesi di Parma ci sono cento chiese danneggiate. Per restaurare le 8 più gravi ci sono i fondi della Regione e dell'Otto per mille 2009. In altre 32 chiese inizieranno i lavori a breve. Ma per un'altra una sessantina di edifici, al momento i soldi non ci sono. Quanto servirebbe? Dieci milioni di euro, che in qualche modo mancano all'appello. Chi dovrebbe pagare? Ma chi dovrebbe pagare? «Lo Stato - sottolinea la Diocesi di Parma - secondo la Costituzione, si fa carico della manutenzione e della tutela degli edifici di culto poiché sono edifici di importanza storico-artistica. Il 70% del nostro patrimonio artistico è nelle chiese. Ed è patrimonio di tutti».
È don Alfredo Bianchi,  vicario episcopale con competenza sui beni culturali ecclesiastici, a illustrare i vari aspetti del problema. Il patrimonio culturale della Diocesi di Parma è stato ferito soprattutto dal terremoto, nel dicembre 2008. Un primo bilancio rivelò danni in 100 chiese. In questi anni ci si è concentrati su una quarantina, in primis le 8 più danneggiate: Mattaleto, Lesignano, San Vitale Baganza, Pieve di Barbiano, Badia Cavana, Bazzano, Pieve di San Pietro a Tizzano e San Pancrazio. Sono stati utilizzati finanziamenti dell'Otto per mille per i restauri. In aggiunta, sono stati usati fondi regionali per il terremoto nei casi più gravi: Mattaleto, Lesignano e San Vitale Baganza. «Hanno una caratteristica - spiega don Bianchi -. Oltre ad essere chiese usate dai fedeli, hanno una rilevante importanza storico-artistica. Spesso si sono verificati danni statici e architettonici ma non sono andate perse opere d'arte». Le chiese di San Vitale Baganza e Mattaleto sono state molto danneggiate; a Lesignano, la canonica sarà recuperata per attività pastorali: «È un intervento importante per il valore sociale, oltre alla valenza culturale».
Per altre 32 chiese che hanno subìto danni di una certa rilevanza, la Diocesi progetta restauri da coprire con i fondi regionali. Molte altre situazioni non saranno raggiunte in tempi brevi da interventi programmati, ad esempio diverse chiese del Cornigliese (alcune dei quali inagibili): «Non ci sono prospettive di fondi della Regione, viste le difficoltà economiche che tutti conosciamo», dice don Bianchi.
Per affrontare i danni del terremoto 2008, la Regione - spiega don Bianchi - ha stanziato 4,5 milioni per gli edifici di culto di Parma e provincia, 1,7 milioni per quelli di Reggio e 450mila euro per quelli di Modena. Altri 4 milioni sono stati stanziati per gli edifici pubblici della provincia di Parma, 1,5 milioni per quelli di Reggio Emilia e 770mila euro per quelli di Modena. Ai soggetti privati sono stati assegnati 12 milioni di euro.
«La metodologia della Protezione civile ha migliorato gli interventi negli ultimi vent'anni - spiega don Bianchi -. La caratteristica è quella di un intervento strutturale essenziale». In passato invece c'erano interventi più invasivi, magari con cemento armato, e basati su osservazioni empiriche: non sempre potevano far bene agli edifici antichi da recuperare.
Dopo l'inverno, i lavori partiranno in diverse chiese delle 32 con danni di gravità «media». A Mattaleto inoltre si proseguirà, dopo il primo consolidamento strutturale.
Si lavora adesso con i fondi del terremoto 2008 e in alcuni casi dell'Otto per mille 2009. Perché ci vuole tutto questo tempo? È normale? Sì, perché servono verifiche, progetti, relazioni e approvazioni formali. Burocrazia, insomma. Don Alfredo Bianchi svela i dettagli. Se si finanzia un intervento con i soldi dell'Otto per mille. Il ministero chiede un progetto, che la Sovrintendenza deve approvare. Il progetto viene rimandato a Roma, dove si esamina la proposta. Se approvata, arriveranno i finanziamenti. Possono passare fino a due anni.
Procedura complessa anche per i fondi del terremoto. Don Bianchi spiega:
1) si fa un progetto preliminare
2) il progetto viene esaminato congiuntamente dal Servizio di Bacino e dalla Soprintendenza ai Beni architettonici
3) entrambi possono richiedere integrazioni
4) si passa al progetto esecutivo
5) i due organismi approvano il progetto separatamente
6) di solito i progetti richiedono analisi e studi di carattere geologico, per scoprire eventuali punti deboli che potrebbero minacciare la struttura in futuro. Di solito intervengono un architetto e un ingegnere.
7) Si redige anche una relazione da tenere in Diocesi: una scheda sulle questioni tecniche affrontate, sugli interventi effettuati e su quelli da realizzare.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • arnaldo

    25 Aprile @ 09.29

    invece di fare delle nuove chiese mostri architettonici ,che ti tolgono la voglia di andare in chiesa.oltre a deturpare l,ambiente in cui sono inswerite ,sarebbe meglio restaurare ipiccoli capolavori gia esistenti e senza piangere sempre miseria .

    Rispondi

  • roberto

    28 Marzo @ 10.41

    Ma la Chiesa povera che poverà è solo di facciata, gli dispiace mettere mano al portafoglio e pagarsi i restauri senza sempre battere cassa allo Stato, Regione e Fedeli? La tattica amministrativa della Chiesa è di aumentare il patrimonio non pensa come fanno tutti di alienare beni per salvarne altri? Dio è nato povero, la Chiesa vive poco nella povertà! Senza voler dare lezioni a nessuno, semplice e personale considerazione.

    Rispondi

    • arnaldo

      25 Aprile @ 09.37

      sono daccordo con anna .basta piangere miseria .

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

Anteprima Gazzetta

Massimo Barbuti è il nuovo allenatore del Fidenza Video

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

1commento

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

lettere

Cane ucciso da un cacciatore: "Terribile e inaccettabile"

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Formula Uno

Zanardi: "Il ritiro di Rosberg mi ha stupito moltissimo"

Formula uno

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà