-2°

10°

Provincia-Emilia

Scuola, Romanini: "Tagli preoccupanti"

Scuola, Romanini: "Tagli preoccupanti"
0

 “La situazione per la Provincia di Parma è particolarmente preoccupante”. L’assessore provinciale alle Politiche scolastiche Giuseppe Romanini commenta così i primi dati relativi agli organici delle scuole del Parmense per il prossimo anno scolastico, comunicati dall’Ufficio Scolastico Regionale ai sindacati.
“In totale per la provincia di Parma sono stati programmati, al netto degli insegnanti di sostegno, 115 docenti in meno rispetto allo scorso anno scolastico, e in particolare 49 in meno nella scuola primaria, 23 in meno nella scuola secondaria di primo grado, 43 in meno nella scuola secondaria di secondo grado. Per la scuola dell’infanzia è confermato l’organico dell’anno scorso”, spiega Romanini, che stigmatizza “il terzo anno di tagli che mette definitivamente in crisi il sistema” e ribadisce la penalizzazione dell’Emilia Romagna: “La nostra regione ha subito i tagli percentualmente più bassi in tutta Italia, ma se consideriamo il rapporto tra popolazione scolastica e docenti siamo quelli messi peggio: si è inciso sull’Emilia Romagna nonostante le razionalizzazioni qui fossero già state fatte tutte”.
“Il disappunto della Provincia di Parma c’è ed è grande, in primis perché dall’Ufficio scolastico regionale è stato completamente by-passato il confronto, addirittura la comunicazione, con le Province: troviamo non consono il comportamento dell’Ufficio scolastico regionale, e chiediamo di ridiscutere l’intera partita”, dice Romanini, che entra poi nel merito dei numeri: “L’applicazione lineare del taglio ministeriale per la Provincia di Parma avrebbe comportato una riduzione di 80 – 85 posti. Viceversa, in base ai criteri utilizzati dall'Ufficio scolastico regionale, criteri non concordati e diversi da quelli degli anni precedenti, la riduzione è di 115 unità, con un taglio maggiorato di circa 30 cattedre. È una situazione troppo gravosa per il sistema scolastico provinciale”. Oggetto delle critiche di Romanini sono proprio i criteri adottati dall’Usr: “Si sono utilizzati criteri diversi a seconda dell’ordine di scuola, e alla fine si sono penalizzate le province che, come la nostra, già hanno dovuto ridurre il tempo pieno e il prolungato per salvaguardare le piccole scuole di montagna. Con i criteri di quest’anno su Parma si scaricherebbe ad esempio il 18% del taglio regionale del personale delle scuole elementari: decisamente troppo. Il nuovo criterio, fondandosi su una astratta distribuzione in base alle ore teoriche per ordine di scuola, non tiene conto della storia e delle peculiarità territoriali: in particolare quelle della montanità, che nel Parmense ha com’è noto un peso rilevante.  Ricordo che la provincia di Parma ha la quota di territorio montano percentualmente più alta della regione, e di conseguenza ha il più alto numero di pluriclassi nelle scuole in montagna. Il nostro sistema ha già fatto tanti sacrifici, proprio per salvare le scuole di montagna: questa ulteriore mazzata va davvero al di là di ogni logica”, afferma Romanini, che aggiunge: “Tra l’altro la provincia di Parma ha un incremento di popolazione scolastica complessiva in termini percentuali non solo non inferiore ma addirittura leggermente al di sopra della media regionale: anche questo non conta?”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocoammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

2commenti

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

2commenti

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

22commenti

big match

Venezia-Parma: sold-out (per i tifosi crociati)

Per chi resta a casa: diretta su Tv Parma (domenica 14.30)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

6commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di tre donne e quattro uomini: le vittime salgono a 16

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

SOCIETA'

salute

I pericoli delle patate «tossiche»

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

SPORT

sci

Valanga rosa: Plan de Corones vince la Brignone, la Bassino 3/a

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto