-3°

Provincia-Emilia

Mafia: triplicate in Emilia-Romagna le operazioni finanziarie sospette fra 2008 e 2010

Mafia: triplicate in Emilia-Romagna le operazioni finanziarie sospette fra 2008 e 2010
5

Le segnalazioni di operazioni finanziarie sospette in Emilia-Romagna sono passate dalle circa mille del 2008 alle oltre 3mila del 2010. Dalla regione arriva l'8,6% delle segnalazioni italiane: nel 2008 era il 7%. E la crescita è esponenziale: nel primo trimestre 2011 le segnalazioni sono state 1.250. Non è un dato roseo quello nato da un’elaborazione dell’Ufficio informazione finanziaria di Bankitalia e discusso al convegno sui "Soldi della mafie in Emilia-Romagna", organizzato dall’Associazione nazionale magistrati a Bologna.

A segnalare sono per lo più banche o le poste. Esiguo il contributo di professionisti e operatori non finanziari: da loro appena 18 segnalazioni, la metà da notai. A far la parte del leone è Bologna (21% delle segnalazioni), seguito da Rimini (17%), Modena (15%), Reggio Emilia (14%), Parma (10% delle segnalazioni) e Forlì-Cesena (l'8%). Ferrara, Piacenza e Ravenna si ripartiscono equamente il restante 15%. Fra 2008 e 2010 Rimini e di Modena hanno visto quadruplicarsi le segnalazioni (da 93 a 436 e da 97 a 424). Non basta: quasi l’8% (60 sulle 765) delle operazioni di 'scudo fiscalè segnalate come sospette di riciclaggio proviene dalla regione.

I dati sono uno dei campanelli d’allarme citati dall’Anm per spiegare che «non siamo ancora alla colonizzazione che sta realizzando la 'ndrangheta in Lombardia - ha detto Pier Luigi di Bari, presidente della giunta distrettuale - ma se non vogliamo arrivarci, bisogna agire». Ad attirare il crimine organizzato in regione sono la sua vivivacità economica e la crisi, con la fame di capitali che ha generato. Serve muoversi «in rete tra magistratura, forze di polizia, enti pubblici territoriali, e privati».

Per Marco Imperato, della giunta regionale Anm, va seguito il denaro, anche per individuare la "borghesia mafiosa", cioè i colletti bianchi che agevolano l’infiltrazione. Bisogna partire da "reati spia", come riciclaggio, corruzione, traffico illecito di rifiuti, infiltrazione negli appalti. «La lotta alla mafia non è solo antimafia: depotenziare gli strumenti di investigativi su questi reati è depotenziare la lotta alla mafia». Ma è anche «indispensabile conservare lo statuto di indipendenza dei pm e il loro potere di coordinamento delle indagini».

E' la linea che già si segue nella procure: solo a Bologna quest’anno le misure di prevenzione sono state 19, in tutto il 2010 erano state 27. Resta però anche il problema San Marino. Secondo dati dell’Unità informazioni finanziarie, le operazioni segnalate sospette nelle province limitrofe al Titano sono spesso caratterizzate da riferimenti a flussi finanziari da o per la Repubblica (23% a Rimini e 19% a Forlì-Cesena). Ci sono riferimenti ai flussi sammarinesi nell’8% delle segnalazioni regionali. «La nostra Regione non è indenne - ha detto Simonetta Saliera, vice presidente dell’Emilia-Romagna che ha patrocinato il convegno - il progetto di legge per la "prevenzione del crimine organizzato" procede verso l'approvazione definitiva (prima dell’estate, ndr)».
Saliera ha spiegato che non appena sarà operativa, la Regione darà vità a due degli strumenti previsti nel pdl: un Osservatorio sul fenomeno, con una banca dati aperta alle forze dell’ordine, e campagne di formazione nelle scuole. Perché, ha detto al convegno il prefetto di Bologna (ed ex prefetto di Parma) Angelo Tranfaglia, le conseguenze dell’infiltrazione non sono solo economiche, ma sociali. Perché dai legami che il crimine stringe con imprese, istituzioni e società consegue «minore propensione alla imprenditorialità, minore efficienza dei servizi e una produttività del lavoro inferiore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • michele

    09 Aprile @ 11.21

    ...anche le agenzie di scommesse nate come funghi e piene zeppe di gentaglia col rolex e di cogl... che dilapidano lo stipendio (che a volte NON hanno), e continuo a stupirmi che la gazzetta ne pubblicizzi le vincite.

    Rispondi

  • rudolf73

    09 Aprile @ 09.21

    Basta guardare quanti palazzi invenduti ci sono e quelli in costruzione, è evidente che il settore ha influenze di riciclaggio. Se non si vende non si cstruisce in continuazione prima si vende l'invenduto poi si costrisce regole di mercato altrimenti il mercato è drogato da soldi sporchi

    Rispondi

  • massimo

    08 Aprile @ 20.42

    Non ci vuole un genio per controllare questa gente. Controlli su Imprese edili, movimento terra e pizzerie nuove e smaltimento rifiuti i settori storici in cui investono.

    Rispondi

  • Roberto

    08 Aprile @ 19.59

    sai che novità.. vengono in emilia a lavare i soldini sporchi con assegni puliti da imprenditori compiacenti e pagano i loro operai assunti in grigio da consorzi paravento tutti in contanti tirati fuori da valigette come nei film.. e le valigette non te le riempie di sicuro una banca !..

    Rispondi

  • Roberto

    08 Aprile @ 19.53

    sai che novità.. vengono in emilia a lavare i soldini sporchi con assegni puliti da imprenditori compiacenti e pagano i loro operai assunti in grigio da consorzi paravento tutti in contanti tirati fuori da valigette come nei film.. e le valigette non te le riempie di sicuro una banca !..

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terremoto nell'appennino reggiano: scossa di magnitudo 4.0

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Parma, sorriso finito: subito al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

Comune

Bilancio: ecco tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

tg parma

Risorse province, allarme dopo il no alla riforma e la finanziaria

gazzareporter

Sacchi della spazzatura in piazzale Santa Rita Fotogallery

CAVALCAVIA

Via Mantova, presto un nuovo guard rail

3commenti

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

1commento

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Nocciolini: "Stesso Parma, ma con più grinta", Scavone: "Bene, ma la strada è lunga" (Video)Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi la squadra ha tenuto" (Video)Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

roma

Trovato il corpo della studentessa scomparsa: investita mentre inseguiva i ladri

SPAZIO

Usa, è morto l'astronauta John Glenn

SOCIETA'

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Storie di ex

Fiorentina avanti in Europa grazie a Chiesa jr.

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis