Provincia-Emilia

Busseto - Il programma di Leoni: "Patti chiari" con il cittadino

Busseto - Il programma di Leoni: "Patti chiari" con il cittadino
1

Paolo Panni
Gianarturo Leoni, 57 anni, tre figli, bussetano «d’adozione», è pronto alla nuova «sfida» che lo vede in corsa per la carica di sindaco di Busseto. Nella città di Verdi vive già da diversi anni e, nel panorama della politica parmense, non è certo una figura sconosciuta. E’ presidente della San Donnino Multiservizi di Fidenza e della Stu Pasubio di Parma. E’ stato fra i fondatori di Forza Italia, già consigliere regionale della stessa Forza Italia e, negli ultimi cinque anni consigliere comunale a Busseto. A differenza di quanto accade, un po' in tutti i paesi, non ha scelto la strada della «civica» ma guida una lista politica, con i simboli di Pdl, Lega Nord e La Destra.
«Abbiamo scelto la strada della chiarezza - esordisce Leoni -, non a caso il nostro programma si chiamerà “Patti chiari”, un vero impegno con gli elettori sui principi cardine che ispireranno la nostra proposta di governo del Comune. Sarebbe stato un tentativo di ingannarli - continua - se avessimo scelto, come fatto dalla lista di centrosinistra di nascondere i nostri simboli dietro un presunto civismo, salvo proporre un candidato con tessera Pd. Ci siamo mostrati con i nostri simboli, con le nostre facce con idee chiare. Ciò non toglie che, al nostro interno, vi siano persone che non hanno alcuna tessera e che partecipano per pura passione civile e che sanno che, in caso di vittoria, non mi farò guidare dalla ideologia ma dalla realtà e dal pragmatismo».
Dopo cinque anni da consigliere di minoranza, parlando dell’amministrazione uscente dice di vedere «più ombre che luci» e spiega che «in questi ultimi anni si è passati dai fasti verdiani del 2001 a un'offerta turistica agonizzante e senza idee. Si è distrutto il tessuto commerciale cittadino aprendo le porte alla grande distribuzione e altri supermercati stanno arrivando.  Volendo salvare qualcuno - afferma Leoni - direi l’impegno personale del professor Mazzera che ha riportato una stagione teatrale a Busseto».
Parlando dei suoi obiettivi sa che il rischio è quello di presentare programmi somiglianti fra loro. «Si può, ad esempio - si chiede ancora Leoni -, non parlare di Verdi e del 2013? Chiaro che no. Ma se se ne parla vuol dire ammettere di essere in grave ritardo e la colpa non è certo di chi sta alla opposizione. L’unica soluzione possibile è quella di agganciarsi al percorso verdiano che passa da Parma e Milano e in questo mettiamo sul piatto il colore politico di quelle amministrazioni. Ma il 2013 rischia comunque di essere come il 2001 una bolla di sapone se non si costruisce una primavera culturale bussetana. Esistono luoghi quasi dimenticati - ricorda - che sono di una bellezza e di una importanza impareggiabile, esiste una storia cittadina che si sta perdendo nella indifferenza. E’ una ricchezza che va riscoperta e valorizzata perché Verdi è anche questo. Il turismo poi verrà da solo».
«Al centro del programma - prosegue il candidato del centrodestra - mettiamo solo ed esclusivamente il cittadino, vogliamo individuare risposte concrete, non semplici affermazioni di principio. Perché se c'è bisogno di una piscina, bisognerà trovare il modo di realizzarla; se c'è bisogno di un impegno sulla scuola di Roncole, l’amministrazione comunale dovrà impegnarsi; se sul territorio comunale c'è necessità di maggiore sicurezza, i cittadini devono poter essere sicuri, soprattutto nel luogo dove hanno scelto di vivere con la famiglia. E soprattutto il principio cardine della sussidiarietà orizzontale che vuol dire riconoscere che nella comunità vi sono persone, forze ed elementi vitali che vanno aiutati, è il caso delle associazioni esistenti ma anche di tutte quelle iniziative, singole o associate, che potrebbero dare un'occupazione ai giovani con il sostegno del Comune».
«Avremo modo - conclude Leoni - di approfondire i singoli temi, quello che posso garantire è che il nostro impegno prioritario sarà di costruire un dialogo continuo con i cittadini, perché solo attraverso l’ascolto dei problemi della comunità sarà possibile affrontare ogni situazione, offrendo servizi e risposte che il cittadino esige e merita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • MANRICO

    16 Aprile @ 20.55

    AUGURI AL ( SPERO FUTURO SINDACO) DA UN BUSSETANO IN BRIANZA-

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)