Provincia-Emilia

Soppressa la corsa del bus. Tante proteste a Traversetolo

Soppressa la corsa del bus. Tante proteste a Traversetolo
Ricevi gratis le news
12

TRAVERSETOLO - L'autobus che non c'è più lascia una scia di polemiche e disagi. Il bus in questione è l'11 che fino a poco più di venti giorni fa passava in viale Mariotti, a Parma, alle 19.27 per arrivare a Traversetolo intorno alle 20.10. Dal 28 marzo l'ultimo 11 della giornata che fa rotta verso il paese della Pedemontana fa tappa nella fermata della Ghiaia alle 18.17, mentre l'ultimo mezzo Tep in assoluto diretto a Traversetolo è il 12 delle 19.02. Risultato: chi non può uscire dal lavoro prima delle sette di sera perde letteralmente il tram.
Sono bastati pochi giorni e la protesta si è fatta sentire al suono di una piccola «sommossa» capitanata dalla traversetolese Maura, che ha raccolto ben 230 firme, inviate per fax, con tanto di reclamo alla Tep. Una petizione per chiedere il ripristino della corsa o un'altra soluzione che possa comunque risolvere la situazione.

L'articolo completo con tutti i deettagli è sulla Gazzetta di Parma in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • senzaparole

    21 Aprile @ 09.27

    Il privato se non va taglia i costi come qualunque azienda con un capo deve fare per sopravvivere. il pubblico se non va rimane un cancro per anni sulle nostre spalle. Se si vuole tenere le aziende statali devono cambiare tante cose. Immagino che abbiano tagliato la corsa che portava meno gente=meno incasso.

    Rispondi

  • mirco

    21 Aprile @ 09.04

    Scusate, altrimenti il Comune come farà a riempire i parcheggi fatti costruire nel centro di Parma? Altrimenti non avranno un utile queste società private...stupidi noi

    Rispondi

  • luc

    21 Aprile @ 00.39

    beh, la scelta della TEP è in linea con la sua politica del risparmio ad ogni costo, anche a costo di lasciare a piedi chi l'autobus lo utilizza per necessità... Al contrario,nessuno dei responsabili delle spese folli della TEP è stato appiedato...... Non solo, la TEP fa circolare un autobus di dimensioni spropositate per la tratta Parma-Porporano-malandriano, autobus facilmente riconoscibile per le insegne discotecare e per la scia di fumo nero che emette dagli scarichi al pari di una locomotiva degli anni 20..... Chissà, sarà forse la natura discotecara che lo rende poco appetibile ai pendolari di una certa età, oppure sarà perchè serve un bacino d'utenza inesistente?????? e perchè non risparmiare sulle tratte inutili(Politiche) e dare un servizio migliore sulle tratte più utilizzate????? Dimenticavo, per l'ennesima volta la porta del minibus scolastico si è rotta,quest'anno è la terza volta che accade, ma credo che anche stavolta serva l'ennesimo miracolo perchè venga riparata in tempi umani(non ragionevoli) ma umani....

    Rispondi

  • massimo

    20 Aprile @ 16.31

    Parlano di città sostenibile, ma se lavori in città e finisci di lavorare alle 20 sei obbligato a comprarti un'auto, non mi sembra una buona politica di rispetto dell'ambiente... e di rispetto dei lavoratori ( che pagano il biglietto ) se tutti pagassero il biglietto salterebbero fuori i soldi per fare l'ultima corsa a mezzanotte. Le socetà a capitale misto sono un fallimento, lavorano in favore degli utili e della riduzione dei costi e non nella produzione di servizi. VIVA LA TEP STATALE

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    20 Aprile @ 15.26

    Gentile Subcarrera, il Suo commento mi piace perché suggerisce la scelta di rinunciare a questo (italico) star col piede in due scarpe, di non essere né carne, né pesce: si privatizza ma con opzioni pubbliche, ecc. Però se ci si dirigesse in tutto sul privato ci trasformeremmo negli USA. Un sistema che a tanti piace, forse perché lo vedono dall’Italia. Ammalarsi là significa l’ipotesi di mangiarsi “i cavalletti del letto” anche soltanto per le medicine. Anche il resto è tutto a pagamento. Però il sistema americano in un certo modo ammortizza questo dettaglio: un sistema fiscale diverso, una legislazione differente, ecc. Qui da noi, invece, si privatizza mantenendo in piedi il vecchio sistema legislativo e sociale che faceva leva sul pubblico. E qui sta il busillis. I servizi sono pagati dalla fiscalità. Le tasse possono essere insufficienti, ma in forza di un’evasione mastodontica e che nessuno vuole toccare: provino a farlo negli USA e si troveranno con lunghe pene detentive. Ecco un’altra non piccola differenza. Adesso i soliti noti al fisco (i lavoratori dipendenti) si trovano con le stessa tasse di prima e con servizi inferiori e più costosi perché privatizzati. Lei ha ragione ma se si inizia a distinguere servizio da servizio (Lei ha citato strade contro trasporti) è un’incrinatura che romperebbe pian piano tutto l’impalcato sociale. Un sistema, diverso dal nostro, o lo si prende in toto o lo si respinge. Farlo in parte è deleterio.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Goblin, Simonetti : "I giovani ci riscoprono grazie a internet"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Pedone investito da un'auto a San Secondo: è grave

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

BASSA

Alluvione: anche la Procura di Parma apre un fascicolo Video

Domenica mattina dovrebbe essere riaperto il ponte della piazza di Colorno

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

2commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

MANTOVA

Bimbi uccisi: indagato anche il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta la squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260