-6°

Provincia-Emilia

Polesine, manifesti offensivi contro il sindaco e i cacciatori

Polesine, manifesti offensivi contro il sindaco e i cacciatori
5

Paolo Panni

Offese al sindaco di Polesine Andrea Censi ed ai cacciatori. Nel borgo della Bassa, negli ultimi giorni, sono stati piazzati, diversi manifesti contro la caccia e, su alcuni di questi, a mano, sono state aggiunte scritte offensive in cui i cacciatori vengono definiti «assassini» e, il sindaco, «complice in omicidio».
I manifesti sono stati tolti e Censi ha subito sporto una denuncia contro ignoti, informando i carabinieri. «Se esprimere un dissenso - ha commentato Censi - è assolutamente legittimo, questo non è certo il modo di farlo. Il mio ufficio, come tutti sanno, è sempre aperto a tutti, anche a coloro che vogliono esprimere contrarietà rispetto alle decisioni assunte dal sottoscritto e dall’Amministrazione comunale. Dissentire attraverso offese e trincerandosi dietro l’anonimato non è certo il modo di fare».
Il sindaco di Polesine, negli ultimi tempi, ha anche ricevuto numerose mail in cui viene contestata l’ordinanza, da lui firmata, con la quale, dà il via libera all’abbattimento delle nutrie sul territorio comunale, in accordo con i cacciatori, da sempre incaricati di contenere l’espansione della nutria. Ha pertanto legato le due cose, Censi, e rispondendo in particolare a chi gli ha scritto via mail, evidenziando che si tratta di persone residenti in zone distanti dalla Bassa ha invitato queste stesse persone a «indicare loro metodi efficaci per contenere il problema. Io - ha aggiunto - ritengo che prima di esprimere certe posizioni si debba conoscere, innanzitutto, il territorio ed i termini del problema. Qui, ormai da anni, giungono innumerevoli segnalazioni riguardanti i disagi causati dalle nutrie. Abbiamo anche persone che sono state aggredite e allevamenti che hanno avuto problemi sanitari. Si vada, inoltre, a chiedere al Consorzio di bonifica quanti soldi spende, annualmente, per sistemare canali ed argini in seguito ai danni causati dalle nutrie. Qui - ha tuonato Censi - non ci sono né assassini né omicidi; ci sono solo persone che cercano di contenere un problema molto sentito dalla popolazione residente. Inoltre, l’amministrazione da sempre ha modo di verificare la correttezza e l’affidabilità dei cacciatori. Fra l’altro stiamo pensando di affidare all’Atc Pr1 la gestione di porzioni di aree golenali per scopi didattici e per ripristini ambientali».
Sulla vicenda è intervenuto anche Daniele Pisaroni, presidente dell’Atc Pr1 (attiva su 5 Comuni, con 300 associati), sottolineando che «i cacciatori, attraverso l’eradicazione della nutria, rispondono a una esigenza molto sentita dalle amministrazioni e dalla cittadinanza. Certamente questo problema andava eliminato alla radice, molti anni fa, evitando di liberare questi animali solo perché non davano più riscontro commerciale. Così si sarebbero evitati disagi, problemi e rischi per coltivazioni, case e persone. Se oggi sul territorio ci sono animali che 20 anni fa non si vedevano, come volpi, tassi e rapaci è perché la gestione stessa dei territori è stata fatta da associazioni venatorie, come la nostra, che hanno dimostrato attenzione e sensibilità verso l’ambiente e verso la fauna. Qui - ha ribadito Pisaroni, concludendo il proprio intervento - non ci sono assassini e non si commettono omicidi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.43

    buon giorno, cari signori vorrei aggiungere in fine che dovreste vedere il"cacciatore" sotto un ottica di AGO DELLA BILANCIA" nell'ambito agrosilvo pastorale e COADIUVANTE delle forze dell'ordine in quanto monito di un autorizzazzione ben definita legislativamente e non semplice da ottenere. IN FINE bisogna essere persone istruite e responsabili, IN OTTIMO STATO DI SALUTE,ma soprattutto che conducono una vita "pulita" e regolare, di sani principi tramandati e trasmessi....... chiudo salutando tutti coloro che vivono rispettando la legge vigente su tutto il territorio nazionale

    Rispondi

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.16

    A VOLTE MI SCENDE QUALCHE LACRIMA MAAA, TROVO GIUSTO ED ESEMPLARE L'ABROGAZIONE DEL PORTO D'ARMI IN QUANTO GRAVISSIMO CIO' CHE HO COMMESSO, E DOVREBBE ESSERE CITATO A TUTTI COLORO CHE SI ACCINGONO A FREQUENTARE LA "SCUOLA PER L'ABILITAZIONE VENATORIA", COME ESEMPIO DA NON IMITARE MAI PER NESSUN MOTIVO AL MONDO BASTAVA AFFIDARSI ALLA LEGGE AVREBBERO RISOLTO IL PROBLEMA CON EFFICACIA E TRASPARENZA. A VOLTE SI IMPARA SBAGLIANDO,L'IMPORTANTE è CAPIRLO E TRASMETTERLO

    Rispondi

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.05

    le ragazze che vanno a caccia sono madri fortissime, che sanno fare anche DA MANGIARE, PECCATO SIANO POCHE! EGIDIO

    Rispondi

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.00

    MI CHIAMO BENEDETTO EGIDIO SONO UN EX CACCIATORE IN QUANTO, DOPO UN GRAVISSIMO ERRORE DOVUTO ALL'INTERPERANZA MI FU' GIUSTAMENTE RITIRATO E ABROGATO IL PORTO D'ARMI, OGGI NON MI SENTO PIU' UN CACCIATORE MAA QUELL'ESPERIENZA COMINCIATA DA BAMBINO MI HA RINFORZATO IL CARATTERE,MI AVEVA FATTO CONOSCERE CENTINAIA DI BRAVISSIME PERSONE, E MI HA DONATO QUALCOSA CHE SOLO L'AMBIENTE VENATORIO PUO' TRASMETTERTI è CHIAMATO RISPETTO GESTIONE CONTROLLO DELLA FAUNA E DEL TERRITORIO CIRCOSTANTE,CON METICOLOSA CONOSCENZA DELLE LEGGI VIGENTI CHE LA REGOLANO DA SEMPRE, EVOLVENDOSI AL PASSO CON I TEMPI ODIERNI

    Rispondi

  • egidio

    16 Settembre @ 08.11

    MA SOPRATTUTTO NON C'è DROGA NELL'AMBIENTE VENATORIO. X QUANTO RIGUARDA L'AMORE LE MOGLI E FIDANZATE DEI CACCIATORI SONO FELICI E SODDISFATTE FINO A PROVA CONTRARIA, "ALMENO SANNO DOV'è E COSA STA FACENDO IL LORO UOMO.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

2commenti

tg parma

Greci, dai Nuovi consumatori alla candidatura alle comunali Video

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

"buona scuola"

La docente materana vince la causa: iIlegittimo trasferimento a Parma

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

15commenti

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

gazzareporter

Piazzale Borri, quelle dichiarazioni di (zero) amore...

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

1commento

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

SANT'ILARIO D'ENZA

Soldi e gioielli in freezer per "salvarli" dal mercurio: anziana truffata

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

tg parma

Lotta al doping, il Ris di Parma indagherà sul caso Schwazer

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video