10°

20°

Provincia-Emilia

Le sculture di Jucci Ugolotti nella Rocca Sanvitale di Sala

Le sculture di Jucci Ugolotti nella Rocca Sanvitale di Sala
0

Tiziano Marcheselli
«Sacro profano» è il titolo della bella e ricca mostra della scultrice Jucci Ugolotti allestita nella Rocca Sanvitale di Sala; ed è anche il titolo dell’altrettanto fascinoso volume realizzato da Alberto Nodolini sulle opere (22 sculture e un centinaio di disegni) che l’artista salese ha donato al Comune natale, in occasione del trentesimo anniversario della scomparsa del medico condotto Guido Ugolotti, padre di Jucci e personaggio che ha lasciato una diffusa eredità di affetti.
La scultrice ha scelto i lavori nell’ambito della propria vasta produzione, realizzati tra il 1975 e il 2005: lo stile generale delle opere non si ricollega decisamente a una corrente o a un momento particolare della creatività plastica nazionale o internazionale, anche se, conoscendo tutta l’attività della Ugolotti, sorgono spontanei alcuni accostamenti; ma - e qui sta un’altra caratteristica importante e originale della scultrice - pare proprio che l’autrice (di cultura classica e di studi all’Accademia di Brera a Milano) nell’opera successiva a una presa in considerazione affronti temi ed elaborazioni differenti: quanto basta per non finire intruppata in uno stile o in uno schema fisso, dal quale farebbe poi fatica a uscire.
A volte sembra che le creazioni di Jucci vogliano partire da forme assolute e primitive, un po’ alla Brancusi (ma anche lo scultore romeno - così come Picasso - si ispirava agli antichi scolpitori africani), a volte pare che l’astrazione alla Archipenko (russo che a Parigi era in contatto con la corrente cubista) prenda il sopravvento, ma tutto - a guardar bene - si riconduce, infine, all’elogio della materia dei nostri luoghi, ai grandi torsi, alle forme tagliate, alla terracotta urlante, alle «donne in tensione».
Nel volume citato, è stata inserita una prima parte dedicata alla splendida Rocca: così, compaiono il loggiato rinascimentale interno, la grande sala delle capriate, la sala cinquecentesca, il soffitto del loggiato rinascimentale interno, il camerino di Cesare Baglione, finestre, porte e corridoi; poi, dalla sala di Enea, con il soffitto di Ercole Procaccini e con la potente «Donna in tensione» della Ugolotti, inizia l’accostamento tra ambiente antico e arte moderna.
Ma il bello di questo abbinamento è che la latente classicità della scultrice viene spesso a galla proprio a contatto di queste stanze misteriose (belle anche le foto nelle quali alle mani di terracotta vengono accostate e sovrapposte mani vere, probabilmente dei figli della scultrice).
C’è poi la sala che amo di più, quella legata alla figura di un santo, Padre Lino Maupas, santo già in vita e poco raccomandato dopo la morte: era il 1996 e con l’amico Lorenzo Sartorio avevamo fondato un’associazione con lo scopo di realizzare il monumento. I problemi erano diversi, dal reperimento dei fondi ai permessi del Comune, dal luogo all’autore della scultura: con l’aiuto della Barilla, attraverso Albino Ganapini, avevamo fatto un bel passo avanti; per il luogo (di fianco all’Annunziata, in piazzale Bertozzi o in piazzale Inzani), abbiamo rapidamente pensato al vasto piazzale Inzani, dal quale il frate raggiungeva in breve in convento; per quanto riguarda l’autore, avevo subito pensato alla mia amica Jucci Ugolotti, sicuramente la migliore artista contemporanea parmigiana in grado di costruire un ritratto moderno e al tempo stesso somigliante; restava il Comune, che ci ha fatto soffrire con vari rimandi, ma, avvicinatesi le elezioni del 1998, ha pensato bene di darci i permessi.
Così, con Jucci sono cominciati i contatti: ogni tanto andavamo nel suo grande studio di Gramignazzo a osservare i bozzetti che, di volta in volta, cambiava e migliorava. Inizialmente l’alta statua di Padre Lino aveva un bimbo sulle spalle, poi, invece, solo un fascio di pani tra le braccia protese.
Questo era il bozzetto definitivo che è diventato monumento e ancora oggi caratterizza il piazzale contro l’Ospedale Vecchio.
Ora, disegni e piccole sculture, terrecotte e gessi patinati (tra cui un bellissimo bozzetto di un raffinato post-cubismo) donano un tono sacro a questa mostra-museo, da cui il santo frate si libra, confermando l’atmosfera della Rocca Sanvitale.
Ci sarebbero, infine, da citare le tante opere pubbliche e i tanti ritratti della Ugolotti, in giro per l’Italia e anche all’estero. Ricordiamone almeno qualcuno: tra le opere sacre, altorilievi bronzei nelle chiese di S. Vitale Baganza, S. Lorenzo a Sala Baganza e S. Antonio di Gramignazzo; il bronzo monumentale Cardinale Samorè a Sissa; la terracotta dipinta «Il Divino Infante» nella Cattedrale di Parma; la terracotta Villa Benedetta a Sala Baganza.
Queste alcune opere pubbliche: sculture bronzee a Giacomo Ulivi a Parma e al Cardinale Samorè a Bardi; la scultura monumentale ai Caduti a Sissa; il cippo bronzeo nella sede Alpini a Parma; il rifacimento in bronzo di Ercole e Anteo per il Municipio di Parma;  Numerose, poi, le committenze per collezioni private e innumerevoli le mostre personali e collettive tenute dal 1980 a oggi. Questo un breve riassunto dell’intensa attività di Jucci Ugolotti, per completare l’atmosfera della mostra nella Rocca: rassegna interessante di un’ottima artista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Bocconi killer, un nuovo caso

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport