21°

Provincia-Emilia

Schia: guerra finta, incidente vero

33

Luca Pelagatti

Non è stato il fuoco del nemico, non un'imboscata nè una delle mine sparse a proteggere tende e trincee. No, la trappola potenzialmente fatale è stata una scarpata scivolosa e una fila di alberelli con le radici fradice e smangiate. E una giornata di gioco in mimetica ha rischiato di trasformarsi in tragedia. Un uomo ferito gravemente con traumi al volto e contusioni varie, una jeep finita fuori strada con due persone a bordo per fortuna illese: questo il bollettino - verrebbe da dire davvero di guerra - della prova parmigiana del Campionato regionale di Softair, la guerra simulata che si combatte con armi giocattolo che sparano pallini innocui. E che per due giorni ha trasformato Schia, i suoi boschi e le piste ormai ripulite dalla neve, in un campo di battaglia. Una scaramuccia ben organizzata che ha portato sull'Appennino oltre centocinquanta appassionati in mimetica provenienti da tutta la regione chiamati a improvvisare attacchi e imboscate, a conquistare obbiettivi segreti e prendere prigionieri rispettando un complesso canovaccio a metà tra la fiction e il reportage bellico.
Ma se il softair nasce come gioco basato sulla simulazione quella di ieri si è rivelata una giornata sbagliata: dopo una mezza giornata di assalti e risate uno dei componenti di una squadra modenese si è trovato infatti di colpo un nemico imprevisto. E tutt'altro che virtuale. Il giocatore, un giovane di Carpi identificato col nome di battaglia di «Zio», mentre con la sua squadra stava percorrendo il crinale di una valletta si è all'improvviso sentito cedere il terreno sotto i piedi. E non ha potuto nulla per fermare la caduta. Il giocatore è precipitato per una decina di metri finendo per travolgere nella sua caduta un alberello che lo ha colpito violentemente al volto fermandosi poi contro un altro tronco. Che, per fortuna, ha retto e gli ha impedito di proseguire la caduta con esiti potenzialmente fatali. E' stato un attimo di paura e angoscia: il giovane in mimetica, tramortito era in precario equilibrio col il volto insanguinato in bilico sulla scarpata scivolosa di fango e anche un piccolo movimento avrebbe potuto farlo precipitare. I compagni di gioco hanno quindi iniziato a correre e si sono precipitati a cercare aiuto dagli operatori della (vera) Croce Rossa militare presenti all'evento mentre radio da campo e cellulari hanno fatto rimbalzare l'allarme sino a Parma e alla centrale del 118. E' occorsa però una mezz'ora abbondante per raggiungere il ferito che non ha mai perso conoscenza nonostante le ferite riportate. Imbragato con delle funi è stato calato a terra e adagiato su una barella: poi, dopo essere stato immobilizzato per impedire ulteriori danni, è stato portato a braccia fino alla strada dove un'ambulanza del 118 di Tizzano lo ha trasportato al Maggiore. Avrebbe potuto finire così, con un sospiro di sollievo: ma quasi in contemporanea le radio hanno gracchiato una altra notizia: «Una jeep è uscita di strada con due persone a bordo». Un nuovo allarme ha quindi coinvolto gli organizzatori mentre le squadre di giocatori, sparse nei boschi e invisibili nelle mimetiche, proseguivano con gli attacchi e le scaramucce. Per fortuna però l'incidente si è rivelato meno grave di quanto ipotizzato: le due persone a bordo se la sono cavata solo un grande spavento e un trattore ha ripescato il fuoristrada dalla scarpata in cui si era infilato. A Schia, dopo quel pomeriggio di agitazione, la luce, complici le nubi basse stava per tramontare ma il campo di battaglia non si è svuotato. Se i compagni del ferito hanno infatti abbandonato le armi preferendo accompagnare l'amico le altre squadre hanno proseguito i combattimenti. Nei boschi e sui sentieri per tutta notte incursori e cecchini per gioco proseguiranno le loro perlustrazioni. Sino a tutt'oggi infatti la zona di Schia sarà un campo di battaglia. Per tutti è un gioco, un passatempo inconsueto da vivere in grigioverde. Ma ieri la paura era vera.
(foto di Annarita Melegari)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • JdC

    03 Maggio @ 19.33

    @ bix: allora sarebbe il caso che iniziassi tu invece di fare i capricci come un bambino a cui non danno ragione. uno in un bosco ci può andare a fare tutto quel che vuole, non le attività che tu e la Signorina Marina approvate, il Softair non lede gli altri e tantomeno la natura, nel pieno rispetto della legge italiana.

    Rispondi

  • CODE

    03 Maggio @ 14.24

    Vorrei rispondere a "IRIS" commento del 01/05/2011 13:18: Certo che è consentito, noi che pratichiamo il soft air, ogni domenica, chiediamo le dovute autorizzazioni alle autorità competenti. Vorrei fati notare che non è certo colpa nostra se nel mondo ci sono le guerre, e che non è certo facendo softair che si diventa mercenari. Capisco comunque che sia un concetto difficile da comprendere per una persona che sfoggia tutto il suo gretto conformismo, pronta a condannare (senza conoscere) uno sport fuori dal comune.

    Rispondi

  • diego "montana"

    03 Maggio @ 12.15

    è ridicolo il fatto che un sacco di gente continui a preoccuparsi del contesto e non dell amico infortunato...gente che sparla con citazioni inutili sfoggiando parvenze di cultura, con quale scopo? fare bella figura?? l'italia oramai è apparenza non sostanza, in questa circostanza lui lo "zio", che è tutta sostanza e poca apparenza, è rimasto infortunato...il minimo, da persone educate e inteligenti, sarebbe fargli un augurio...non stare qui a discutere sul come, il dove il quando è successo..CHI SE NE FREGA!!! i dibattiti moralisti e perbenitsti andateli a fare da un altra parte per piacere... dove orecchie come le vostre apprezzano queste cose... addirittura si cita Dante, parlando di età adulta, ma chi siete voi per giudicare?? per considerare persone che neanche conoscete???per giudicare noi che non che pratichiamo softari, cercando di divertirci in natura dandoci da fare, tra l'altro a mantenere i boschi puliti, toglieteci le mimetiche, l'attrezzatura e tutto quello che volete, e metteteci nello stesso sentiero in cui è successo l'infortunio, il risultato sarebbe stato sempre lo stesso......quindi finitela di predicare il bene...tappatevi la bocca nel rispetto di chi è vicino all'infortunato e l'ultima cosa che vorrebbe leggere sono proprio i vostri commenti...per non parlare poi dell'articolo, che a mio parere non andava neanche scritto...

    Rispondi

    • retex

      04 Maggio @ 00.26

      sono cose che possono capitare in ogni momento e situazione.... In bocca al lupo al ragazzo ferito per una pronta guarigione e a presto per altre battaglie divertentissime.. un abbraccio da RETEX della IENAKORPS

      Rispondi

  • Fabrizio

    03 Maggio @ 07.55

    @JdC. riporto il commento di Marina: Auguri di pronta guarigione al ferito con la speranza che, una volta risanato, capisca con i suoi amici di soft air che i boschi e i monti sono fatti per camminare e non per giocare a fare la guerra. E che l'età adulta, come scriveva Dante, è fatta per seguir virtute e conoscenza .

    Rispondi

  • marina

    02 Maggio @ 23.19

    Auguri di pronta guarigione al ferito con la speranza che, una volta risanato, capisca con i suoi amici di soft air che i boschi e i monti sono fatti per camminare e non per giocare a fare la guerra. E che l'età adulta, come scriveva Dante, è fatta per seguir virtute e conoscenza .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

American Airlines

rissa sfiorata

Steward colpisce con un passeggino una donna con il bimbo

1commento

Aktion T4: dal 25 aprile Lenz racconta l'olocausto dei piu' deboli

tg parma

Aktion T4: Lenz racconta l'olocausto dei più deboli Video

La verticale (e la vacanza) in topless di Lindsey Vonn seduce il web

caraibi

La verticale (e la vacanza) in topless di Lindsey Vonn seduce il web Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

NOSTRE INIZIATIVE

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

Lealtrenotizie

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

1commento

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

Lega Pro

Parma, tre partite per rilanciarsi

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

5commenti

verso il 25 Aprile

"Bella ciao!": in centinaia a celebrare la Resistenza delle donne Foto

unione parmense

Il wifi copre la Pedemontana

fidenza

Positivo all'alcotest, aggredisce i carabinieri insieme all'amico: arrestati

2commenti

spacciatori

Uno smerciava a casa, l'altro è sceso dal treno con 3,5 kg di droga: arrestati

Ricostruite le "vendite" di un pusher parmigiano: centinaia in pochi mesi

3commenti

restyling

Parma cambia volto: ecco come rinasceranno Cittadella e p.le della Pace Guarda i progetti

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Morta a 56 anni Erin Moran, la Joanie di Happy Days

francia nel terrore

Panico a Parigi per un uomo con un coltello

WEEKEND

la peppa propone

Ricetta della domenica - Tortino tricolore: uno spuntino patriottico

il disco della settimana

“Samarcanda”, magnifica quarantenne Video

SPORT

Ciclismo

Michele Scarponi è morto, post toccante della moglie

lega pro

Verso il Sudtirol (lunedì 20.45): Parma in ritiro anticipato. I convocati Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"