-5°

Provincia-Emilia

Schia: guerra finta, incidente vero

33

Luca Pelagatti

Non è stato il fuoco del nemico, non un'imboscata nè una delle mine sparse a proteggere tende e trincee. No, la trappola potenzialmente fatale è stata una scarpata scivolosa e una fila di alberelli con le radici fradice e smangiate. E una giornata di gioco in mimetica ha rischiato di trasformarsi in tragedia. Un uomo ferito gravemente con traumi al volto e contusioni varie, una jeep finita fuori strada con due persone a bordo per fortuna illese: questo il bollettino - verrebbe da dire davvero di guerra - della prova parmigiana del Campionato regionale di Softair, la guerra simulata che si combatte con armi giocattolo che sparano pallini innocui. E che per due giorni ha trasformato Schia, i suoi boschi e le piste ormai ripulite dalla neve, in un campo di battaglia. Una scaramuccia ben organizzata che ha portato sull'Appennino oltre centocinquanta appassionati in mimetica provenienti da tutta la regione chiamati a improvvisare attacchi e imboscate, a conquistare obbiettivi segreti e prendere prigionieri rispettando un complesso canovaccio a metà tra la fiction e il reportage bellico.
Ma se il softair nasce come gioco basato sulla simulazione quella di ieri si è rivelata una giornata sbagliata: dopo una mezza giornata di assalti e risate uno dei componenti di una squadra modenese si è trovato infatti di colpo un nemico imprevisto. E tutt'altro che virtuale. Il giocatore, un giovane di Carpi identificato col nome di battaglia di «Zio», mentre con la sua squadra stava percorrendo il crinale di una valletta si è all'improvviso sentito cedere il terreno sotto i piedi. E non ha potuto nulla per fermare la caduta. Il giocatore è precipitato per una decina di metri finendo per travolgere nella sua caduta un alberello che lo ha colpito violentemente al volto fermandosi poi contro un altro tronco. Che, per fortuna, ha retto e gli ha impedito di proseguire la caduta con esiti potenzialmente fatali. E' stato un attimo di paura e angoscia: il giovane in mimetica, tramortito era in precario equilibrio col il volto insanguinato in bilico sulla scarpata scivolosa di fango e anche un piccolo movimento avrebbe potuto farlo precipitare. I compagni di gioco hanno quindi iniziato a correre e si sono precipitati a cercare aiuto dagli operatori della (vera) Croce Rossa militare presenti all'evento mentre radio da campo e cellulari hanno fatto rimbalzare l'allarme sino a Parma e alla centrale del 118. E' occorsa però una mezz'ora abbondante per raggiungere il ferito che non ha mai perso conoscenza nonostante le ferite riportate. Imbragato con delle funi è stato calato a terra e adagiato su una barella: poi, dopo essere stato immobilizzato per impedire ulteriori danni, è stato portato a braccia fino alla strada dove un'ambulanza del 118 di Tizzano lo ha trasportato al Maggiore. Avrebbe potuto finire così, con un sospiro di sollievo: ma quasi in contemporanea le radio hanno gracchiato una altra notizia: «Una jeep è uscita di strada con due persone a bordo». Un nuovo allarme ha quindi coinvolto gli organizzatori mentre le squadre di giocatori, sparse nei boschi e invisibili nelle mimetiche, proseguivano con gli attacchi e le scaramucce. Per fortuna però l'incidente si è rivelato meno grave di quanto ipotizzato: le due persone a bordo se la sono cavata solo un grande spavento e un trattore ha ripescato il fuoristrada dalla scarpata in cui si era infilato. A Schia, dopo quel pomeriggio di agitazione, la luce, complici le nubi basse stava per tramontare ma il campo di battaglia non si è svuotato. Se i compagni del ferito hanno infatti abbandonato le armi preferendo accompagnare l'amico le altre squadre hanno proseguito i combattimenti. Nei boschi e sui sentieri per tutta notte incursori e cecchini per gioco proseguiranno le loro perlustrazioni. Sino a tutt'oggi infatti la zona di Schia sarà un campo di battaglia. Per tutti è un gioco, un passatempo inconsueto da vivere in grigioverde. Ma ieri la paura era vera.
(foto di Annarita Melegari)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • JdC

    03 Maggio @ 19.33

    @ bix: allora sarebbe il caso che iniziassi tu invece di fare i capricci come un bambino a cui non danno ragione. uno in un bosco ci può andare a fare tutto quel che vuole, non le attività che tu e la Signorina Marina approvate, il Softair non lede gli altri e tantomeno la natura, nel pieno rispetto della legge italiana.

    Rispondi

  • CODE

    03 Maggio @ 14.24

    Vorrei rispondere a "IRIS" commento del 01/05/2011 13:18: Certo che è consentito, noi che pratichiamo il soft air, ogni domenica, chiediamo le dovute autorizzazioni alle autorità competenti. Vorrei fati notare che non è certo colpa nostra se nel mondo ci sono le guerre, e che non è certo facendo softair che si diventa mercenari. Capisco comunque che sia un concetto difficile da comprendere per una persona che sfoggia tutto il suo gretto conformismo, pronta a condannare (senza conoscere) uno sport fuori dal comune.

    Rispondi

  • diego "montana"

    03 Maggio @ 12.15

    è ridicolo il fatto che un sacco di gente continui a preoccuparsi del contesto e non dell amico infortunato...gente che sparla con citazioni inutili sfoggiando parvenze di cultura, con quale scopo? fare bella figura?? l'italia oramai è apparenza non sostanza, in questa circostanza lui lo "zio", che è tutta sostanza e poca apparenza, è rimasto infortunato...il minimo, da persone educate e inteligenti, sarebbe fargli un augurio...non stare qui a discutere sul come, il dove il quando è successo..CHI SE NE FREGA!!! i dibattiti moralisti e perbenitsti andateli a fare da un altra parte per piacere... dove orecchie come le vostre apprezzano queste cose... addirittura si cita Dante, parlando di età adulta, ma chi siete voi per giudicare?? per considerare persone che neanche conoscete???per giudicare noi che non che pratichiamo softari, cercando di divertirci in natura dandoci da fare, tra l'altro a mantenere i boschi puliti, toglieteci le mimetiche, l'attrezzatura e tutto quello che volete, e metteteci nello stesso sentiero in cui è successo l'infortunio, il risultato sarebbe stato sempre lo stesso......quindi finitela di predicare il bene...tappatevi la bocca nel rispetto di chi è vicino all'infortunato e l'ultima cosa che vorrebbe leggere sono proprio i vostri commenti...per non parlare poi dell'articolo, che a mio parere non andava neanche scritto...

    Rispondi

    • retex

      04 Maggio @ 00.26

      sono cose che possono capitare in ogni momento e situazione.... In bocca al lupo al ragazzo ferito per una pronta guarigione e a presto per altre battaglie divertentissime.. un abbraccio da RETEX della IENAKORPS

      Rispondi

  • Fabrizio

    03 Maggio @ 07.55

    @JdC. riporto il commento di Marina: Auguri di pronta guarigione al ferito con la speranza che, una volta risanato, capisca con i suoi amici di soft air che i boschi e i monti sono fatti per camminare e non per giocare a fare la guerra. E che l'età adulta, come scriveva Dante, è fatta per seguir virtute e conoscenza .

    Rispondi

  • marina

    02 Maggio @ 23.19

    Auguri di pronta guarigione al ferito con la speranza che, una volta risanato, capisca con i suoi amici di soft air che i boschi e i monti sono fatti per camminare e non per giocare a fare la guerra. E che l'età adulta, come scriveva Dante, è fatta per seguir virtute e conoscenza .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

6commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

9commenti

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

2commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Bonassola

Il parroco difende l'amore gay, il vescovo frena

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto