13°

31°

Provincia-Emilia

Valmozzola quartier generale dei partigiani

Valmozzola quartier generale dei partigiani
0
Roberto Longoni
Trasibulo, Sandokan, Lupo, Birra,  Gianpaolo...  Insieme. Di nuovo insieme,  al riparo dalle raffiche degli anni, armati delle loro storie, difesi da  un'eterna giovinezza color seppia dall'accerchiamento dell'oblio. Sulla testa, spioventi di legno; attorno, ampie vetrate affacciate sulla valle del Mozzola: il Museo della Resistenza è una realtà. Sulle bacheche pende un tricolore sabaudo, e domani alle 9,30  un nastro tricolore sarà tagliato. C'è voluta la dedizione di un ex infermiere parmigiano, Maurizio Carra, che ha contagiato d'entusiasmo decine di persone («Dall'amministrazione comunale ai valmozzolesi: siamo stati spalleggiati in tutto» dice lui). Il padre non era partigiano, non lo era nemmeno uno zio: ma grazie a lui sono stati ribaltati fienili e cantine, cassetti e solai. E c'è voluto l'impegno di Caterina Larini, che ha creduto nel museo, facendo una donazione in memoria del marito Gianpaolo, luminare della radiologia che tra questi monti combatté ventenne. Grazie a lei e alla Provincia -  che a sua volta ha sovvenzionato il progetto, per il  quale anche altri privati hanno fatto offerte - i reperti e le testimonianze trovati da Carra ora hanno un luogo per raccontarsi: a Mormorola, di fronte al municipio. Lì sotto, la valle s'apre come un libro da leggere. La guerra partigiana ha lasciato il segno in questo Appennino scabro. «Basti pensare al velo della Madonna della cintura a Mariano: è fatto con la seta di un paracadute».  Qui, lontano dalla corsa del mondo, i partigiani sfilano ancora nei ricordi.  Carra indica di là dal Mozzola, sotto la ruggine del Groppo. Un pugno di tetti rossi: Mercati. «Quelle case nascosero inglesi da far passare oltre la linea Gotica». Lo sguardo sale verso il crinale del Barigazzo. Pochi chilometri di curve: il Castellaro. «Lì era la base di Pablo e dei suoi della 31esima. Poi, il  Castello di Mariano: sede del Comando unico». Questi posti, il padre del museo li ha «rastrellati» palmo a palmo in una trentina d'anni. «Vedevo caricatori, giberne tedesche, elmetti italiani abbandonati nei fienili dall'8 Settembre». La lista era destinata ad allungarsi. E di molto. Reperti che parlano con tono cupo: caricatori dello Sten, del Mab, del Bren; polvere contro i pidocchi, sapone, lamette. E armi. Erose dalla ruggine, ma che hanno sparato, spezzato vite. L'ultimo cimelio? «Una donazione dell'altro ieri: il giubbotto di don Guido Anelli, parroco di Belforte, anima della brigata Julia, paracadutato due volte oltre le linee». Carra mostra grandi lastre arrugginite. Gli aerei americani dell'Oss decollavano da piste fatte con questi incastri.  Accanto, cassette di cibo in scatola e contenitori per le bombe, un telemetro tedesco, radio americane e inglesi, giubbotti, medicine, confezioni di alcol solido, custodie per granate da lanciare con il Mauser tedesco. Ma sono le testimonianze il pezzo forte. Carra ne ha raccolte 55, tutte con il «sigillo» di tessera e attestato partigiani. Inedite, per lo più. «A Gravago mi  sono imbattuto in sette fogli sui prigionieri italiani a Luckenwald, un campo di smistamento a 60 chilometri da Berlino. C'è anche il resoconto, redatto da tale capitano Pagliaro, di un eccidio di ufficiali italiani in una cava». Poi ci sono le foto, a centinaia. Ritraggono volti e concentrati di  storie. Come quella della staffetta che guadagnava 800 lire a viaggio («Da diventar ricchi a continuare» esclamava) e prese a male parole un tedesco che, perquisendolo, gli aveva fatto cadere il pacchetto del tabacco. O quella della donna che aiutò un militare americano ed ebbe in dono un fazzoletto dell'Us Army. Un soldato della Wehrmacht in un rastrellamento scovò quella stoffa ricamata: più che un'accusa, poteva valere una condanna. Ma il tedesco se ne andò dopo aver abbracciato la donna, graziandola. A volte le foto sono parti di un mosaico e «richiamano»  altre immagini. A volte sono ignote più del previsto. «Succede che i figli fatichino a riconoscere i padri partigiani» sorride Carra. «Molti che non sfilarono a Parma il 25 Aprile si misero in posa nel giugno del 1944, per la liberazione (provvisoria, ndr) di Bardi. Degli scatti alla partigiana Paola, che invece a Parma sfilò con la 135esima, i negativi sono stati trovati in una vecchia stufa. «Spero che quanto esposto qui faccia emergere altri reperti, altre testimonianze che colleghino tra loro i vari personaggi». E' una corsa contro il tempo. Ormai  più che la memoria della Resistenza, è in gioco la resistenza della Memoria.             

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Ruspe al lavoro nel laghetto del Ducale (1995)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«+50 no limits» Idee e proposte per i migliori anni

INIZIATIVE

«+50 no limits»: idee e proposte per i migliori anni

Lealtrenotizie

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

11commenti

PARMA

Secondo caso di tubercolosi al Rondani: studente ricoverato al Maggiore

Il ragazzo, minorenne, è in buone condizioni di salute

1commento

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

8commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

Carabinieri

Spaccio a domicilio: arrestato 30enne a Sorbolo

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MONZA

Ragazza violentata per anni e sequestrata per punizione: 24enne in manette

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

Gazzareporter

"En passant", crepuscolo parmigiano

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover