-7°

Provincia-Emilia

Intesa fra Stato e Regione: mille posti in più in 5 penitenziari. Anche a Parma

Intesa fra Stato e Regione: mille posti in più in 5 penitenziari. Anche a Parma
8

Cinque nuovi padiglioni detentivi a Parma, Bologna, Ferrara, Reggio Emilia e Piacenza, per complessivi mille nuovi posti. Sono questi gli interventi per risolvere l’emergenza dovuta al sovraffollamento dei penitenziari previsti dall’intesa siglata oggi da Franco Ionta, Commissario delegato per il Piano carceri, e da Vasco Errani, presidente della Regione.
Per Parma dovrebbero essere creati 200 posti in più per i detenuti.

I nuovi padiglioni, il cui costo previsto è di circa 11 milioni di euro ciascuno, saranno edificati in «tempi rapidi», sottolinea un comunicato dell’ufficio di Ionta, secondo le disposizioni urgenti per la realizzazione di istituti penitenziari stabilite per il Piano carceri.

In Emilia Romagna sono presenti 4.146 detenuti (dati aggiornati al 30 aprile). «L'Intesa raggiunta - ha commentato il Commissario delegato Franco Ionta - è determinante per stabilizzare al più presto il sistema penitenziario. Le carceri emiliane, ed in particolare quelle di Bologna, Ferrara e Piacenza, sono tra le più sovraffollate e l’emergenza necessità di una risposta urgente: grazie al Piano carceri e ai poteri di intervento del Commissario delegato, che hanno permesso di sbloccare tra l’altro la complessa situazione di Piacenza, realizzeremo 1000 nuovi posti detentivi per garantire la dignità della detenzione dei reclusi e migliorare le condizioni di lavoro degli agenti».

A Piacenza i lavori sono già cominciati a marzo. Ogni struttura, che amplierà gli istituti penitenziari esistenti e sarà dotata di quattro cortili di passeggio, avrà una capienza di 200 detenuti.

Il Commissario delegato, inoltre, si impegna a favorire la collaborazione tra l’Amministrazione penitenziaria e la Regione Emilia-Romagna per l’elaborazione di uno studio di fattibilità per la realizzazione di una struttura sanitaria che sostituisca l'attuale Opg di Reggio Emilia, che ospita 321 persone (dati del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria aggiornati al 30 aprile). La struttura, che potrebbe essere localizzata in un’area esterna alla Casa circondariale di Reggio Emilia, dovrà accogliere i malati di mente attualmente internati in un padiglione dell’istituto penitenziario.

«Siamo soddisfatti del rapporto di collaborazione instaurato con la Regione Emilia-Romagna - conclude Ionta -. Il Piano procede nei tempi stabiliti. A Piacenza il cantiere è stato consegnato alla ditta appaltatrice lo scorso 28 febbraio. Entro poche settimane sarà pronto il bando di gara concorrenziale per la realizzazione dei padiglioni di Bologna, Ferrara, Parma e Reggio Emilia e a partire dall’aggiudicazione occorreranno 18-24 mesi per la costruzione delle opere».

«Questa intesa, frutto di un lavoro intenso - ha dichiarato a sua volta Errani - rappresenta una prima risposta a fronte di una esigenza molto seria legata al sovraffollamento delle carceri anche sul territorio di questa regione. In questo campo, a cominciare dall’urgenza rappresentata dall’Opg, occorre fare sempre di più per garantire diritti, pieno rispetto, qualità di vita e di lavoro negli istituti carcerari del nostro paese».

In tutto il Piano carceri prevede la realizzazione di 11 nuovi istituti penitenziari e di 20 padiglioni che garantiranno 9.150 nuovi posti detentivi, per un costo complessivo stimato di 675 milioni di euro.

IL SINDACATO DELLA POLIZIA PENITENZIARIA: "AUMENTINO ANCHE GLI AGENTI".  «L'accordo siglato tra il Presidente della regione Emilia-Romagna Vasco Errani e il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria Franco Ionta per la costruzione di cinque padiglioni detentivi accanto alle strutture penitenziarie già esistenti di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Ferrara e Bologna può essere utile per deflazionare le carceri dell’Emilia Romagna, a patto che all’ampliamento dei posti detentivi corrisponda un adeguato incremento dell’organico della polizia penitenziaria, considerato che allo stato attuale mancano 6500 agenti in Italia e 650 in Emilia-Romagna». È il commento di Giovanni Battista Durante, Segretario generale aggiunto Sappe, Sindacato autonomo polizia penitenziaria.  «In regione - ha ricordato - ci sono 5 sezioni detentive chiuse a Parma, un padiglione a Forlì e una sezione a Rimini, proprio per mancanza di personale. Pertanto, se non ci sarà l'incremento previsto i nuovi padiglioni sono destinati a restare chiusi».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Enrico

    18 Maggio @ 17.20

    Spendiamo una piccola parte di quei soldi per rispedire ai loro paesi di origine i detenuti. Vedrete che dopo le carceri e il personale saranno sufficenti.

    Rispondi

  • Ettore Musini

    18 Maggio @ 17.16

    Non sarebbe meglio costruire degli ospedali ? Poi fare corsi per infermieri, che sembra ce ne sia tanto bisogno. I carcerati li potremmo mandare ai loro paesi di origine, penso che per i detenuti "comunitari" le celle siano sufficienti.

    Rispondi

  • Gio

    18 Maggio @ 16.03

    Non va più bene quella legge che i boss devono essere rinchiusi altrove e non a casa loro. Infatti le loro "famiglie" all'esterno "sporcano" le citta dove sono rinchiusi. Per boss imtendo i capi, solitamente boss perchè non hanno voglia di lavorare, della camorra, n'drangheta, sacra corona, mafia. Più si insediano nelle città più le rovinano. Bologna , Milano, Torino, ecc. e adesso purtroppo anche Parma. Troppe "costruzioni" ovunquee ecc.ecc.

    Rispondi

  • franco

    18 Maggio @ 15.36

    ALTRO CEMENTO...... GIA^ GRAVE , MA POI NEI 5 PENITENZIARI ( tra cui PARMA ) , I MILLE POSTI IN PIU^ ( SARANNO USATI ) , oppure I fruitori si fermano solo per il tempo di un cappuccino e una pasta ! ? VA BENE CHE si festeggiano i 150 anni dell ^ ITALIA , E la spedizione dei MILLE , ma almeno avessero scelto un ALTRO NUMERO , SAREBBE STATO piu^ RISPETTOSO !!!!!! FALCO .

    Rispondi

  • CIRO

    18 Maggio @ 15.11

    Ma quest'intesa raggiunta prevede un significativo aumento del personale di Polizia Penitenziaria,e di tutte quelle figure professionali(dicasi educatori) che attualmente deficitano?Non mi sembra di averlo letto.Ed allora come potranno essere garantiti i diritti dei detenuti,la loro dignità nonchè le condizioni di lavoro di quanti, attualmente ,quotidianamente subiscono la cronica e spaventosa carenza di personale?Probabilmente aumentando e di molto il carico di lavoro e le responsabilità di quanti ogni giorno sono presenti a lavoro.VIVA LA REPUBBLICA ITALIANA.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

ladri in azione

Secondo furto in pochi giorni alla fattoria di Vigheffio Video

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

Ausl

Meningite e vaccini: attivata un'e-mail per chiedere informazioni ai medici

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

29commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Parma

Ancora una settimana di gelo, possibili nuove nevicate in Appennino Video

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

Senzatetto

Tante iniziative per i senzatetto. E' polemica fra il Comune e la Diocesi

3commenti

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Gazzareporter

Pulire la Parma con temperature sotto zero...

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

6commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

L'Fmi taglia il pil dell'Italia: +0,7% nel 2017, +0,8% nel 2018

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video