Provincia-Emilia

Po in secca e inquinato come fossimo d'estate

Po in secca e inquinato come fossimo d'estate
Ricevi gratis le news
0

La magra del grande fiume di questi giorni si fa sempre più evidente. Il Po continua a perdere centimetri su centimetri e questo è uno degli effetti più evidenti delle temperature decisamente estive di questi giorni.
Piogge assenti e alte temperature hanno, fra le loro conseguenze più dirette, quella di questa magra del fiume. A Polesine, il Po ha già raggiunto la quota 3 metri e mezzo sotto lo zero idrometrico e, in tutta la fascia Parmense, sta lasciando spazio ai grandi spiaggioni. Se la navigazione mercantile, al momento, non trova grandi problemi (i disagi però non mancano), quella turistica invece già risente della situazione.
 A Polesine, come già riportato sulla «Gazzetta», all’attracco turistico fluviale le barche sono «intrappolate» da giorni, impossibilitate ad uscire ed a raggiungere il corso principale del Po. Molte di loro, anziché sull'acqua, poggiano stabilmente sul fango. Stesso destino anche per il grande pontile da cui si imbarcano i turisti. La struttura metallica, infatti, è completamente arenata nel fango, irraggiungibile per le imbarcazioni.
Una situazione tutt'altro che nuova nel centro della Bassa. Infatti, queste problematiche che riguardano l’attracco turistico fluviale si ripetono ormai da diversi anni, in occasione di ogni magra del fiume. E con la secca aumentano, purtroppo, anche i problemi causati dalle sostanze inquinanti. E’ noto, infatti, che in situazioni di magra l’effetto degli agenti inquinanti non fa altro che aumentare. Soltanto pochi giorni fa, Legambiente ha definito senza mezzi termini Milano come il «veleno del Po» e giudica grave la situazione del Grande fiume.
Legambiente ribadisce in modo molto chiaro che a provocare questa situazione del Po è, soprattutto, la metropoli lombarda. «La grande Milano che non depura nemmeno una goccia degli scarichi che produce».
«La più grande città della regione non ha ancora un depuratore - afferma Andrea Poggio, presidente di Legambiente - e tutti i suoi rifiuti organici finiscono prima nel Lambro e poi nel Po. Non basta dire che il Po viene maltrattato - continua Poggio - non viene proprio considerato. Oltre alle sostanze organiche deve sopportare anche l’inquinamento che viene dal settore agricolo (nitrati, ndr) e dai grandi allevamenti di suini. Inoltre si trova in un cattivo stato di conservazione perché le sue sponde vengono trascurate. Non solo: in Lombardia il Po è l’unico fiume che non è stato elevato a parco». Senza dimenticare l’altra terribile vicenda, di un anno e mezzo fa. Quella dell’onda nera di idrocarburi sversati nel fiume, provenienti dal Lambro. Idrocarburi che, seppur in quantità piuttosto modesta (a Isola Serafini, come noto, una grande quantità è stata «frenata») sono giunti anche in terra Parmense dando l’ennesima «sberla» al Po.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza in centro

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti