15°

Provincia-Emilia

Sulle orme dei pellegrini - In cammino fra boschi e borghi antichi. Ma la salita fino a Cassio è dura

Sulle orme dei pellegrini - In cammino fra boschi e borghi antichi. Ma la salita fino a Cassio è dura
1

di Andrea Violi

«Abbiamo gli occhi pieni di Storia e di vita vissuta». Valentino Allegri riassume così il cammino che ha affrontato oggi sulla Via Francigena con gli amici Gabriele Spaggiari, Renato Bazzini e Franco Davighi. Nella seconda tappa del pellegrinaggio verso Lucca i quattro fidentini hanno attraversato boschi e campi fioriti; hanno visto monumenti e borghi con angoli e “pezzi” di Storia a volte inaspettati. Rispetto al primo giorno il percorso Fornovo-Cassio è breve ma nettamente in salita.
Nel tardo pomeriggio i pellegrini sono stanchi ma soddisfatti. «È una tappa spettacolare», dice Allegri, che segna un'altra ideale tacca: «Dü ed meno», due (tappe) in meno sul cammino verso la città toscana.

SULLE ORME DEI PELLEGRINI
2° GIORNO (3 giugno)
Valentino, Franco, Renato e Gabriele partono alle 7,20 dall'ostello di Fornovo, dopo le preghiere del mattino e la colazione. Durante il cammino, come faranno sempre fino al 10 giugno, reciteranno il rosario.

Alle 9,30 il gruppo è a Sivizzano. Alle 10,20 ecco Bardone. Le campane rintoccano: è mezzogiorno in punto quando i quattro entrano a Terenzo. Pochi minuti dopo le 13 eccoli a Casola: inizia a piovere; si fa una sosta per il pranzo, per ripartire ed arrivare a Cassio alle 16 circa.
Valentino Allegri racconta il percorso di oggi: «La prima parte è più anonima ma poi si inizia a vedere la Pieve di Bardone... è di una bellezza imponente. Ci sono opere d'arte di grande valore, anche dell'Antelami... Io Bardone lo chiamerei “Il paese delle fontane” perché ce ne sono 7, tutte funzionanti e con una bellissima acqua».
Lasciato Bardone, ecco il paese di Terenzo. «Magari può dire poco, come paese - spiega Allegri - ma abbiamo trovato un pensionato della zona, che ci ha spiegato la storia di Terenzo di diversi secoli».

Camminare lungo la Via Francigena significa fare un viaggio all'insegna della spiritualità ma anche del contatto con la natura. Un'esperienza che riempie di gioia Allegri e i compagni: «Dopo Terenzo si va in un bosco di faggi da favola - spiega il 70enne -. Ogni tanto il sole filtrava nel verde, creando giochi di luce... difficili da descrivere! Abbiamo visto anche tanti fiori, alcuni dei quali anche rari. Da Terenzo è stata dura arrivare a Casola, dove di fronte ad ogni abitazione c'è un forno per cuocere il pane e si trovano tracce di un'antica strada in pietra».
In uno dei borghi montani attraversati sulla Francigena, i pensionati - pellegrini hanno scoperto un cimelio della Seconda guerra mondiale. «Abbiamo visto una jeep americana, molto ben tenuta, e abbiamo chiesto al proprietario di mostrarcela - dice Allegri -. Lui l'ha tirata fuori dal garage per mostrarcela... Siamo tutti appassionati. Questa tappa è durata 7 ore e mezza di cammino più un paio d'ore circa di soste».

È stata dura arrivare fino a Cassio e domani forse lo sarà ancora di più: bisogna attraversare la Cisa, per fermarsi a Montelungo, prima frazione nel Massese oltre il passo. 

(Continua)

(foto di Valentino Straser)

 Diario: il primo giorno (2 giugno)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pier luigi

    04 Giugno @ 14.02

    Forse non vi siete portati dietro un mazzo di carte, avreste potuto fare una briscola all'ombra del nocciolo, accanto alla fontana della Villa di Casola (1870) e dopo un 'chinato' proseguire per i 'fontanazzi' e giungere a Cassio!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

1commento

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

1commento

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

2commenti

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

9commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

1commento

usa

Aereo Cessna si schianta sulle case: tre vittime

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia