14°

26°

Provincia-Emilia

Gente di provincia: Renato Ponzini

Gente di provincia: Renato Ponzini
0

di Stefano Rotta

COMPIANO - E'figlio della ghiaia, Renato Ponzini. Adesso è un po' uno show, la strada bianca al Giro d’Italia. Ma allora, per questo ciclista di Compiano, che ha fatto in tempo a correre con Bartali nel 1954, e con Coppi fino al 1959, di ghiaia erano le strade materne degli appennini liguri, e la strada per Parma su verso Berceto; niente fondovalle ancora. «Andavo verso il Bocco, era brullo ai tempi. Partenza, cinque del mattino, per trovare l’asfalto», racconta oggi, 79enne, come fosse un miraggio. Ponzini, nella sua casa di Compiano, sotto al castello, racconta la sua vita in sella: dai dilettanti al Giro d’Italia passando per la Vuelta; con la gente assiepata in attesa dell’Airone di Castellania, e il ciclismo come sport principe del Dopoguerra italiano. Passista veloce, Ponzini. E anche lucidissimo narratore di vicende ciclistiche, nel salotto di casa: il televisore acceso e 94esimo Giro d’Italia a basso volume. Sta ricordando una tappa in Calabria, nel 1954 (e qui sta al lettore immaginare la potenza cinematografica neorealista di questo ambiente), quando Slagter rovina a terra, e seguono attimi di concitazione. Risolti i quali, Ponzini salta su: «Bisogna saper scendere sullo sterrato, io ho imparato da piccolo, ci sono dei modi». E poi il fisico, lo stile di vita: «Mica tante balere. Bisogna far vita da corridore. Stare attenti». Racconta: «Sul Bocco, la mia strada preferita, almeno una volta la settimana, da dilettante, con Angelo Brignole, gregario di Bartali. Ma per gli allenamenti capitava anche di andare oltre, verso Busalla e Serravalle, i posti del Coppi». Il Coppi, appunto. Lui li chiama così, «il Coppi», «il Magni». Ci ha passato anni di vita, fra i venti e i trenta. «Che semplicità - dice del Campionissimo - una bella persona, terra a terra, Fausto Coppi». Bartali invece «brontolava sempre», ma era già al tramonto, quando nel 1954 Ginetto finiva e Ponzini cominciava. «Non era più Bartali», taglia corto. Nel 1956 a Bedonia Ponzini passa per primo, nella Rapallo Lecco, al traguardo volante sul colle San Marco, di fronte al nuovo Santuario. La folla è in visibilio. L’enfant du pais è in testa, solo, al comando. La strada è ancora sterrata fino a Borgonovo; Ponzini non vincerà al traguardo finale, ma i ragazzi del paese, come Claudio Mazzadi, che racconta l’episodio, ricorderanno sempre questa gioia effimera. C'era la maglia rosa da difendere, e mica far tante fughe epiche. La portarono fino al Bondone. Poi, lassù, avvenne l’apocalisse. 8 giugno 1956. «Abbiamo attaccato sul Costalunga, forai una gomma. Persi due minuti per cambiare il tubolare». Li avevano ancora a tracolla. «Non c'erano macchine, niente moto, ad aiutarci. Una sola ammiraglia, che se non eri fortunato, poteva anche passare molto tempo prima che arrivasse». Succede di tutto, in una delle più sferzanti bufere che la storia del ciclismo ricordi. Nella confusione generale, con distanze siderali fra i ciclisti, «un corridore, Vito Favero, si ritira, poi scopre che anche altri erano nei suoi stessi panni, viene lasciato a terra e riparte«. Non vinse, non arrivò in cima, semplicemente si ritirò una seconda volta. Racconta, Ponzini: «Fiorenzo Magni chiama il meccanico, la sua catena è troppo secca. L’uomo sbaglia, e la cannetta si incastra nei raggi, facendo danni. Tanto che mentre la cambiava, il Magni ci dava dei bei pugni in testa». Si ritirò anche Ponzini, come molti. «La discesa fu un calvario, con quei giubbini, mi congelarono le mani. Mi svegliai a bordo di un camioncino della Nestlè, in mezzo ai dolciumi. Non so come, ero svenuto. Mi hanno detto che stavo lì seduto su un muretto, ma io non ricordo nulla...». Ne sa una più del diavolo, sul Magni. Come una volta, in Liguria: a Ponzini venne una crisi di fame, «ci voleva la simpamina», sorride, e si lascia staccare dall’avversario dentro una galleria molto lunga. E il doping? «C'era la simpamina, appunto. Veniva molto usata, ti teneva sveglio, reattivo, ma con due pastiglie la notte non dormivi. E allora il giorno dopo te ne accorgevi, eccome, che mancava freschezza». I medici, poi, dice, «erano un po' dei praticoni». Sottolinea inoltre che non si era seguiti da dottori, «al massimo veniva qualcuno, amico di famiglia, per i fatti suoi». Partecipò anche alla Vuelta del 1958. Mai un Tour. Nel 1956, vinse però una classicissima Parigi-Nizza. Fra i ricordi di questa corsa, c'è l’analisi altimetrica di una tappa, tutta in pianura, e quindi affrontata con rapporti lunghi, duri. Una sola rampa, all’arrivo, con gente professionista salita a piedi, spingendo la bicicletta. E pure una coppa Bernocchi, l’anno precedente, che tiene gelosamente sulla credenza. E ovviamente le Milano San Remo, con una pericolosa caduta a Ovada, in discesa a 50 all’ora. Si spaccò la sella, e altri pezzi di bicicletta. Ci vogliono almeno cinque minuti, prima che arrivi un soccorso. Va avanti a raccontare, per filo e per segno, tutti gli avvicendamenti di quella giornata. Se li ricorda, come fosse accaduto ieri pomeriggio. E invece mezzo secolo, con Paese e un Giro del tutto cambiati, sta di mezzo. Qual è la più grande differenza fra oggi e allora? «L'assistenza», risponde. «Allora per una foratura perdevi una corsa». Finita la chiacchierata, Renato Ponzini tira fuori la sua ultima «compagna» a due ruote: una «Whistle» di tre anni fa, con cui pedala spesso verso il Bocco, oggi, con i suoi 79 anni ben portati. E nonostante il medico consigli il riposo, perché qualche acciacchino al cuore c'è, lui 2-3 mila chilometri all’anno li fa volentieri. Una volta, precisa, però, erano anche 20 mila. C'è un ultimo episodio, forse il più divertente, per dar l’idea delle corse del Dopoguerra. E’ il 1952, Ponzini è ancora dilettante, siamo in Puglia. Vennero sistemati in un dormitorio per bambini: letti a castello, e passi, ma davvero troppo corti per riposare. «Niente, andiamo a casa», risolse Ponzini. Fin quando, chiacchierando con un giornalista genovese, tale Giuseppe Rebora, gli venne offerta una stanza d’albergo: il suo. Memorie di quando la stampa navigava nel lusso, e gli sportivi negli stenti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Nocciolini e Baraye stendono il Piacenza: 2-0. Un Parma concreto vola ai quarti

PLAY-OFF

Nocciolini e Baraye stendono il Piacenza: 2-0. Un Parma concreto vola ai quarti

Nocciolini: "Nel mio gol, cross da Serie A di Scaglia" (Video)Grossi: "Finalmente il Parma" Videocommento - Baraye: "L'importante è non mollare mai" - Oggi alle 15.30 il sorteggio, mercoledì l'andata. Passano Alessandria, Lucchese, Livorno, Lecce, Pordenone, Cosenza e Reggiana

play-off

Sondaggio: chi vorreste incontrare ai quarti? (Guarda la griglia)

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

8commenti

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

2commenti

gazzareporter

Scherzi a parte? No, via Montebello, strada dei parcheggi assurdi Foto

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

2commenti

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

anteprima gazzetta

Il voto a Parma, un "laboratorio" per tutta l'Italia

Nell'edizione di domani: bocconi avvelenati, scherzi pericolosi di ragazzini a Sorbolo e Traversetolo

tg parma

Ladri e vandali al Palaciti Video

Incursione nella notte al palazzetto. I malviventi mettono tutto a soqquadro , danneggiano uffici e spogliatoi poi fuggono con scarpette da ginnastica e tute

1commento

Traversetolo

E sotto il futuro Conad spunta un villaggio neolitico

Lo scavo sotto il Torrazzo porta alla luce 32 strutture e 4 tombe risalenti al V millennio avanti Cristo

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

2commenti

furto

Se i ladri rubano le magliette dedicate a un amico scomparso....

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

19commenti

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

1commento

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

2commenti

visita

Trump dal Papa. Per Melania e Ivanka non solo Dolce Vita Gallery

SOCIETA'

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

SPORT

CALCIO

Due a zero all'Ajax: il Manchester United vince l'Europa League

formula 1

Gp di Monaco, è già sfida Vettel-Hamilton. E torna Jenson Button

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare