11°

22°

Provincia-Emilia

I felinesi aspettano ancora i contributi per il terremoto

I felinesi aspettano ancora i contributi per il terremoto
Ricevi gratis le news
0

Chiara Cacciani
«Chi legge i giornali ci dice: eh, vi sono arrivati tanti soldi. Ma non è vero niente: di noi privati danneggiati dal terremoto del 23 dicembre 2008 nessuno ha ancora ricevuto un euro. E quelle dei politici che annunciano ulteriori fondi restano solo parole».
Le ultime i felinesi Giorgio Quadrelli - ancora in un alloggio Acer per l’inagibilità della sua casa - e Carla Guasti - che nella sua seicentesca Villa Ceci di San Michele Gatti aveva anche l’attività di bed&breakfast - se le ricordano bene: a metà aprile, quando l’assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo e il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli hanno comunicato l’arrivo di altri tre milioni, di cui 1,7 per il Parmense.
«Peccato - dicono i due terremotati - che non siano stati destinati ai privati che attendono da due anni e mezzo i contributi per i danni alle loro abitazioni, ma ripartiti tra edifici pubblici e chiese, tra cui il municipio e la chiesa di Sissa, dove il sisma è stato visto, per fortuna loro, solo in televisione e sul giornale».
Nel marzo 2009 l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia aveva stilato la mappa dei comuni dove il terremoto aveva allungato i suoi tentacoli, e Sissa in effetti non figura nell’elenco.
«Ma già col decreto 147 del maggio 2009 della Giunta regionale i nostri politici, con consumata lungimiranza, si sono riservati la possibilità di poter agevolare anche interventi al di fuori dei territori colpiti dall’evento sismico- spiegano Quadrelli e la Guasti, mostrando i documenti reperiti sul sito della Regione - Leggere il nome di Sissa e di altre realtà nell’elenco degli interventi finanziati è stato un colpo. Purtroppo quando il 19 aprile scorso siamo stati ricevuti in Regione dall’assessore Gazzolo, presenti il presidente della Provincia Bernazzoli e i sindaci dei comuni colpiti, non eravamo informati e non abbiamo potuto chiedere chiarimenti».
E ora il sospetto - grande, amaro - è un altro.
«A Felino su sessantuno  pratiche di privati ammesse a contributo ne "resistono" attualmente solo quarantuno:  venti famiglie hanno rinunciato per le lungaggini burocratiche e soprattutto per l’eccessiva onerosità dei documenti e dei pareri tecnici richiesti.
«Si parla di centinaia di migliaia di euro "risparmiati" - raccontano - Durante l’incontro in Regione, come ha fatto anche il sindaco di Felino Barbara Lori, abbiamo chiesto che quei contributi già destinati ai privati venissero ripartiti tra le altre famiglie danneggiate per aumentare un po' l’esigua cifra che verrà corrisposta rispetto ai danni subiti, ma ci è stato risposto in modo vago che sarà molto difficile. Al ritorno a casa abbiamo rintracciato il comunicato che annuncia l’arrivo degli 1,7 milioni nel parmense  ora ci chiediamo se quei risparmi sui privati non siano già stati indirizzati proprio a opere pubbliche e chiese, di cui nessuna nel territorio di Felino, il più colpito».
«Sarebbe veramente un metodo distributivo iniquo e assurdo dirottare i fondi in questo modo per favorire altre situazioni- aggiungono - Chi di noi è stato danneggiato ha perso il suo bene primario, la casa, si trova in una situazione di estrema precarietà e spera di trovare aiuto nelle istituzioni a lui più vicine. Alcune situazioni stanno per diventare nuovi e dolorosi "casi sociali", ed è per questo che chiediamo chiarimenti al presidente Bernazzoli: lui al tavolo istituzionale che ha deciso la ripartizione dei fondi c'era, e può fugare i nostri dubbi: da dove derivano quei tre milioni? Sono anche quelli delle rinunce dei privati?».
E la necessità di avere una risposta è evidente: rispetto alle somme ammesse a contributo, «anche "solo" 10-20 mila euro in più a famiglia - dicono - possono fare un po' di differenza e dare un sollievo in più».
Il caso di Carla Guasti è emblematico: l’antica Villa Ceci - dove alloggiano lei e il marito, dove stava per trasferirsi anche la famiglia della figlia dopo una lunga ristrutturazione e dove ci sono le stanze e i locali comuni del bed&breakfast aperto alcuni anni fa - è subito diventata il simbolo per immagini del terremoto del 23 dicembre.
La dimora trafitta, il buco nel tetto, la maestosa scala pericolante sono finite su giornali e tv: 281 mila euro di danni e altri 31 mila - che avrebbero dovuto esserle risarciti entro un mese - per la messa in sicurezza d’urgenza a cui è stata costretta nei primi giorni dopo il sisma.
«Mi arriveranno 81 mila euro in totale, e tolti quelli della messa in sicurezza cosa mi resta per la mia casa? Inoltre il b&b non è stato riconosciuto inspiegabilmente come attività produttiva e quindi non ha avuto accesso ai fondi. Ma se io sono messa male c'è chi sta peggio ed è ancora fuori casa; come mia figlia», spiega.
L'unica notizia positiva arriva da Bologna: in seguito all’incontro con i cittadini (molti di quelli di Felino si sono riuniti in un comitato ad hoc), l’assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo ha fissato un termine, quello del prossimo 19 giugno, per dare una risposta a tutte le pratiche inviate. Dopo due anni e mezzo di attesa per carenze di personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata

gossip reale

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata Foto

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Tajani: «Candidarmi? No, il mio posto è a Bruxelles»

L'INTERVISTA

Tajani: «Candidarmi? No, il mio posto è a Bruxelles»

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

Furto

Ennesimo raid al centro diurno Fiordaliso

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

FIDENZA

Tangenziale Sud, iniziati i lavori

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

Volontariato

Assistenza pubblica, numeri da record

FACCIA A FACCIA

Ateneo al voto, candidati a confronto

COLORNO

Ponte inagibile e treni insufficienti

CARABINIERI

Entrano i ladri, donna finge di dormire per paura di violenze: arrestato 32enne di Sorbolo Video

Arrestato a Reggio Emilia un albanese che abita nel paese della Bassa. I due complici sono riusciti a fuggire

2commenti

COLLECCHIO

Gli agenti fermano un camionista ubriaco e scoprono una storia di sfruttamento 

Un 48enne romeno è stato multato e gli è stata ritirata la patente. Lavora in condizioni molto dure e per pochi soldi per un'agenzia intestata a un italiano

4commenti

COMUNE

Sauro Fontanesi è il nuovo delegato alla Sicurezza del Comune

Fontanesi lascerà il comando della Municipale di Castelnovo Monti. Il suo ruolo: affiancherà l'assessore nella gestione degli interventi

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

San Leonardo: furto al centro diurno, nel laboratorio dei disabili

Le anticipazioni della Gazzetta di Parma di domani

tg parma

San Michele Tiorre, trasferiti da Parma i primi 8 migranti Video

4commenti

Via Burla

Rissa fra detenuti, agente ferito a Parma. Il Sappe: "Carcere praticamente in mano ai detenuti"

Il sindacato Sappe ribadisce i problemi di organico della polizia penitenziaria

2commenti

soccorso alpino

Escursionista cade sul monte Caio e batte la testa: ferito un 21enne reggiano

Il giovane è stato portato al Maggiore. Non è in pericolo di vita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

COMO

Morta con fazzoletti in bocca: giallo alla casa di riposo

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

SPORT

serie B

Verso la Salernitana: il Parma già al lavoro a Collecchio Video

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

SOCIETA'

russia

Fermata una coppia di cannibali: resti umani nel frigo

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano: 30 anni fa e oggi, le foto

1commento

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery