-5°

Provincia-Emilia

I felinesi aspettano ancora i contributi per il terremoto

I felinesi aspettano ancora i contributi per il terremoto
0

Chiara Cacciani
«Chi legge i giornali ci dice: eh, vi sono arrivati tanti soldi. Ma non è vero niente: di noi privati danneggiati dal terremoto del 23 dicembre 2008 nessuno ha ancora ricevuto un euro. E quelle dei politici che annunciano ulteriori fondi restano solo parole».
Le ultime i felinesi Giorgio Quadrelli - ancora in un alloggio Acer per l’inagibilità della sua casa - e Carla Guasti - che nella sua seicentesca Villa Ceci di San Michele Gatti aveva anche l’attività di bed&breakfast - se le ricordano bene: a metà aprile, quando l’assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo e il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli hanno comunicato l’arrivo di altri tre milioni, di cui 1,7 per il Parmense.
«Peccato - dicono i due terremotati - che non siano stati destinati ai privati che attendono da due anni e mezzo i contributi per i danni alle loro abitazioni, ma ripartiti tra edifici pubblici e chiese, tra cui il municipio e la chiesa di Sissa, dove il sisma è stato visto, per fortuna loro, solo in televisione e sul giornale».
Nel marzo 2009 l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia aveva stilato la mappa dei comuni dove il terremoto aveva allungato i suoi tentacoli, e Sissa in effetti non figura nell’elenco.
«Ma già col decreto 147 del maggio 2009 della Giunta regionale i nostri politici, con consumata lungimiranza, si sono riservati la possibilità di poter agevolare anche interventi al di fuori dei territori colpiti dall’evento sismico- spiegano Quadrelli e la Guasti, mostrando i documenti reperiti sul sito della Regione - Leggere il nome di Sissa e di altre realtà nell’elenco degli interventi finanziati è stato un colpo. Purtroppo quando il 19 aprile scorso siamo stati ricevuti in Regione dall’assessore Gazzolo, presenti il presidente della Provincia Bernazzoli e i sindaci dei comuni colpiti, non eravamo informati e non abbiamo potuto chiedere chiarimenti».
E ora il sospetto - grande, amaro - è un altro.
«A Felino su sessantuno  pratiche di privati ammesse a contributo ne "resistono" attualmente solo quarantuno:  venti famiglie hanno rinunciato per le lungaggini burocratiche e soprattutto per l’eccessiva onerosità dei documenti e dei pareri tecnici richiesti.
«Si parla di centinaia di migliaia di euro "risparmiati" - raccontano - Durante l’incontro in Regione, come ha fatto anche il sindaco di Felino Barbara Lori, abbiamo chiesto che quei contributi già destinati ai privati venissero ripartiti tra le altre famiglie danneggiate per aumentare un po' l’esigua cifra che verrà corrisposta rispetto ai danni subiti, ma ci è stato risposto in modo vago che sarà molto difficile. Al ritorno a casa abbiamo rintracciato il comunicato che annuncia l’arrivo degli 1,7 milioni nel parmense  ora ci chiediamo se quei risparmi sui privati non siano già stati indirizzati proprio a opere pubbliche e chiese, di cui nessuna nel territorio di Felino, il più colpito».
«Sarebbe veramente un metodo distributivo iniquo e assurdo dirottare i fondi in questo modo per favorire altre situazioni- aggiungono - Chi di noi è stato danneggiato ha perso il suo bene primario, la casa, si trova in una situazione di estrema precarietà e spera di trovare aiuto nelle istituzioni a lui più vicine. Alcune situazioni stanno per diventare nuovi e dolorosi "casi sociali", ed è per questo che chiediamo chiarimenti al presidente Bernazzoli: lui al tavolo istituzionale che ha deciso la ripartizione dei fondi c'era, e può fugare i nostri dubbi: da dove derivano quei tre milioni? Sono anche quelli delle rinunce dei privati?».
E la necessità di avere una risposta è evidente: rispetto alle somme ammesse a contributo, «anche "solo" 10-20 mila euro in più a famiglia - dicono - possono fare un po' di differenza e dare un sollievo in più».
Il caso di Carla Guasti è emblematico: l’antica Villa Ceci - dove alloggiano lei e il marito, dove stava per trasferirsi anche la famiglia della figlia dopo una lunga ristrutturazione e dove ci sono le stanze e i locali comuni del bed&breakfast aperto alcuni anni fa - è subito diventata il simbolo per immagini del terremoto del 23 dicembre.
La dimora trafitta, il buco nel tetto, la maestosa scala pericolante sono finite su giornali e tv: 281 mila euro di danni e altri 31 mila - che avrebbero dovuto esserle risarciti entro un mese - per la messa in sicurezza d’urgenza a cui è stata costretta nei primi giorni dopo il sisma.
«Mi arriveranno 81 mila euro in totale, e tolti quelli della messa in sicurezza cosa mi resta per la mia casa? Inoltre il b&b non è stato riconosciuto inspiegabilmente come attività produttiva e quindi non ha avuto accesso ai fondi. Ma se io sono messa male c'è chi sta peggio ed è ancora fuori casa; come mia figlia», spiega.
L'unica notizia positiva arriva da Bologna: in seguito all’incontro con i cittadini (molti di quelli di Felino si sono riuniti in un comitato ad hoc), l’assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo ha fissato un termine, quello del prossimo 19 giugno, per dare una risposta a tutte le pratiche inviate. Dopo due anni e mezzo di attesa per carenze di personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

2commenti

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

1commento

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

14commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

4commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Gran Sasso

Il salvataggio a Rigopiano: le foto

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

4commenti

SPORT

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

Calcio

LegaPro: tre partite rinviate per maltempo

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta