-5°

Provincia-Emilia

Caro Fornovo, ti scrivo: ma che paese sei?

0

 Scrivo testi e vengo da vicino, Val Baganza. Sto curando un progetto di memoria storica fornovese presso la locale biblioteca, memoria che contempla anche la Pontremolese. Ho ascoltato un po’ tutti e vi lascio il mio pensiero: ma che paese siete?  Il sostantivo raddoppio parrebbe, in termini ferroviari, indicare due binari in entrata e due in uscita. Così è a Pontremoli, e così faranno ovunque. Ma a diversi cittadini di Fornovo pare andar bene il solo binario esistente per La Spezia, tal quale. 

Un binario un po’ smorto, a dir la verità, messo in una trincea aperta di fine ‘800. Se fosse capitato lì quello è capitato a Viareggio, sarebbe saltato per aria tutto il paese: norme di sicurezza zero, niente sfiati, le case sopra. Questo non vuol dire che nulla può più succedere ma, almeno, si potrebbe tentare di ridurre quantomeno il rischio. Leggo invece sulla Gazzetta del 10 giugno che molti sono preoccupatissimi per qualche edificio privato eventualmente da abbattere (ma tutti sanno che l’abbattere o meno è spesso questione di costi). Questo nel caso si voglia costruire una nuova galleria coperta, più larga e più sicura col doppio binario. Sotto questo aspetto Fornovo è proprio un prodotto tipico di noi italiani: gli interessi privati (di pochi) prevalgono sempre su quelli pubblici (di molti).  Leggo inoltre che, improvvisamente, dopo che si è costruito negli scorsi decenni di tutto e di più, sacrificando ogni metro quadro a suon di condomini, il paese avrebbe bisogno di una bella tangenziale. Ne avrebbe bisogno proprio quando gli urbanisti avanzano soluzioni di viabilità alternative e meno impattanti? Forse alla grande - e brutta - tangenziale era il caso di pensarci tre o quattro amministrazioni fa, quando andava di moda il più asfalto per tutti. 
Non capisco, ma succede così: i progettisti incaricati dall’Amministrazione propongono di risolvere in modo non invasivo la viabilità, con la doppia carreggiata in galleria, sotto la ferrovia (dunque senza “mangiare” altro suolo). Qualcun altro, in questo caso la sezione Pd di Fornovo, avanza l’idea che solo una tangenziale da periferia urbana, da situare evidentemente in zona sensibile lungo il Taro, possa far “sopravvivere Fornovo” indipendentemente dalla ferrovia (Gazzetta di Parma, 10 giugno, pag. 37). Roba da non credere. E a fronte di una doppia galleria ex-novo di un paio di centinaia di metri in mezzo al paese, capace di risolvere anche il nodo viario, qualcuno preferirebbe una galleria dieci volte più lunga, che risolve il transito merci su rotaia (quello meno inquinante), e che non risolve il nodo viario (quello più inquinante). E che presuppone: 600.000 metri cubi di terra e di Tir in più da spostare, tempi di cantiere triplicati, maggiore inquinamento, tempi di sofferenza allungati di anni per i cittadini di Fornovo e per quelli delle due più importanti frazioni del paese, Salita e Riccò (sempre che questi non li vogliamo considerare abitanti di serie B). E senza poi considerare il perenne transito di Tir fra i due lati del paese. Secondo me siete proprio matti. Ma il paese è vostro, fate come vi pare. 
Ho abitato qualche anno a Ozzano in strada dei Folli (!), mezzo secolo fa; da voi non ci sono venuto a stare (mai dire mai). Insomma, cosa vi ha preso? Avete fatto per decenni i soldi con i traffici, con i commerci, con i pendolari della Pontremolese; adesso vorreste spostare i merci fuori dal paese (a costi spaventosi) e lasciare tutto com’è. Cioè, fatemi capire: i treni merci, proprio perché viaggiano su rotaia (senza buche!), causano meno rumori e vibrazioni agli edifici e meno danni alle emergenze architettoniche di quelli prodotti dai camion, dai bus, dalle auto e dai furgoni... Non producono agenti inquinanti. A mio avviso, fareste bene a guardarvi intorno per vedere come altri hanno risolto brillantemente i vostri problemi. A Maastrich (sì, la città del Trattato) c’è un’autostrada che passa con due doppie gallerie, una sopra l’altra, sotto le case. Perché non fate anche voi così? Una riconosciuta memoria storica di Fornovo, il Sig. Zuffardi è preoccupato dell’invasività di un nuovo intervento nel centro del paese; preferisce, dice, lo “shunt” approvato del Cipe, ma non ne coglie affatto il devastante impatto. Dice invece il contrario: “Devastante la ferrovia in centro”. Perché si capovolge la realtà dei fatti? Come si fa a dire che una galleria di 2-300 metri è più invasiva di una galleria di 2500 metri i cui cantieri graverebbero su tutto il territorio comunale, abitato di Fornovo compreso? La galleria sotto il Monte Croce richiede di asportare una quantità enorme di materiale geologicamente instabile, con cantieri infiniti. Per motivi di sicurezza non si possono più costruire gallerie a più binari (o corsie). Devono essere tutte separate, a doppia canna.  Quindi i conti di qualche anno fa sono pure sbagliati per difetto. La trincea attuale a binario singolo è priva dei più elementari criteri di sicurezza, priva di qualsiasi sistema di smorzamento antirumore e antivibrazione. Evidentemente, per qualcuno il tracciato di fine ‘800 è intoccabile a prescindere.  Secondo il mio sconsolato parere, il paese sta errando da troppi decenni: cittadini di Fornovo, avete paura del futuro, avete paura del coraggio del vostro sindaco? Quali interessi di bottega nascondete anche alla Gazzetta di Parma? Da voi, insomma, non dovrebbe più transitare nessuno? Avete paura che non esista una tecnologia capace di intervenire senza manomettere la vostra pieve o le vostre case? Ecco quel che vedo da ospite, dopo una multa da 80 (pagata!) per un gravoso divieto di sosta in prossimità di una nota banca locale: un paese che fa a pugni per un posto auto perché ha piazzato una scuola accanto al Municipio. Insomma, un paese che non mi sembra troppo preoccupato per non avere a disposizione un polo scolastico decente per i suoi figli. 
Qualcuno, sempre sulla Gazzetta, grida allo scandalo perché, per tentare di avviare a soluzione i problemi urbanistici di Fornovo (ferrovia, raffineria, viabilità, Pst, Psc), la Giunta ha investito l’equivalente di un monolocale vista autostrada (centomila euro). Ora, facciamo i conti in tasca al sindaco: c’era da rifare il Piano strategico territoriale (Pst), da importare poi nel Psc.  Il lavoro compiuto dai tecnici equivale al 100% del Pst (e a circa il 70-80% del Psc). Senza voler essere cattivo, diciamo senza tema di smentita che i Comuni limitrofi, con amministrazioni più o meno affini politicamente alle opposizioni di Fornovo, hanno speso mediamente più del doppio. Perché dunque raccontare tante bugie? Non sarebbe meglio sedersi intorno ad un tavolo? Gli altri sindaci, prima della Grenti, non avevano preso in considerazione l’idea di poter investire in questo modo sul futuro. Alla fine, se di tutto questo non se ne farà nulla, voi di Fornovo resterete da soli a giocare a carte lì in mezzo, in un paese da binario morto. Assomiglierà tanto ad una di quelle ‘600 che arrancavano a Pasqua dalle parti di Piantonia, per andare a prenotare l’estate a Marina di Carrara.
Cari fornovesi, dovreste sapere che all’uscita della vostra galleria ci sarebbe il Mediterraneo. Lo sapevate? Per carità, non ditelo a nessuno. Anzi, continuate a far finta che il futuro sia sempre più su merci, su invasive tangenziali, su cemento e condomini e non su ecologia, bici e binari. All’improvviso, statene certi, un magrebino vedendovi così sconsolati, vi inviterà a mangiare un kebab insieme a lui, raccontandovi della sua ferrovia: un barcone in mezzo al mare. E solo allora vi ricorderete di esser nati fra Taro e Ceno, non fra “shunt” e tangenziale. Troppo tardi? Meditate… 
Giuseppe Maghenzani
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

Marche

SOCCORSO ALPINO         

Neve altissima sull'Appennino marchigiano

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

9commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

EMERGENZA

Parma si mobilita per l'Italia centrale

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

1commento

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

1commento

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Stati Uniti

Oggi Donald Trump diventa presidente Video

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SPORT

sport

Tragedia al rally di Montecarlo, morto spettatore

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta