-1°

Provincia-Emilia

Cerati e il portafoglio nato con il trucco

Cerati e il portafoglio nato con il trucco
Ricevi gratis le news
10

 Non è necessario abitare in una grande città, bazzicare il jet set internazionale e aver frequentato scuole di design per creare una moda: a volte basta avere un po' di curiosità e la giusta intuizione. Lo sta dimostrando Francesco Cerati, 28enne di Pilastrello, inventore di «Ketovojo», il portafoglio «minimal» che sta già spopolando tra i ragazzi (e non solo). «Il progetto è nato tre anni fa e l’idea che sta alla base di questo comodo portafoglio è la stessa di un vecchio trucco di prestidigitazione» ha spiegato Cerati mostrando quello che, in pochi mesi dal lancio, è diventato un oggetto del desiderio per tutti coloro che hanno necessità di portare con sé tessere, soldi e documenti in pochissimo spazio ma anche per chi ama le novità e la possibilità di abbinare gli accessori a qualsiasi look. Un portafoglio che si apre da ambo i lati, poco più grande di una carta di credito e capace di «agganciare» con un semplice movimento soldi, biglietti da visita e scontrini senza lasciarli più scappare. 
«Avevo visto un gadget del genere in Thailandia, dov'ero andato per una vacanza - racconta Cerati -. Mi sono subito domandato come fare a renderlo utilizzabile come portafoglio e come renderlo accattivante. Così, dopo vari tentativi, è nato “Ketovojo” che ho immaginato essere adatto per chi non vuole avere un oggetto ingombrante in tasca ma ha la necessità di portare con sé soldi, tessere o documenti. Sono tornato in Thailandia, ho cercato un artigiano che riuscisse a realizzare le mie idee e, con l’aiuto di un amico, ho studiato le diverse personalizzazioni per renderlo sportivo, elegante e, perchè no, di tendenza». 
Per seguire più da vicino il suo progetto, Cerati ha lasciato il lavoro da agente di commercio e si è buttato a capofitto in quest’avventura. «Ho iniziato - ha puntualizzato - proponendo il prodotto direttamente ai negozi e alle aziende: una specie di “porta a porta” per farlo conoscere. Successivamente è nata una collaborazione con un noto marchio d’abbigliamento e abbiamo realizzato una versione, personalizzata a fuoco, in esclusiva per i negozi monomarca. Il test è andato molto bene e da lì abbiamo spiccato il volo, il prodotto ha cominciato ad essere molto richiesto anche nella versione base». Nonostante il successo, Cerati non ha abbandonato chi, per primo, ha scelto di dargli fiducia e, ancora oggi, è possibile trovarlo nelle tabaccherie e copisterie da cui è partita l’avventura. 
«“Ketovojo” è un prodotto comodo e che costa poco, pur essendo realizzato con materiali di buona qualità - ha concluso Francesco Cerati -. In questo, ho pensato ai più giovani, che amano essere alla moda ma, spesso, hanno pochi soldi in tasca». Dalle prossime settimane partirà anche l’e-shop: il «parmigiano» «Ketovojo» partirà alla conquista del mondo.Chiara De Carli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alessia

    15 Novembre @ 23.12

    Bisognerebbe solo fare dei complimenti ad un giovane che ha iniziativa e voglia di creare un suo business !! Per iniziare voglio puntualizzare una cosa , a chi dice che in thailandia sono prodotti e già in vendita : se siete cosi informati che in altre parti del mondo sono già esistenti da parecchio , perchè nessuno di voi è stato cosi creativo da pensare di portarlo in italia , fare un proprio marchio e venderlo ??? Ci sono tantissime cose , se non praticamente tutte, già esistenti in varie parti del mndo , ma alcuni decidono di investire su un oggetto , portarlo nel proprio paese e venderlo ! per quanto riguarda l invenzione e il fatto che si trovano in giro a meno ... bè qualsiasi oggetto si può trovare al mercato, nei negozi cinesi , ma anche al centro commerciale... e come ben sappiamo hanno prezzi molto differenti , ma OVVIAMENTE hanno anche una qualità differente !!! Ho trovato qst portafogli un un negozio sportivo , costavano poco meno di 10 euro , ma al tatto erano molto diversi da quelli del Sig.Cerati (mi sono trovata a visionarli in una tabaccheria di parma). E poi, il portafoglio, il materiale , il logo registrato, la possibilità di personalizzazione e la disponibilità italiana nel trovarlo ... 15 euro sono piu che onesti ! Trasportateli voi dall estero , aprite una partita iva , pagateci le tasse , gli spostamenti per la vendita .... e poi capirete perchè ci sono solo che da fargli dei complimenti !!!!!!

    Rispondi

  • giovanna

    23 Giugno @ 18.47

    Credo sia ingiusto e poco veritiero cio' che questo ragazzo (credo si chiami Francesco) dica su questo portafoglio. Parlo da cliente, ho acquistato 4 portafogli e so per certo che il portafoglio è di origine thailandese, un mio amico li ha comprati li per me. Leggendo attentamente l'articolo, ritengo che sia stata detta una gran (PALLA) perchè il portafoglio è uguale e preciso a quelli presenti in italia, esattamente a Parma in un negozio del centro. Direi a Questo ragazzo, di non diffondere delle non verità, perchè fa solo una cattiva figura.

    Rispondi

  • luca p

    23 Giugno @ 18.15

    fm chiedi dove c'è scritto che il sig. Francesco Cerati ha inventato il portafoglio magico? Molto semplicemente in questa frase all'inizio dell'articolo "Lo sta dimostrando Francesco Cerati, 28enne di Pilastrello, inventore di «Ketovojo», per non parlare della scritta sotto la foto, inventore". Ci saranno poche persone che si danno da fare giovani, ma tanto meno altre che si spacciano di aver creato qualcosa che esiste da anni. Chi è stato in Thailandia come me, ti potrà confermarer che il prodotto trovato in vacanza dal sig Cerati è lo stesso che commercializza, quindi non giriamo attorno alle parole e diciamo le cosa come stanno, qui nessuno ha inventato niente. Per il prezzo tutto è discutibile, per il resto no. Questa è falsa informazione e basta.

    Rispondi

  • fm

    22 Giugno @ 16.38

    Una volta tanto che si vede un ragazzo che sta provando a lavorare, mettendosi in gioco in questo periodo di crisi mi chiedo perchè ci deve essere chi critica o chi ha qualcosa da ridire... Dopo aver letto l'articolo mi sono detto: " e bravo il nostro Francesco Cerati che si dà da fare a differenza di tanti altri giovani che sanno solo lamentarsi, pretendere e non hanno voglia di fare nulla". Al sig. Marco che ha scritto in maniera poco cordiale vorrei chiedere dove c'è scritto che il sig. Francesco Cerati ha inventato il portafoglio magico? altra cosa il prezzo? se lei ha pagato un oggetto simile 4,99 € al grande magazzino mentre il sig. Francesco Cerati lo vende a prezzi più alti potrebbe essere che la qualità sia diversa? andando sul sito (sono curioso e ci sono andato) ho visto che ci sono molti modelli e ogni modello è personalizzabile con stampe e o incisioni, il prodotto può piacere o non piacere come tante cose ma venire a scrivere cercando di screditare quello che un ragazzo che ci sta mettendo passione nel fare qualcosa è veramente fastidioso. In bocca al lupo spero tu possa venderne tantissimi

    Rispondi

    • paolo

      23 Giugno @ 18.27

      Ma secondo voi il gadget in Thailandia cosa lo usavano a fare a fasciare l'aria o a fasciare i soldi? Questo oggetto è stato portato pari pari da la a qua, non è stato inventato niente, se non una bufala, il dire che l'inventore Cerati ha cercato un artigiano che riuscisse a realizzare le sue idee. L'idea c'era e c'è da anni. Basta ricercare su internet e ne vengono fuori a centinaia di siti, "una cosa che ha inventato è il nome".

      Rispondi

  • Maria Elena

    22 Giugno @ 12.42

    ecco appunto!!!! non è stato inventato nulla ma solo commercializzato un prodotto che già lo era nel passato o sicuramente fuori dall' Italia. Va comuqnue dato merito all'imprenditore per aver trovato questa simpatica idea. Ma che sia un prodotto originale al 100% è lo stesso Sig. Cerati che lo nega.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5