12°

23°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - "Chicco" Guidi

Gente di provincia - "Chicco" Guidi
Ricevi gratis le news
0

Stefano Rotta
Lei, da Bologna, è venuta qua ai Lagoni per amore. Lui, invece, a Corniglio ci è cresciuto fin da piccolo: sono Alessandra Cavalieri Manasse e Gregorio «Chicco» Guidi, gestore del rifugio Lagoni, dove con 15 euro si passa una notte nella foresta demaniale dell’Alta Val Parma. Faceva il geometra in giro per l’Italia, prima di dedicare la sua vita alla montagna che divide, e unisce, Emilia e Toscana. «Mi davano del pazzo», racconta, dicendomi «con tutto quello che hai studiato, adesso ti metti a fare il barista?». Appunto, il barista. Ammesso che lavorare in un rifugio, con gente da mettere a cuccia e pranzi da preparare, sia come gestire un bar, «Chicco» precisa: «Io a Parma un bar non lo gestirei mai. Ma neanche in piazza a Corniglio. Sto bene in montagna». Anche i fratelli, Cesare e Lorenzo, lavorano in quota: una famiglia integrata, anche economicamente, con le terre alte; in controtendenza con decenni e decenni di fughe verso la pianura. Affonda nel mito l’idea di occuparsi di questo bivacco. C'era, un tempo, una piccola baita, sul lago Scuro, data in concessione ai privati, dove si esercitavano la caccia e la pesca. Finché, negli anni Ottanta, questo legame giuridico venne tranciato, subentrando l’abbandono. Ci andarono tre ragazzi a mettere a posto: Mario Andreani, Giovanni Bucci e Gregorio Guidi. Nell’estate del 1991, non si sa ancora se per cause dolose o per un’incomprensibile ripicca della natura, bruciò tutto. Nel frattempo la Provincia di Parma mette al bando il rifugio Lagoni e la gara viene vinta proprio da queste tre persone, che costituiscono la cooperativa «Lago Scuro», in onore di quella forte esperienza. Gli altri due, oggi, sono soci sostenitori, al timone è rimasto «Chicco». Ci passano tante persone, quassù. In tutto, i posti sono 32. Ma nel cuore, questo montanaro, ne ha una più di tutte: Ettore Fornesi, storico pastore delle Capanne di Badignana, nel Massese. Che ogni anno, con la transumanza, usava sconfinare nelle montagne emiliane e portare un formaggio di pecora senza pari. Per trent'anni, su e giù da Treschietto. Battitore libero di sentieri di vecchi spalloni, fra Lunigiana e vallate emiliane. Adesso di Fornesi non ce ne sono, «ogni anno cambia il pastore, c'è poco attaccamento, troppo turnover». Quegli anni vengono ricordati ogni anno dal sindaco di Bagnone, con una messa in onore dell’ultimo pastore. «Quali lavori si possono fare in montagna?», chiediamo a chi, oggettivamente, ce l’ha fatta. «Ah, poca roba. O riesci a ritagliarti un’attività commerciale, un bar, o qualcosa di simile, oppure legna. Chi studia, se ne va». La montagna guarda sempre di buon occhio chi non si perde in chiacchiere e lavora duro. Sono rimasti pochi, su, e questo fa molta selezione. «Io comunque non me ne andrei mai, ognuno è fatto a suo modo, e io sto bene qui». Più i luoghi sono estremi, e sinceri, più estreme e sincere sono le idee di chi ci vive. «Il sole, certo, ma a me le stagioni piacciono tutte, mi piace il nebbione di quota, per esempio», racconta «Chicco». Di animali, invece, dice ce ne siano meno che altrove. «Qui il luogo è frequentato da fungaioli, da escursionisti, le bestie selvatiche sentono subito e si spaventano. Bisogna andare più in là, in luoghi ancor meno frequentati». E' un sito che ripesca nei sussurri, e nelle vicende amministrative, quel «Segreto del Bosco Vecchio» racconto lungo d’esordio di Dino Buzzati. Narra, infatti, Guidi che «questa foresta venne reimpiantata durante il Ventennio, prima era tutto pelato. Brullo. Disboscato».
Anni di un proto decollo industriale, in Europa, e la materia prima per eccellenza, ben prima del petrolio, erano legna e carbone. Così, in pochi decenni, non ci fu più nulla della foresta vergine di questo crinale. Sono perlopiù faggi, con qualche abete, messo dalla Forestale un secolo fa. Ma qua e là si incontrano anche aceri, sambuco, sorbo. «Manca invece, per ragioni ambientali, il sottobosco tipico delle Alpi» precisa il gestore del rifugio. La passione di quest’uomo, si augura, verrà raccolta dai figli Rocco e Andrea. «Loro adesso fanno i pendolari, quasi tutti i giorni a Parma per andare a scuola».
Non è come dirlo, Lagoni-Corniglio-Parma e ritorno, per dei ragazzini. D’inverno la famiglia risiede in paese; con la bella stagione, permane direttamente in quota, al rifugio. I chilometri sono una necessità, per chi vive da queste parti: chi abita a Monchio, a Corniglio, o lì ci lavora, lo sa bene.
E quindi anche la madre, insegnante di lettere al «Giordani», ha una belle dimestichezza con la strada della Val Parma. Vuoi mettere, però, col silenzio vivo delle faggete?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

Cane veglia per ore "amico" morto in strada. La foto commuove il web

ANIMALI

Un cane veglia per ore il suo "amico" morto in strada: commozione a Roma (e sul web)

1commento

Angelina Jolie, perdono Brad se ha imparato lezione

cinema

Angelina Jolie: "Perdono Brad se ha imparato la lezione"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fai le tue pagelle di Parma - Empoli

GAZZAFUN

Le tue pagelle di Parma - Empoli: Lucarelli il migliore

2commenti

Lealtrenotizie

Madregolo, schianto tra un'auto e una moto: un ferito grave

incidente

Madregolo, schianto tra un furgone e una moto: un ferito grave

MESSICO

Niente Mondiali paralimpici, Giulia Ghiretti tornerà a casa: "Scossa fortissima, secondi interminabili"

La manifestazione è stata annullata in seguito al violento terremoto

carabinieri

Lite con machete in via Lazio: e così viene incastrato per furto Video

3commenti

FATTO DEL GIORNO

"Un'intesa è fondamentale perché la sicurezza è un bene di tutti i cittadini" Video

ladri in azione

Sorbolo, foto-cronaca da un tentato furto in abitazione

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

17commenti

Calcio

Per il Parma un altro ko

14commenti

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

6commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, si attendono gli interrogatori

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

COMUNE

Sicurezza: proposte del centrosinistra su vigili, controlli e inclusione sociale

SOS ANIMALI

E' scomparsa Molletta in zona Cornocchio

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

Terremoto

Messico: una bimba viva sotto le macerie della scuola Foto

BERGAMO

Violentata operatrice del centro per migranti: arrestato 27enne della Sierra Leone

3commenti

SPORT

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

CALCIO

Michele Uva nominato vicepresidente dell'Uefa

SOCIETA'

MUSICA

"Wise - Lettere di scuse": canzone parmigiana della band "The Opposite" Video

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

PNEUMATICI

Michelin ha una "Vision". Ed è in 3D