12°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - "Chicco" Guidi

Gente di provincia - "Chicco" Guidi
Ricevi gratis le news
0

Stefano Rotta
Lei, da Bologna, è venuta qua ai Lagoni per amore. Lui, invece, a Corniglio ci è cresciuto fin da piccolo: sono Alessandra Cavalieri Manasse e Gregorio «Chicco» Guidi, gestore del rifugio Lagoni, dove con 15 euro si passa una notte nella foresta demaniale dell’Alta Val Parma. Faceva il geometra in giro per l’Italia, prima di dedicare la sua vita alla montagna che divide, e unisce, Emilia e Toscana. «Mi davano del pazzo», racconta, dicendomi «con tutto quello che hai studiato, adesso ti metti a fare il barista?». Appunto, il barista. Ammesso che lavorare in un rifugio, con gente da mettere a cuccia e pranzi da preparare, sia come gestire un bar, «Chicco» precisa: «Io a Parma un bar non lo gestirei mai. Ma neanche in piazza a Corniglio. Sto bene in montagna». Anche i fratelli, Cesare e Lorenzo, lavorano in quota: una famiglia integrata, anche economicamente, con le terre alte; in controtendenza con decenni e decenni di fughe verso la pianura. Affonda nel mito l’idea di occuparsi di questo bivacco. C'era, un tempo, una piccola baita, sul lago Scuro, data in concessione ai privati, dove si esercitavano la caccia e la pesca. Finché, negli anni Ottanta, questo legame giuridico venne tranciato, subentrando l’abbandono. Ci andarono tre ragazzi a mettere a posto: Mario Andreani, Giovanni Bucci e Gregorio Guidi. Nell’estate del 1991, non si sa ancora se per cause dolose o per un’incomprensibile ripicca della natura, bruciò tutto. Nel frattempo la Provincia di Parma mette al bando il rifugio Lagoni e la gara viene vinta proprio da queste tre persone, che costituiscono la cooperativa «Lago Scuro», in onore di quella forte esperienza. Gli altri due, oggi, sono soci sostenitori, al timone è rimasto «Chicco». Ci passano tante persone, quassù. In tutto, i posti sono 32. Ma nel cuore, questo montanaro, ne ha una più di tutte: Ettore Fornesi, storico pastore delle Capanne di Badignana, nel Massese. Che ogni anno, con la transumanza, usava sconfinare nelle montagne emiliane e portare un formaggio di pecora senza pari. Per trent'anni, su e giù da Treschietto. Battitore libero di sentieri di vecchi spalloni, fra Lunigiana e vallate emiliane. Adesso di Fornesi non ce ne sono, «ogni anno cambia il pastore, c'è poco attaccamento, troppo turnover». Quegli anni vengono ricordati ogni anno dal sindaco di Bagnone, con una messa in onore dell’ultimo pastore. «Quali lavori si possono fare in montagna?», chiediamo a chi, oggettivamente, ce l’ha fatta. «Ah, poca roba. O riesci a ritagliarti un’attività commerciale, un bar, o qualcosa di simile, oppure legna. Chi studia, se ne va». La montagna guarda sempre di buon occhio chi non si perde in chiacchiere e lavora duro. Sono rimasti pochi, su, e questo fa molta selezione. «Io comunque non me ne andrei mai, ognuno è fatto a suo modo, e io sto bene qui». Più i luoghi sono estremi, e sinceri, più estreme e sincere sono le idee di chi ci vive. «Il sole, certo, ma a me le stagioni piacciono tutte, mi piace il nebbione di quota, per esempio», racconta «Chicco». Di animali, invece, dice ce ne siano meno che altrove. «Qui il luogo è frequentato da fungaioli, da escursionisti, le bestie selvatiche sentono subito e si spaventano. Bisogna andare più in là, in luoghi ancor meno frequentati». E' un sito che ripesca nei sussurri, e nelle vicende amministrative, quel «Segreto del Bosco Vecchio» racconto lungo d’esordio di Dino Buzzati. Narra, infatti, Guidi che «questa foresta venne reimpiantata durante il Ventennio, prima era tutto pelato. Brullo. Disboscato».
Anni di un proto decollo industriale, in Europa, e la materia prima per eccellenza, ben prima del petrolio, erano legna e carbone. Così, in pochi decenni, non ci fu più nulla della foresta vergine di questo crinale. Sono perlopiù faggi, con qualche abete, messo dalla Forestale un secolo fa. Ma qua e là si incontrano anche aceri, sambuco, sorbo. «Manca invece, per ragioni ambientali, il sottobosco tipico delle Alpi» precisa il gestore del rifugio. La passione di quest’uomo, si augura, verrà raccolta dai figli Rocco e Andrea. «Loro adesso fanno i pendolari, quasi tutti i giorni a Parma per andare a scuola».
Non è come dirlo, Lagoni-Corniglio-Parma e ritorno, per dei ragazzini. D’inverno la famiglia risiede in paese; con la bella stagione, permane direttamente in quota, al rifugio. I chilometri sono una necessità, per chi vive da queste parti: chi abita a Monchio, a Corniglio, o lì ci lavora, lo sa bene.
E quindi anche la madre, insegnante di lettere al «Giordani», ha una belle dimestichezza con la strada della Val Parma. Vuoi mettere, però, col silenzio vivo delle faggete?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Carabinieri Colorno: Arresto di due persone per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di marijuana.

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

2commenti

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

1commento

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

1commento

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

2commenti

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

SOLIDARIETA'

La lotta di Isabella contro la Fop: via alla raccolta fondi

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

POLIZIA

Donna uccisa in un parco a Milano

GENOVA

Omicidio a Sestri Levante: ucciso un artigiano

SPORT

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

1commento

INTERVISTA

Rugby, Giovanbattista Venditti: "Il Sud Africa punta su fisicità e aggressività" Video

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Vercelli

Maltrattamenti in un asilo, arrestate tre maestre Video

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery