14°

Provincia-Emilia

Cancellare Bore: abitanti e turisti sul piede di guerra

Cancellare Bore: abitanti e turisti sul piede di guerra
6

 Erika Martorana

Paura, rabbia, indignazione. È il clima che si respira a Bore, dopo la recente approvazione da parte del Parlamento del nuovo decreto legge   che prevede la riduzione dei costi relativi alla rappresentanza politica nei comuni. Sono 1.970 sono quelli che, in base a questa legge, verranno eliminati poiché inferiori ai 1000 abitanti, e tra questi c'è Bore, con  812 residenti. 
La notizia della normativa, definita dal sindaco Fausto Ralli una vera e propria «ghigliottina», ha mandato su tutte le furie i boresi, pronti a dare battaglia per tenersi stretto il proprio paese e  i propri diritti.  «L’unica cosa che conta - hanno detto i giovani della Polisportiva locale - è salvare Bore e farlo tutti insieme». 
Nella serata di domenica, si è tenuta nel salone parrocchiale, un’assemblea pubblica indetta dalla giunta comunale con il sostegno incondizionato di tutte le associazioni del paese (Polisportiva Bore, Pubblica Assistenza, Pro Loco, Alpini, Avis, Associazione Artigiani e Commercianti) per informare e sensibilizzare la cittadinanza circa le ripercussioni che la normativa potrebbe avere sul piccolo paese dell’alta Valceno. 
«La sala era gremita - ha spiegato Francesco Conti, 31 anni -: all’interno vi erano persone di tutte le età. Giovani, pensionati, commercianti, ma anche semplici villeggianti e turisti legati al nostro paese da un profondo affetto. Dopo aver visto alcune diapositive e proiezioni video che - continua - raccontavano minuziosamente il nuovo decreto, ho visto diverse persone impallidire. Non ci sembra vero quello che sta accadendo». 
Sergio Resmini, residente da  una vita nel paese afferma: «Grazie all’incontro, ho scoperto che   verrebbe imposta la sola elezione di un sindaco, senza assessori né consiglieri né opposizione. Ispirandosi, alla Germania, questo sindaco verrebbe a chiamarsi “borgomastro” e sarebbe  l’unico referente dell’intera comunità presso il consiglio comunale al quale il nostro comune verrebbe accorpato. Questa vi sembra democrazia? L’unica soluzione - dice - sarebbe recuperare i 200 residenti che mancano, facendo sì che Bore raggiunga i 1000 abitanti». 
Dello stesso parere, Caterina Perotti, insegnante: «Moltissimi ragazzi hanno spostato la loro residenza in città unicamente per lavoro. La stragrande maggioranza di loro però vive abitualmente qui. Sono quasi 3.000 - spiega - le persone che effettivamente risiedono a Bore. Come si può pensare di far vivere tanta gente senza i servizi fondamentali?». 
Per tre giovani del luogo, Stefano, Luca e Alessandro, questa manovra è «incostituzionale»: «Siamo molto amareggiati. Purtroppo - sostengono - crediamo che questo decreto passerà, anche perché sembra che non solo i membri del governo ma anche quelli dell’opposizione non siano interessati a questa questione».
Maria Teresa Ferdenzi Taroli, 38 anni, commerciante della zona commenta: «Mio marito si è voluto trasferire qui da Milano anni fa per la tranquillità, l’aria sana, la vita genuina. I nostri figli vivono bene, senza delinquenza e senza troppi pericoli. Ora - chiede - che ne sarà di noi? Con la caduta del Comune, verranno a mancare servizi, la guardia medica, ma anche la scuola. Senza sicurezze, quante persone rimarranno? Tanti  si sposteranno altrove e questo paese morirà». 
La pensa così anche un’altra residente, Elena Iano, 38 anni: « Anch’io vivevo a Milano e spostandomi qui ho trovato la pace che cercavo. Le persone sono affabili, per me sono una famiglia. È davvero ingiusto». Florenza Orioli, docente di Bore, afferma: «Capisco che sia un periodo di crisi e siano necessari dei tagli. Ma questi sono troppo penalizzanti. È una prevaricazione che fissa limiti senza proporre soluzioni alternative».
 E in merito al da farsi aggiunge: «Sono già state programmate due manifestazioni di protesta a livello nazionale, a Roma il 26 agosto e a Milano il 29. Il comune nelle vesti dei suoi rappresentati sarà presente ad entrambe, il sindaco ce lo ha assicurato. Non ci fermeremo». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • vinisina

    07 Ottobre @ 14.10

    Grazie per l'articolo, ovviamente, ma volevo chiedere. Avete sentito parlare della cancellazione di pagerank? Come ti senti a riguardo. Penso che questo potrebbe portare a questa rivoluzione in Internet. Perche Google lo fa?

    Rispondi

  • andrea

    08 Settembre @ 16.28

    Chi non abita in paesi come Bore non capisce (vedi commenti sopra...).Diventando una frazione di un altro comune, molti servizi verrano soppressi inevitabilmente. Per questo la gente di Bore contesta.

    Rispondi

  • andrea

    08 Settembre @ 16.27

    Chi non abita in paesi come Bore non capisce (vedi commenti sopra...).Diventando una frazione di un altro comune, molti servizi verrano soppressi inevitabilmente. Per questo la gente di Bore contesta.

    Rispondi

  • emi

    26 Agosto @ 16.49

    guardate che cancellano il'amministrazione comunale e l'accorpano con un altro paese ,non vi radono mica al suolo il paese !!!!!

    Rispondi

  • Nocciola

    26 Agosto @ 09.27

    ahem, ma qualcuno glielo spiega che non cancellano i comuni ma solo le amministrazioni??

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

1commento

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Mazzocchi e Corapi: "Partita rognosa, ma aabiamo portato a casa i tre punti" (Video) - Pacciani: "Poco brillanti, ma conta la vittoria" (Video)La squadra saluta gli oltre ottocento tifosi (Video)Il Venezia schiaccia la Samb 3-1. Anche il Padova vince (Risultati e classifica)

2commenti

parma-feralpi

D'Aversa. "Risultato importante, ma vorrei più personalità" Video

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

11commenti

gazzareporter

Il soffitto della palestra "Del Chicca" perde i pezzi

1commento

Carabinieri

Legna e pellet non pagati: commerciante di Parma raggirato nel Reggiano

Bagnolo in Piano: denunciato un 52enne di Crotone, la nipote e il suo compagno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

SEI NAZIONI

L'Italia perde lottando a Twickenham

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia