15°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Enzo Bernabò

Gente di provincia - Enzo Bernabò
0

Stefano Rotta

Non le conti più le notti con la faccia per terra, e l’odore delle scimmie addosso, andando a piedi da Cavignaga in Germania, in Scandinavia, in Russia. Da Porcigatone, da Pursy, dalla Valle Noveglia. Da Strela e Caboara. Con i cammelli, gli orsi ammaestrati conquistati al mercato dei Pirenei, e qualche figliolo sveglio: è l’epopea degli Orsanti, nel Settecento, Ottocento, fino – circa – alla prima Guerra Mondiale. 
Al mondo non c’è più nessuno di questi eroi appenninici, partiti senza data né meta precisa, dialetto in bocca e scimmia in spalla: ma esistono i nipoti, con le favole nei cassoni; così chiusi, e remoti, da aver paura a riaprirli se passa un curioso. Figurarsi un giornalista. Teatrini, tacabanda, l’orso che balla per i bambini della bella società ai tempi della «Belle Epoque»: non è una piaga come l’emigrazione italiana di montagna, che narra di pance bucate e famiglie spezzate. «Quello degli orsanti era un mestiere – spiega Giuliano Mortali, studioso locale, autore di varie pubblicazioni di interesse storico  –: qualcuno fece fortuna, altri lavorarono con soddisfazione economica. Non straccivendoli, o zingari. Ma professionisti ante litteram dell’intrattenimento, nelle città mitteleuropee e nei palazzi del potere a Est». Si dice anche di storie senza tempo, uomini coraggiosissimi con traversate selvatiche sulle spalle, loro e il loro circo: una volta arrivati alle corti degli Zar, via tutto. Si vende al magnate. Si monetizza il sogno. E si torna al paese, se non da imperatori, almeno da sfamati a vita. 
Uno zio di Enzo Bernabò - Enzo è l'uomo che racconta questa storia - si chiamava Antonio. Classe 1844, visse fino al 1926. Per tutti era Bin, chissà perché. Aveva una piccola vigna, dalle parti di Cavignaga. E una lunga barba bianca. Non sappiamo nemmeno che idea avesse di quei posti, del mondo e della politica: ma, è certo, andò – sempre camminando – nelle odierne Austria, Germania, Romania e Polonia. Fin quasi al confine con la Russia. 
«Con lui c’era una signora, piccolina, di Odessa. Era padrona di questa specie di circo, lo dirigeva. Tagliavano le unghie dell’orso appena rinforzavano, per sicurezza. Tornò a casa nel 1919. Non sappiamo quand’era partito». 
Si sa però che a un certo momento è venuto a casa, come tutti, per portare «il grano» ai familiari. Nel frattempo – miracoli di gente d’altri tempi – s’è messo pure a costruire una casa con le sue mani, aiutato forse dalle giovani maestranze, e ci ha messo dentro un’osteria. Che non ha mai chiuso, ci si può andare ancor oggi (certo, è cambiata): si trova lungo la strada che da Bedonia porta a Bardi, proprio all’ingresso del paese di Cavignaga. Le cose vanno bene, ma lui riparte. Ancora quel mondo di poche certezze chiamato «estero» o «lestero», conosciuto solo dagli storici come «Impero Austro-Ungarico». 
Enzo ha nella testa tutto l’albero genealogico della famiglia. Cerca una definizione esistenziale per gli orsanti. Sta in silenzio un minuto, forse più. Poi, ad alta voce: «Avevano una forza interna, l’istinto di andare. Erano avventurieri». Partivano con carte geografiche gigantesche in tela, e chissà com’erano scritti i nomi dei posti, in che lingua, e come le strade, le città, i fiumi. Ci si capiva a gesti, fiutandosi. Girando con orsi, cammelli, pappagalli e tacabanda. «E’ cambiato il clima, c’erano orsi un po’ ovunque in Europa», racconta ancora Enzo. Qualcuno è partito da qui ed è finito in Crimea con le bestie. 
Al bar trattoria dei Bernabò si racconta, oltreché degli avventurieri «buoni», dei «battibirba», nome romantico grazie ai secoli, ma di fatto gentaglia. Potevano chiedere monete per gli ammalati, tenendosele, truffando il buon cuore degli sconosciuti. Oppure sfruttando l’allora diffusissima superstizione, se ne andavano in lande depresse dove altro non erano che forestieri, per istillare il dubbio del malocchio, e toglierlo poi a furia di donazioni. Quando in Appennino non c’era da mangiare per tutti, e qualche anima poco pia se ne partiva di là delle Alpi come una Wanna Marchi pre-televisiva, non restava che inventarsi lo stipendio, e garantirselo con l’impunità dello zingaro senzapatria. 
Sulle storie degli orsanti si sono cimentati alcuni autori locali, fra questi Arturo Curà, parmigiano, classe 1940, oggi residente a Bedonia. Scrive, in «Orsanti», pubblicato da Silva editore: «Si strinsero la mano. Di bello questa gente aveva la capacità di conoscersi al primo fiuto, annusandosi come cani. Il sentirsi diversi dagli altri li univa fino a considerarsi padri e figli e fratelli, liberi sulle strade, speciali viandanti smemorati e fieri sotto le lune d’Europa». Andare, fare, sopravvivere. Portar di qua, poi via di nuovo. «L’istinto di andare», lo chiama il vecchio Bernabò. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

enti

Allarme Provincia: "Rischiamo di non chiudere il bilancio" Video

autobus

Via Farini, modifica temporanea del percorso del 15

crocetta

Crocetta, il mistero dell'auto bruciata

1commento

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

2commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli a Parma

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti