-1°

Provincia-Emilia

La pineta del futuro? Forse sarà una querceta

La pineta del futuro? Forse sarà una querceta
0

LANGHIRANO
Giulia Coruzzi
La piantò un sacerdote, don Zenoni, più di 50 anni fa con l’obiettivo di realizzare nel tempo un humus perfetto per l’agricoltura. Oggi la pineta di Cozzano è molto di più: è un luogo al quale la gente si è affezionata, è un punto delicato su cui convergono le speranze e i progetti delle amministrazioni e di diversi enti, è uno spazio destinato a trasformarsi. Ma è soprattutto una questione su cui tanti si interrogano e pretendono risposte. Si è cercato di darle nelle scorse sere al bar La Perla, dove il sindaco di Langhirano Stefano Bovis, Maurizio Netto del Consorzio di Bonifica parmense e Federica Frattini della Comunità montana hanno illustrato gli ultimi interventi sostenuti in pineta e hanno prospettato scenari futuri.
Sfruttare i finanziamenti
Il tentativo è da sempre quello di sfruttare al massimo i finanziamenti, specie quelli regionali, per fare, a stralci, il possibile per rendere sicura e fruibile questa zona tanto cara a residenti e villeggianti. «Le leggi parlano chiaro: la sicurezza è imprescindibile - ha spiegato Bovis -. La legge sul rischio degli incendi boschivi ci ha permesso di ottenere aiuti per ripristinare le linee tagliafuoco, ossia quelle vie di accesso e fuga utili ai mezzi di soccorso in caso di incendio. Fino a poco tempo fa erano impraticabili».
Natura «artificiale»
L’ambiente pineta, che pare estremamente «naturale», è in realtà del tutto artificiale, nel senso che la maggior parte delle piante presenti non è autoctona: pini neri, larici, abeti rossi arrivano per lo più dall’Austria. E questo ha avuto non poche conseguenze. «Queste specie soffrono il nostro clima, i tronchi si spaccano, il rischio incendi aumenta - ha illustrato Federica Frattini -. Il nostro scopo è quello di rinfoltire il bosco con specie autoctone, andando pian piano a eliminare le piante malate o in cattive condizioni. Intendiamo rispettare il ciclo naturale della pineta: se tra 70 anni non sarà più una “pineta” ma una «querceta”, ad esempio, sarà per un discorso ecologico, di rispetto delle varietà locali».
Gli interventi
Gli interventi che hanno consentito alla pineta di «rinascere» negli ultimi anni sono iniziati nel 2004 e sono stati ultimati nel 2010 per un totale di 500 mila euro di investimenti a carico di Regione Emilia Romagna, Comune di Langhirano, Comunità montana e Consorzio di Bonifica parmense. Smantellare la vecchia seggiovia, diradare alcuni tratti di bosco per favorire la rinnovazione naturale, sistemare i sentieri, ripristinare le vie d’accesso sul versante nord sono stati alcuni dei lavori portati a termine. Al Consorzio di Bonifica parmense, in particolare, è spettato il compito di recuperare le briglie storiche del Valscura. E il futuro? Un bosco più vero, più autentico. «Abbiamo presentato progetti per garantire maggior sicurezza e maggior fruibilità, in particolare per collocare attrezzature in pineta - ha sottolineato Bovis -. Attendiamo di sapere se arriveranno i fondi». Molte le voci tra il pubblico che si sono alzate per chiedere: «Perché non piantare altri pini?». Ma la risposta è stata del tutto «naturale»: «Perché non è il loro habitat: dal punto di vista ecologico sarebbe una scelta sbagliata» ha concluso Federica Frattini. E un ultimo invito è giunto dal primo cittadino: «La pineta è dei privati proprietari del terreno che la ospita: si riuniscano in un unico Consorzio forestale per avere maggior voce in capitolo».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Intervista

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

Graiani, il vigile del fuoco volante

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria