10°

22°

Provincia-Emilia

Ancora tensione al Giro della Padania. Oggi la terza tappa: arrivo a Salsomaggiore

Ancora tensione al Giro della Padania. Oggi la terza tappa: arrivo a Salsomaggiore
Ricevi gratis le news
37

VIGEVANO - Nuove proteste e qualche tafferuglio al Giro della Padania: nella seconda tappa i ciclisti sono partiti da Loano e sono giunti a Vigevano. Domani arriveranno a Salsomaggiore, dove sono possibili altre contestazioni. Alcuni manifestanti, tra i quali esponenti di Rifondazione Comunista e Pd, hanno contestato il passaggio della corsa verde a Savona, costringendo i corridori a deviare il percorso della seconda tappa. Anche oggi, come ieri a Mondovì, non sono mancati spintoni e anche momenti di tensione tra manifestanti, forze dell’ordine e corridori, davanti alla Torretta di Savona, dove è andata in scena la protesta.

IVAN BASSO E SACHA MODOLO: «INSULTATI E PICCHIATI». «Siamo dei ciclisti e siamo venuti a questa gara per correre, chiediamo che il pubblico ci permetta di farlo». È l'appello di Ivan Basso e Sacha Modolo, protagonisti dei tafferugli di oggi alla partenza della seconda tappa del Giro di Padania. «Siamo stati insultati - raccontano in una nota degli organizzatori della corsa - e qualcuno è andato anche oltre ai fatti e ci ha rifilato delle sberle. Per noi questi comportamenti sono inaccettabili: siamo degli sportivi, ci alleniamo e fatichiamo quotidianamente per poter correre, non accettiamo che i nostri sforzi vengano resi vani in questo modo».

IDENTIFICATO UNO DEGLI AGGRESSORI: E' UN 73ENNE. La Digos di Savona ha identificato uno dei manifestanti che questa mattina ha aggredito i ciclisti del Giro di Padania. P. P., 73 anni, avrebbe preso a sberle Sasha Modolo, vincitore della tappa di ieri.
Nei filmati si vede l’anziano, capelli bianchi, maglietta nera e bandiera tricolore legata al collo, grida «vergogna, vergogna» e mette le mani in faccia al ciclista. Rischia una denuncia per violenza privata, ma per procedere nei suoi confronti è necessaria una querela di parte.

MOSER: «COSA VOGLIONO QUESTI COMUNISTI? NELLE LORO CORSE FAVORIVANO I RUSSI». «Ma cosa vogliono questi comunisti con tutte quelle bandiere rosse? È una vita che organizzano corse ciclistiche come il Giro delle Regioni o il Gran premio della Liberazione, dove favorivano i russi e nessuno ha mai detto niente. Perché anche gli altri non dovrebbero farlo?». Francesco Moser, ex campione del mondo di ciclismo e vincitore del Giro d’Italia, è fortemente polemico con quanti protestano contro il Giro della Padania.
«Se non avessero fatto tutto questo casino - dice anche l’ex campione del mondo e recordman dell’ora - nessuno si sarebbe accorto che c'era il giro della Padania, invece adesso lo sanno anche i sassi. Mi hanno criticato perché ho partecipato alla presentazione di questa corsa, ma quando ho corso il Gp della Liberazione nessuno ha detto niente». «E mi ricordo - aggiunge Moser - un anno proprio in quella corsa ero in fuga, verso Cerveteri, con Tullio Rossi (che poi divenne suo gregario, ndr) e con due russi, uno dei quali poi vinse commettendo una scorrettezza per la quale avrebbe dovuto essere squalificato. Invece siccome era dell’Urss, col cavolo che i "compagni" lo fecero». 
Ma almeno non sarebbe stato opportuno chiamare in altro modo questa corsa a tappe? «Ripeto: ma quelli che protestano cosa vogliono? - ribadisce Francesco Moser -. La Padania esiste, è inutile far finta di niente, quindi è giusto che la corsa si chiami così. Certe realtà ci sono, come per esempio anche l'Euregio, territorio che comprende il Sudtirolo, ed il Trentino e del quale noi vogliamo organizzare il giro ciclistico. Nessuno si è scandalizzato per il Gp della Liberazione dell’Unità e dei comunisti, perchè farlo ora per il giro della Padania? Non c'è niente di male nel fatto che esista anche questa corsa, e chi fa casino e provoca scontri le fa solo pubblicità».

IL LATO SPORTIVO DELLA CORSA: VINCE ELIA VIVIANI. Volata con brivido sul rettifilo d’arrivo  di Vigevano che ha ospitato il traguardo della seconda tappa del  Giro di Padania: a vincere è stato Elia Viviani (Liquigas), che  ha preceduto sul traguardo Sacha Modolo (Colnago) e Danilo  Napolitano (Acqua e Sapone). Il corridore di Vallese di Oppeano  (Verona), campione europeo in carica su pista, è riuscito quindi  nell’intento di ribaltare l’esito della volata di Laigueglia  riuscendo ad evitare una caduta ai 200 metri dal traguardo che ha  coinvolto alcuni dei favoriti di questa tappa, tra cui Andrea  Guardini (Farnese Neri). Viviani conquista così anche la  leadership nella classifica generale, a pari tempo con Sacha  Modolo. Domani la terza tappa, la Lonate Pozzolo-Salsomaggiore  Terme, lunga 198 chilometri. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • PAOLO

    02 Aprile @ 11.21

    Moser va ben oltre alla consueta ignoranza del popolo italico..........la Padania????? c'è? dov'è? dovrebbe tornare fare le elementari, sto zodico. D'altro canto che colpa hanno i ciclisti.....nessuna, quindi è da condannare ogni atto di violenza nei loro confronti.

    Rispondi

  • Pietro

    08 Settembre @ 13.23

    Scusate....per i provini di un Posto al Sole? :-)

    Rispondi

  • gaston65

    08 Settembre @ 12.24

    comunismo = nazismo = non democrazia ! cercare di impedire una corsa di biciclette x fini politici è l'ennesimo esempio di come il comunismo sia ancora radicato in certe persone.

    Rispondi

  • Pavesin Luciano

    08 Settembre @ 12.16

    l'intolleranza politica non paga, una corsa sportiva e' una corsa sportiva. Strano popolo quello italiano....NESSUN TAFFERUGLIO A FAVORE DEI MARINAI ITALIANI SEQUESTRATI IN SOMALIA, NESSUN TAFFERUGLO PER L'AUMENTO DELLA BENZINA, NESSUN TAFFERUGLIO PER LE DONNE I IN PENSIONE (graduale) AI 65 anni, ma tafferugli per una corsa ciclistica.

    Rispondi

  • Giuseppe Dallara

    08 Settembre @ 11.51

    Il Giro della Padania, le Miss Padane, un ministro della Repubblica Italiana in canotta e toscano in bocca... Secondo voi l'Europa e il Mondo cosa può pensare di una Nazione abitata e governata da gente così? Oltre ad uno "sputtanamento" globale, l'Italia risulta per questi tipi talmente inaffidabile che la speculazione mondiale ci sta facendo a pezzi! Un capolavoro! Quando si toglieranno dalle scatole e dal Governo, ci vorranno dieci anni per raccattare i cocci.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Luciano Ligabue

Luciano Ligabue

28 settembre

Ligabue, incasso del concerto Reggio Emilia a due onlus

Jovanotti annuncia nuovo tour, album esce 1 dicembre

MUSICA

Jovanotti nuovo album e nuovo tour

Oscar: è A ciambra il candidato italiano

cinema

E' "A ciambra" il candidato italiano agli Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Rogito, la novità è il conto di deposito. Ma è facoltativo

L'ESPERTO

Rogito, la novità è il conto di deposito. Ma è facoltativo

di Arturo Dalla Tana

Lealtrenotizie

Tenta di scipparla fuori dal Maggiore e le fa sbattere la testa

sicurezza

Donna scippata in pieno giorno all'ospedale cade e sbatte la testa Video

il parma

Carra e il futuro: "Puntiamo ai play-off", "Closing entro ottobre"

L'ad del Parma: "Abbiamo sempre mantenuto le promesse: mai detto che vogliamo vincere la B. 4 squadre più attrezzate di noi per la A"

1commento

PARMA

San Leonardo, la Casa delle associazioni nel mirino dei ladri Video

E' intervenuta la polizia

1commento

gazzareporter

Scontro fra bici in via D'Azeglio: vistosa ferita al volto per una donna

anteprima gazzetta

Delitto di Natale, così sono stati uccisi Gabriela e Kelly

gazzareporter

E se capitasse davvero? Asfalto pericoloso a Roccabianca

BARILLA

Il futuro della pasta secondo 19 giovani chef. Video: "The Pasta Opera"

Al via il "Pasta world championship" fra Milano e Parma. Il "campionato" ha una giuria internazionale

municipale

Incidente all'incrocio via Firenze- via Pasubio

1commento

trasporti

"Disservizi sulla Parma-Brescia", Pagliari si rivolge al ministro

bassa

Colorno-Casalmaggiore: l'esercito esclude l'ipotesi di un ponte di barche Video

Curiosità: un ponte di barche in una foto del 1920 dal libro Ricordo di Colorno di Franco Piccoli

2commenti

PARMA

Moletolo e Botteghino: due investiti in poche ore

Scontro auto-bici a Botteghino: un ferito. Davanti alla Overmach, dirigente dell'azienda investito da un'auto

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

2commenti

salsomaggiore

Da mercoledì, una stagione da vivere con il Teatro Nuovo. Tutto il programma

CROCETTA

Scontro in via Emilia Ovest

PARMA

La Comunità nigeriana organizza una marcia contro razzismo, illegalità e violenza

Appuntamento domenica 1° ottobre

4commenti

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

1commento

PARMA

Offerte di lavoro: 20 annunci per chi cerca un impiego

ITALIA/MONDO

Genova

Lo vede scassinare la finestra: "Che fai?". Il ladro: "Rubo". Arrestato

2commenti

Social network

Mosca contro Facebook: "Sposti i server in Russia o sarà fermato come Linkedin"

SPORT

Formula 1

Kvyat silurato dalla Toro Rosso

MOTOCROSS

Kiara Fontanesi si mette «in piega»

SOCIETA'

dubai

Testato il primo taxi volante (senza pilota ai 100 km/h) Video

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery