Provincia-Emilia

L'uomo che scovava i pozzi di petrolio

L'uomo che scovava i pozzi di petrolio
0

Questa è la storia di Carlo Pelagatti, geologo nocetano per anni inviato
dall’Agip in terra d’Africa per scovare i pozzi di petrolio, ma anche per dirigere e coordinare le attività dei dipendenti Agip in quelle zone del mondo. Nato il 29 dicembre del 1931, Carlo Pelagatti ha passato una vita intera alla ricerca del petrolio in Marocco, Tunisia, Tanzania, Madagascar e Nigeria, in luoghi di sicuro non tranquilli ma di una straordinaria bellezza e, una volta tornato, nel 1979 è stato nominato direttore del settore Organizzazione per l’Italia e per l’estero della sede Agip Mineraria di San Donato Milanese.
Una vita, la sua, vissuta nel segno dell'avventura, ma con il pensiero sempre rivolto a casa, alle sue due figlie e alla moglie, Anna Chierici, con cui è sposato da 53 anni e con cui vive tuttora a Milano. Una vita fatta di pericoli, come quella volta nel 1960 sul Massiccio Rosso dell’Atlante in Marocco, assieme all’amico Renzo Avenali, quando durante una perlustrazione in elicottero, questo precipitò e, una volta finiti al suolo, riuscirono a salvarsi restando coricati per terra evitando che il forte vento li facesse volare giù da un dirupo. Una vita fatta anche di grandi soddisfazioni, umane e lavorative, come l’aver scoperto un giacimento di petrolio a El Borma, in Tunisia, con oltre cento milioni di tonnellate di riserve; o come l'aver costruito una scuola in Tanzania, l’essere nominato amministratore delegato della Nigerian Agip Oil Company nel 1976 e l’aver costruito, tramite la Noac, una scuola italiana per i figli dei lavoratori italiani in Nigeria. Tante piccole cose che gli sono valse un grande riconoscimento e cioè il titolo di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per il lavoro svolto in Agip, per la gestione della sicurezza in Nigeria e per l’impegno profuso nella scuola italiana all’estero.
«Ritengo che questo titolo - spiega Pelagatti - acquisti maggior prestigio se condiviso con tutti i dirigenti, i responsabili ed i lavoratori che hanno contribuito alla nascità della Naoc, soprattutto in termini di aumento di produzione di olio». Nel cuore e nella mente di Carlo Pelagatti non sono però solo rimaste le imprese di lavoro di 40 anni di Agip: luoghi e personaggi sono ancora freschi nella sua memoria. «Per me, il premio più grande è stato il poter contemplare questo nostro straordinario pianeta: le sconfinate savane dell’Africa Orientale, la forza dell’Atlantico sul Golfo di Guinea, la grande scarpata rossa dell’Atlante Marocchino ed infine, il cielo stellato su dune senza fine. Sovrumana bellezza, profondissimo silenzio. Solitudine e dentro il cuore, il desiderio di tornare a casa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

2commenti

ANCONA

Terremoto: sindaci regioni terremotate a Loreto

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

5commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

12commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

8commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

GRAN BRETAGNA

Chiude la fonderia della campana del Big Ben

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti