12°

22°

Provincia-Emilia

Nella Bassa la piaga delle case abbandonate

Nella Bassa la piaga delle case abbandonate
0

 Silvio Tiseno

Anche un mulino può diventare spettrale. Una scuola elementare può diventare un rifugio. E la golena di un fiume, un tempo viva e pulsante, un cimitero di case inghiottite dal tempo. Il viaggio fra le «Case degli spiriti» della Bassa Parmense bagnata dal Taro inizia da San Quirico di Trecasali.
San Quirico 
Qui c'è una scuola abbandonata da decenni, che è diventata un rifugio per senzatetto. Due piani, il muro esterno è scrostato e la recinzione, che dovrebbe impedire l’accesso ai non autorizzati, è stata tagliata. Basta volgere lo sguardo alla parete posteriore dell’edificio per rendersi conto che lì qualcuno ci abita: lanciando un’occhiata sbrigativa dalla strada si nota che la tapparella di una delle finestre è stata forzata e rimane aperta grazie a un bastone. Ed è proprio guardando dentro da questa stessa finestra che è possibile notare la gravità della situazione. 
Dentro l’edificio, non a norma da un punto di vista sanitario e dell'abitabilità, si possono notare beni di genere alimentare, bottiglie d’acqua e stoviglie di vario tipo.
Gli abitanti della piccola frazione sono impietositi per le condizioni di disagio sociale in cui vivono gli «inquilini» dell’ex scuola elementare e arrabbiati per lo stato in cui versa un edificio pubblico dove l’acqua, a causa della mancanza delle grondaie, sta lentamente logorando le pareti esterne. 
Ex mulino
C'è un mulino che fa paura solo a guardarlo. Alto cinque piani, chiuso ormai da diversi anni, secondo le testimonianze di alcuni abitanti della zona è frequentato soprattutto di notte. È un enorme edificio con vetri rotti e assi di legno che chiudono le finestre quasi a voler nascondere qualcosa di spettrale. 
Attorno alla grande struttura ci sono numerosi rifiuti abbandonati: bottiglie rotte, indumenti sporchi e stoviglie di plastica usate. Non si tratta di una semplice casa abbandonata, in questo caso c'è qualcuno che dorme all’aperto su un giaciglio coperto da pezzi di legno posizionati in modo da poter assomigliare a una capanna. 
Nel bel mezzo della Bassa Parmense, fra comunità che non si voltano mai dall’altra parte quando si trovano a dover affrontare  problemi di disagio sociale, si è spenta la speranza e gli ultimi della terra sono nascosti al mondo intero. 
Pericoli sottovalutati 
Per una volta la natura ha vinto sul cemento. Dentro quei muri abbandonati capita spesso che crescano alberi fino a sfondare il tetto. Gran parte degli immobili posizionati nell’area golenare del Taro è in condizioni di estrema fatiscenza che si traduce in pericolo se si considera che spesso mancano le recinzioni e non vi è alcun tipo di segnaletica che indichi divieti e pericolosità. Questa zona è frequentata soprattutto da cacciatori e pescatori, ma anche da gruppi di ragazzi che, durante i periodi di vacanza, amano trascorrere intere giornate in sella ad una bicicletta ed esplorare i luoghi incantati che sono attorno alle rive del fiume. E da bambini, si sa, la curiosità non ha steccati. Ma il rischio non è certo piccolo, fra muri sfasciati e tegole sospese i giovani potrebbero diventare, loro malgrado, protagonisti di tragedie preannunciate.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

ravanelli

GUSTO LIGHT

La ricetta - Sformato di carote e ravanelli

di Silvia Strozzi

Lealtrenotizie

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

2commenti

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

politica

Bilancio di fine mandato, Pizzarotti: "Attuato il 73% del programma" Video

3commenti

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

1commento

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non volevo andare sotto la curva per decenza»

1commento

imprese

Polo Industriale Chiesi: sottoscritto l’accordo di programma per l’ampliamento

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

1commento

sos animali

Bocconi sospetti ritrovati al Montanara: parco chiuso  Foto

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato

Albareto

L'alpino «Livio» morto a 101 anni

La curiosità

Paracadutista a 96 anni grazie a un parmigiano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Autostrada

Ancora uno scontro fra camion in A1: un morto a Modena

INCIDENTI

Scontro tra mezzi ferroviari: due operai morti sulla Bolzano-Brennero Foto

SOCIETA'

torino

Stamina, nuova inchiesta: fermato Vannoni. Stava per lasciare l'Italia

gran bretagna

10 anni dal caso Maddie. E ora Scotland Yard segue una nuova pista

SPORT

36^Giornata

Parma - Sudtirol 0-1: gli highlights del match Video

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

1commento

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport