16°

Provincia-Emilia

Capoponte: addio a Lele, il titolare del bar Baffo

Capoponte: addio a Lele, il titolare del bar Baffo
2

 Beatrice Minozzi

Sorridente, generoso e ospitale. Quando aprivi le porte del bar Baffo di Capoponte era un po’ come entrare in casa sua. Ed ora sarà difficile colmare il vuoto lasciato tra quelle mura dalla morte di Gabriele Boschi, per tutti Lele, scomparso sabato dopo una breve malattia che se l’è portato via all’età di 65 anni.  Una scomparsa che ha lasciato senza parole l’intera comunità tizzanese, e che segue di pochi mesi quella del padre di Lele, Renzo, il famoso «Baffo» che se ne è andato nel gennaio scorso.
«In poco tempo se ne sono andate due figure cardine di questo bar – spiega commosso il figlio di Lele, Antonio, nelle cui mani sono ora riposte le redini del locale -. Ora ci dobbiamo fare forza, e andare avanti anche per loro». 
Il bar era tutta la sua vita, e a quel locale Lele non aveva rinunciato neppure quando, ancora 20enne, gli avevano offerto un posto al Circolo Ufficiali della Nato a Verona, dove aveva svolto il servizio militare. Il bar Baffo era il «suo» bar: è lì che era nato ed è lì che ha carpito tutti i preziosi insegnamenti che suo padre quotidianamente gli offriva. 
La sua giornata lavorativa iniziava alle 3 e mezzo di notte, quando iniziava a cuocere le paste preparate dal figlio Antonio. Alle 4 e 40 apriva le porte del bar, pronto ad accogliere con un sorriso sulle labbra i primi clienti, che da tutte le valli circostanti si fermavano a Capoponte per la colazione. Neanche il tempo di varcare la soglia del locale che il buonumore e la simpatia di Lele ti accoglievano con una battuta scherzosa, un sorriso gentile e quell’innata eleganza che lo contraddistinguevano. 
Nel suo lavoro Lele aveva coinvolto tutta la sua famiglia: la moglie Lina, sposata  45 anni fa «ma sembrano quasi 90 – scherzava Lele -, visto che condividiamo sia la vita che il lavoro», ma anche il figlio Antonio, che ha fatto la sua prima apparizione nel bar appena nato, nel 1969. 
«E’ stato un bravo papà – ricorda Antonio -, un padre che non mi ha fatto mai mancare il suo supporto e la sua vicinanza in tutti i momenti della mia vita». E in quello che più che un bar è una grande famiglia lavora da anni anche Marina, moglie di Antonio. 
Il buonumore di Lele contagiava tutti, un buonumore che non lo ha abbandonato neppure durante la malattia, così come la sua grande passione per i motori, Ferrari in primis. Neppure negli ultimi giorni della sua vita aveva perso la sua voglia di scherzare, anche con il personale sanitario che la ha curato amorevolmente, e anche dal suo letto d’ospedale non mancava di infondere coraggio e positività a tutti coloro che gli sono stati intorno.   I funerali in forma civile si svolgeranno mercoledì  partendo dal Maggiore di Parma alle 14. Dopo una sosta davanti al Bar Baffo, il feretro sarà portato al tempio di Valera per la cremazione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giovanni

    03 Novembre @ 13.04

    Incredibile,mi dispiace

    Rispondi

  • pattrizia 71

    01 Novembre @ 13.24

    .....riposa in pace lele, che hai saputo fare del tuo sorriso e del tuo bar un simbolo della nostra memoria!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

1commento

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

1commento

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

2commenti

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

nepal

Intrappolato in un burrone nell' Himalaya, trovato vivo dopo 47 giorni

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling