-2°

Provincia-Emilia

Guareschi? È un fumetto

Guareschi? È un fumetto
0

Egidio Bandini

Tre volumi della collana in qualcosa meno di un anno: bastano questi numeri a testimoniare il successo straordinario del «Don Camillo a fumetti» edito da ReNoir Comics. Da pochi giorni è uscita la nuova raccolta di racconti illustrati, tratti dalle 346 storie che Giovannino Guareschi dedicò al «Mondo piccolo» del pretone e del grosso sindaco comunista, resi famosi nel mondo da Fernandel e Gino Cervi: un inedito don Camillo per immagini che oggi, quasi sull’onda della popolarità dei film, arriva al terzo capitolo, senza perdere un briciolo dell’originalità e della simpatia iniziali. Come per il primo e il secondo volume, anche questa terza raccolta, dal titolo «Passa il Giro» (ReNoir Comics), presenta nove racconti illustrati con Peppone e don Camillo protagonisti e due fumetti «extra», senza il prete e il sindaco più famosi della letteratura italiana. Proprio la seconda di queste storie è una storia tutta parmigiana, perché in «Roba del 1922», pubblicato su «Candido» n. 16 del 20 aprile 1952, Guareschi fa entrare in scena Padre Lino Maupas, il frate Santo che Giovannino descrive così: «Il ragazzo volse il capo di scatto… Ed era un frate. Il ragazzo riconobbe il tipo. Più o meno lo conoscevano tutti, in città, perché era un frate che, anche a vederlo una sola volta, non lo si dimenticava più». Il protagonista del racconto, il Magrino, pensa di truffare il frate, rubando il pesante sacco di farina affidatogli da lasciare al Dazio, dove Padre Lino sarebbe passato a riprenderselo. Il Magrino, lasciato passare il frate ed elusi i dazieri con la scusa di dover portare il sacco al convento, vende la farina e se ne va all’osteria, una di quelle osterie vicine al carcere di San Francesco. Scrive Guareschi: «Nel luglio del 1922 era un brutto vivere, da quelle parti. Oramai la politica non la si faceva più a parole, ma tirando giù legnate maledette o peggio e, un mese dopo, sarebbero sorte addirittura le barricate. E le torri e le case più alte si sarebbero popolate di franchi tiratori. E camion carichi di gente armata sarebbero piovuti in città da tutte le parti. Il Magrino che, quando si trattava di affari personali sul tipo di quello della farina era riservatissimo e non parlava neanche a scannarlo, per quanto riguardava la politica agiva secondo gli ordini degli altri. Anche quella sera andò alla solita osteria dove i capi dei rossi si adunavano per dare le direttive. Ma non c’era niente da fare: niente rappresaglie, niente pestaggi. Riposo assoluto. Il Magrino rimase lì a fare una partita e a bere una bottiglia. Il borgo, angusto e tortuoso, sboccava sul viale della circonvallazione e le ultime case della fila di destra stavano rannicchiate ai piedi delle altissime e squallide mura della prigione. L’osteria era, appunto, una delle ultime case: e, chi sa mai perché - forse per nostalgia, forse a causa di qualche “complesso” - ai tavoli di quell’osteria c’era ogni sera qualcuno da poco uscito dalla prigione. E in quell’osteria, ogni tanto, si udivano canzoni da prigionieri, cantate in modo che soltanto chi è stato in galera le può cantare. Anche quella sera c’erano due o tre che, qualche giorno prima, stavano ancora dietro il muraglione in cima al quale giravano le sentinelle. Parlavano della gente che avevano conosciuto là dentro, della vita che avevano trascorso là dentro ma, soprattutto, parlavano di “lui”. Del frate che camminava come un cammello, del frate che nel pomeriggio aveva dato il sacco di farina al Magrino. Era un frate davvero straordinario: era il frate dei carcerati e sulle sue spalle i carcerati scaricavano tutte le loro pene. Veniva di molto lontano. Aveva due spalle buone. Dalle maniche della sua tonaca saltava fuori tutto, come se fosse il prestigiatore di Dio. Lo si vedeva girare per le strade della città con una fascina sulle spalle e la portava alla famiglia di un carcerato. O con un bambino fra le braccia e andava in su e in giù cercando qualche donna che allattasse il poverino perché la madre - libera o in galera - non aveva latte. Un giorno, nella strada principale della città, il frate si mise a ballare al suono di un “verticale” e poi raccolse quattrini col piattino per darli al disgraziato suonatore ambulante e ai due fagotti di stracci che erano con lui in qualità di moglie e di figlio. Roba che si trova scritta sui libri oramai o che, se non c’è ancora, bisognerà scriverla». E non c’è solo Padre Lino a rendere «parmigiane» le avventure del «Don Camillo a fumetti», perché uno dei disegnatori, Roberto Meli (che tra l’altro è stato collaboratore della «Gazzetta»), è delle nostre parti, di Ponte Taro per la precisione e la sua matita ha firmato il primo dei due racconti «extra», un’altra favola commovente di Giovannino: «Giacomone». Dal 3 novembre è in libreria e nelle fumetterie questo terzo volume di storie illustrate del «Mondo piccolo». Anche per questa nuova raccolta gli autori hanno cercato, con l’aiuto di Alberto e Carlotta Guareschi, quei racconti che potessero, in qualche modo, raccontare la saga più popolare del dopoguerra italiano in modo differente. E per la terza volta ci sono riusciti.
Passa il Giro - ReNoir Comics, pag. 130,  14 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto