-2°

Provincia-Emilia

Guareschi? È un fumetto

Guareschi? È un fumetto
0

Egidio Bandini

Tre volumi della collana in qualcosa meno di un anno: bastano questi numeri a testimoniare il successo straordinario del «Don Camillo a fumetti» edito da ReNoir Comics. Da pochi giorni è uscita la nuova raccolta di racconti illustrati, tratti dalle 346 storie che Giovannino Guareschi dedicò al «Mondo piccolo» del pretone e del grosso sindaco comunista, resi famosi nel mondo da Fernandel e Gino Cervi: un inedito don Camillo per immagini che oggi, quasi sull’onda della popolarità dei film, arriva al terzo capitolo, senza perdere un briciolo dell’originalità e della simpatia iniziali. Come per il primo e il secondo volume, anche questa terza raccolta, dal titolo «Passa il Giro» (ReNoir Comics), presenta nove racconti illustrati con Peppone e don Camillo protagonisti e due fumetti «extra», senza il prete e il sindaco più famosi della letteratura italiana. Proprio la seconda di queste storie è una storia tutta parmigiana, perché in «Roba del 1922», pubblicato su «Candido» n. 16 del 20 aprile 1952, Guareschi fa entrare in scena Padre Lino Maupas, il frate Santo che Giovannino descrive così: «Il ragazzo volse il capo di scatto… Ed era un frate. Il ragazzo riconobbe il tipo. Più o meno lo conoscevano tutti, in città, perché era un frate che, anche a vederlo una sola volta, non lo si dimenticava più». Il protagonista del racconto, il Magrino, pensa di truffare il frate, rubando il pesante sacco di farina affidatogli da lasciare al Dazio, dove Padre Lino sarebbe passato a riprenderselo. Il Magrino, lasciato passare il frate ed elusi i dazieri con la scusa di dover portare il sacco al convento, vende la farina e se ne va all’osteria, una di quelle osterie vicine al carcere di San Francesco. Scrive Guareschi: «Nel luglio del 1922 era un brutto vivere, da quelle parti. Oramai la politica non la si faceva più a parole, ma tirando giù legnate maledette o peggio e, un mese dopo, sarebbero sorte addirittura le barricate. E le torri e le case più alte si sarebbero popolate di franchi tiratori. E camion carichi di gente armata sarebbero piovuti in città da tutte le parti. Il Magrino che, quando si trattava di affari personali sul tipo di quello della farina era riservatissimo e non parlava neanche a scannarlo, per quanto riguardava la politica agiva secondo gli ordini degli altri. Anche quella sera andò alla solita osteria dove i capi dei rossi si adunavano per dare le direttive. Ma non c’era niente da fare: niente rappresaglie, niente pestaggi. Riposo assoluto. Il Magrino rimase lì a fare una partita e a bere una bottiglia. Il borgo, angusto e tortuoso, sboccava sul viale della circonvallazione e le ultime case della fila di destra stavano rannicchiate ai piedi delle altissime e squallide mura della prigione. L’osteria era, appunto, una delle ultime case: e, chi sa mai perché - forse per nostalgia, forse a causa di qualche “complesso” - ai tavoli di quell’osteria c’era ogni sera qualcuno da poco uscito dalla prigione. E in quell’osteria, ogni tanto, si udivano canzoni da prigionieri, cantate in modo che soltanto chi è stato in galera le può cantare. Anche quella sera c’erano due o tre che, qualche giorno prima, stavano ancora dietro il muraglione in cima al quale giravano le sentinelle. Parlavano della gente che avevano conosciuto là dentro, della vita che avevano trascorso là dentro ma, soprattutto, parlavano di “lui”. Del frate che camminava come un cammello, del frate che nel pomeriggio aveva dato il sacco di farina al Magrino. Era un frate davvero straordinario: era il frate dei carcerati e sulle sue spalle i carcerati scaricavano tutte le loro pene. Veniva di molto lontano. Aveva due spalle buone. Dalle maniche della sua tonaca saltava fuori tutto, come se fosse il prestigiatore di Dio. Lo si vedeva girare per le strade della città con una fascina sulle spalle e la portava alla famiglia di un carcerato. O con un bambino fra le braccia e andava in su e in giù cercando qualche donna che allattasse il poverino perché la madre - libera o in galera - non aveva latte. Un giorno, nella strada principale della città, il frate si mise a ballare al suono di un “verticale” e poi raccolse quattrini col piattino per darli al disgraziato suonatore ambulante e ai due fagotti di stracci che erano con lui in qualità di moglie e di figlio. Roba che si trova scritta sui libri oramai o che, se non c’è ancora, bisognerà scriverla». E non c’è solo Padre Lino a rendere «parmigiane» le avventure del «Don Camillo a fumetti», perché uno dei disegnatori, Roberto Meli (che tra l’altro è stato collaboratore della «Gazzetta»), è delle nostre parti, di Ponte Taro per la precisione e la sua matita ha firmato il primo dei due racconti «extra», un’altra favola commovente di Giovannino: «Giacomone». Dal 3 novembre è in libreria e nelle fumetterie questo terzo volume di storie illustrate del «Mondo piccolo». Anche per questa nuova raccolta gli autori hanno cercato, con l’aiuto di Alberto e Carlotta Guareschi, quei racconti che potessero, in qualche modo, raccontare la saga più popolare del dopoguerra italiano in modo differente. E per la terza volta ci sono riusciti.
Passa il Giro - ReNoir Comics, pag. 130,  14 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

1commento

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

4commenti

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Traffico

Pericolo nebbia questa mattina nel Parmense Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

9commenti

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

6commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti