-2°

Provincia-Emilia

Il rischio piene nel Parmense: deciso lo sgombero delle aree golenali aperte

Il rischio piene nel Parmense: deciso lo sgombero delle aree golenali aperte
1

PARMA - E’ dalla sede del Coordinamento provinciale della Protezione Civile che verrà monitorata in queste ore la situazione del livello del Po e dei suoi affluenti fino all’esaurimento della piena. Nella sede di via del Taglio a Parma alle 12 di oggi si terrà la riunione, indetta dal presidente della Provincia di Parma Vincenzo Bernazzoli, dell’Unità di crisi con i rappresentanti dei Comuni rivieraschi, della Prefettura, Vigili del Fuoco, Aipo, Servizio tecnico di bacino oltre al Coordinamento volontari della Protezione civile.
Già questa mattina l’assessore provinciale Andrea Fellini con il Servizio provinciale di Protezione Civile ha svolto un sopralluogo a Polesine e nelle zone rivierasche dove l’onda di piena è attesa presumibilmente per la notte. La variabile sui dati e l’ora di arrivo nelle nostre zone è infatti determinata dalla portata degli affluenti.
“ Tutti i comuni stanno continuando il monitoraggio soprattutto nelle zone golenali ed è di questa mattina la comunicazione dell’Agenzia regionale di Protezione Civile di procedere con lo sgombro delle arre golenali aperte – dice Fellini – alle 9,30 di questa mattina a Ponte Becca nel pavese il livello era di 3,83 di poco superiore al 1° livello e al di sotto dei 4metri e 50 che fissano il livello di guardia e attenzione. E’ un dato confortante perché quel rilievo è effettuato dopo la confluenza col Ticino”.
A Piacenza il Po è salito a 5,92, superando il primo livello (5) e toccando il secondo, quello di preallarme fissato a 6 metri. A Isola Pescaroli invece le acque sono arrivate  a 13,77 metri, il livello due è fissato a 14 metri e la massima piena storica ha raggiunto i 17 metri.
Fino ad ora nel Parmense le piogge e i temporali caduti in questi due giorni sono stati sotto controllo e al servizio provinciale non sono arrivate segnalazioni di situazioni di emergenza. Alle 12 si farà anche il punto sullo stato del territorio, oltre che sull’evoluzione della piena del Po.

LA SITUAZIONE DEL PO - Le intense precipitazioni che hanno interessato il bacino del Po, ed in particolare il territorio Piemontese, a partire dal pomeriggio di giovedì 3 novembre, hanno determinato come noto la formazione di onde di piena lungo gran parte degli affluenti del Torinese, Cuneese, Alessandrino e Vercellese.
I bacini maggiormente colpiti sono stati quelli dello Scrivia, del Tanaro (compresi i suoi affluenti Orba e Bormida), dell’Alto Po (Chisola, Pellice, Dora Riparia, Stura di Lanzo), della Dora Baltea e del Sesia con valori che hanno superato in alcuni casi la soglia di elevata criticità.
Conseguentemente, sull’asta principale del Po si è formata un onda di piena che nella nottata appena trascorsa ha attraversato il tratto torinese, con valori al colmo prossimi alla soglia 3 (con una criticità compresa tra il moderato e l’elevato) e in queste ore sta ancora crescendo nel tratto a valle della confluenza della Dora Baltea (sezione di Crescentino).
I colmo è stato registrato a Carignano (TO) a mezzanotte con un livello di 4,92 s.z.i. (livello 3 di riferimento per l’elevata criticità = 5 m sullo zero idrometrico). Alle ore 4 di stamattina alla stazione di misura di Torino Murazzi il colmo ha raggiunto 4,77 m. s.z.i. (livello 3 di riferimento per l’elevata criticità= 4,70 m s.z.i.).
Il colmo di piena del Po, previsto nella serata di oggi nella sezione di Isola San Antonio (confluenza Tanaro), sulla base degli attuali scenari di previsione si propagherà nel tratto di valle con valori compresi nell’intorno della soglia 2 (che rappresenta il livello di passaggio alla criticità moderata) e determinerà l’allagamento delle aree più prospicenti il fiume. Potranno quindi essere interessate le strutture e le attività poste nelle aree golenali aperte. Non si prevede l’interessamento delle aree golenali chiuse ma si raccomanda la massima attenzione lungo tutto il corso d’acqua.

Gli scenari di previsione per le prossime 24/36 ore evidenziano una nuova perturbazione che potrebbe interessare nuovamente il territorio piemontese e pertanto i livelli lungo l’asta potranno mantenersi elevati almeno per i prossimi tre giorni.
Il colmo di piena dovrebbe raggiungere Piacenza intorno alla tarda mattinata di domani, martedì 8 novembre.
E’ interdetta la navigazione lungo tutta l’asta del Po. Aggiornamenti sull’evoluzione del fenomeno e sulle eventuali situazioni di criticità idraulica saranno disponibili nel sito www.agenziapo.it, sezione “Servizio di piena Aggiornamenti”.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Tanzi

    07 Novembre @ 15.34

    Segnale un piccolo, curioso episodio. La metà del ponte sul fiume Taro di competenza dei Comuni di Fontevivo e Noceto, è stata - opportunamente - ripulita dalle erbacce e le caditoie scaricano tranquillamente. La metà del ponte di competenza del Comune di Parma, no e quando piove forte si allaga.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

I ladri fanno saltare in aria un altro Bancomat, bottino 10mila euro

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

10commenti

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Contro il Teramo (domani al Tardini: ore 14.30): non ci saranno Lucarelli e Calaiò

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

10commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

2commenti

ITALIA/MONDO

Video

Fisco sul telefono: gli avvisi dell'Agenzia delle Entrate arrivano via sms

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti