-5°

Provincia-Emilia

Il rischio piene nel Parmense: deciso lo sgombero delle aree golenali aperte

Il rischio piene nel Parmense: deciso lo sgombero delle aree golenali aperte
1

PARMA - E’ dalla sede del Coordinamento provinciale della Protezione Civile che verrà monitorata in queste ore la situazione del livello del Po e dei suoi affluenti fino all’esaurimento della piena. Nella sede di via del Taglio a Parma alle 12 di oggi si terrà la riunione, indetta dal presidente della Provincia di Parma Vincenzo Bernazzoli, dell’Unità di crisi con i rappresentanti dei Comuni rivieraschi, della Prefettura, Vigili del Fuoco, Aipo, Servizio tecnico di bacino oltre al Coordinamento volontari della Protezione civile.
Già questa mattina l’assessore provinciale Andrea Fellini con il Servizio provinciale di Protezione Civile ha svolto un sopralluogo a Polesine e nelle zone rivierasche dove l’onda di piena è attesa presumibilmente per la notte. La variabile sui dati e l’ora di arrivo nelle nostre zone è infatti determinata dalla portata degli affluenti.
“ Tutti i comuni stanno continuando il monitoraggio soprattutto nelle zone golenali ed è di questa mattina la comunicazione dell’Agenzia regionale di Protezione Civile di procedere con lo sgombro delle arre golenali aperte – dice Fellini – alle 9,30 di questa mattina a Ponte Becca nel pavese il livello era di 3,83 di poco superiore al 1° livello e al di sotto dei 4metri e 50 che fissano il livello di guardia e attenzione. E’ un dato confortante perché quel rilievo è effettuato dopo la confluenza col Ticino”.
A Piacenza il Po è salito a 5,92, superando il primo livello (5) e toccando il secondo, quello di preallarme fissato a 6 metri. A Isola Pescaroli invece le acque sono arrivate  a 13,77 metri, il livello due è fissato a 14 metri e la massima piena storica ha raggiunto i 17 metri.
Fino ad ora nel Parmense le piogge e i temporali caduti in questi due giorni sono stati sotto controllo e al servizio provinciale non sono arrivate segnalazioni di situazioni di emergenza. Alle 12 si farà anche il punto sullo stato del territorio, oltre che sull’evoluzione della piena del Po.

LA SITUAZIONE DEL PO - Le intense precipitazioni che hanno interessato il bacino del Po, ed in particolare il territorio Piemontese, a partire dal pomeriggio di giovedì 3 novembre, hanno determinato come noto la formazione di onde di piena lungo gran parte degli affluenti del Torinese, Cuneese, Alessandrino e Vercellese.
I bacini maggiormente colpiti sono stati quelli dello Scrivia, del Tanaro (compresi i suoi affluenti Orba e Bormida), dell’Alto Po (Chisola, Pellice, Dora Riparia, Stura di Lanzo), della Dora Baltea e del Sesia con valori che hanno superato in alcuni casi la soglia di elevata criticità.
Conseguentemente, sull’asta principale del Po si è formata un onda di piena che nella nottata appena trascorsa ha attraversato il tratto torinese, con valori al colmo prossimi alla soglia 3 (con una criticità compresa tra il moderato e l’elevato) e in queste ore sta ancora crescendo nel tratto a valle della confluenza della Dora Baltea (sezione di Crescentino).
I colmo è stato registrato a Carignano (TO) a mezzanotte con un livello di 4,92 s.z.i. (livello 3 di riferimento per l’elevata criticità = 5 m sullo zero idrometrico). Alle ore 4 di stamattina alla stazione di misura di Torino Murazzi il colmo ha raggiunto 4,77 m. s.z.i. (livello 3 di riferimento per l’elevata criticità= 4,70 m s.z.i.).
Il colmo di piena del Po, previsto nella serata di oggi nella sezione di Isola San Antonio (confluenza Tanaro), sulla base degli attuali scenari di previsione si propagherà nel tratto di valle con valori compresi nell’intorno della soglia 2 (che rappresenta il livello di passaggio alla criticità moderata) e determinerà l’allagamento delle aree più prospicenti il fiume. Potranno quindi essere interessate le strutture e le attività poste nelle aree golenali aperte. Non si prevede l’interessamento delle aree golenali chiuse ma si raccomanda la massima attenzione lungo tutto il corso d’acqua.

Gli scenari di previsione per le prossime 24/36 ore evidenziano una nuova perturbazione che potrebbe interessare nuovamente il territorio piemontese e pertanto i livelli lungo l’asta potranno mantenersi elevati almeno per i prossimi tre giorni.
Il colmo di piena dovrebbe raggiungere Piacenza intorno alla tarda mattinata di domani, martedì 8 novembre.
E’ interdetta la navigazione lungo tutta l’asta del Po. Aggiornamenti sull’evoluzione del fenomeno e sulle eventuali situazioni di criticità idraulica saranno disponibili nel sito www.agenziapo.it, sezione “Servizio di piena Aggiornamenti”.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Tanzi

    07 Novembre @ 15.34

    Segnale un piccolo, curioso episodio. La metà del ponte sul fiume Taro di competenza dei Comuni di Fontevivo e Noceto, è stata - opportunamente - ripulita dalle erbacce e le caditoie scaricano tranquillamente. La metà del ponte di competenza del Comune di Parma, no e quando piove forte si allaga.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

5commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

7commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

2commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

6commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

Gran Sasso

Il salvataggio a Rigopiano: le foto

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery