-1°

14°

Provincia-Emilia

Albareto, sbranati alcuni cani Un coro: "Attenti al lupo!"

Albareto, sbranati alcuni cani Un coro: "Attenti al lupo!"
7

 Giorgio Camisa

«Attenti al lupo!» E' un coro che si rincorre lungo l'alta vallata del Taro, dopo che alcuni cani sono stati uccisi. 
I singoli, ma ripetuti episodi, registrati nei giorni scorsi   a Pieve di Campi, una delle tante frazioni del comune della Valgotra avrebbero un unico e comune denominatore: il lupo. 
A sostenerlo è   Renzo Bruschi, presidente dell'Atc Parma 9.   «Ad alcuni cacciatori che esercitavano la loro attività venatoria nelle zone boschive di Pieve di Campi sono stati uccisi i loro cani proprio dai lupi -  afferma   -. Se nei primi casi, anche se era evidente che non si trattava di altri animali, restavano alcuni dubbi, l’ultimo episodio, quello accaduto nei giorni scorsi, non lascia adito ad incertezze.  I cacciatori hanno visto con i loro occhi il lupo che  si è allontanato dal luogo del misfatto ed è per questo che vengono avvalorati i sospetti che il lupo si il responsabile anche degli altri casi, che riguardano    quattro o forse cinque cani».
 I  precedenti si riferiscono in particolare al fatto accaduto a Caffaraccia altra località di case sparse a monte del paese. Una squadra di cacciatori impegnata in una battuta al cinghiale si è trovata involontariamente coinvolta in una singolare avventura: il cane di R.S. era all’inseguimento di un ungulato quando improvvisamente veniva attaccato e azzannato da un’altra bestia che con ogni probabilità era un lupo che aveva cercato di accaparrare a sua volta  la preda.
 «In questi ultimi mesi si sono ulteriormente verificate predazioni di pecore, capre selvatiche per non parlare di caprioli, di daini e di attacchi e anche uccisioni di animali al pascolo -  ha spigato ancora Renzo Bruschi -. Non è certamente facile capire l’atteggiamento di questo splendido e nello stesso tempo spietato animale e anche il perché sia tornato così prepotentemente in questi luoghi e che stia ormai diventando un vero e proprio pericolo anche per gli abitanti della nostra montagna». 
Per il presidente Bruschi sarebbe necessario fare chiarezza e affrontare per tempo il problema, che in passato aveva iniziato a svolgere l’amministrazione Provinciale. 
La Provincia aveva studiato i comportamenti di questo animale e anche la sua indiscussa utilità. «E' necessario però, visti i numerosi episodi, porsi delle domande e soprattutto ricevere delle risposte dai diretti interessati -  ha rimarcato il presidente Bruschi -. Bisogna aprire un tavolo con interlocutori preparati per capire alcuni particolari sulla questione lupo, capire se è vero, come qualcuno sostiene, che i lupi vengono allevati e poi liberati con radio-collari per essere monitorati e studiarne i loro comportamenti e i loro spostamenti. I danni causati vengono risarciti?» 
Sentendo i racconti di questi attacchi così violenti non sono però poche le persone che sostengono che ad agire   siano cani inselvatichiti, che vivono allo stato brado.   Bruschi però sostiene che alcune analisi fatte eseguire sulle feci hanno dato  riscontri oggettivi: si tratta proprio di lupi. 
«Visto  che gli attacchi avvengono in modo così violento è possibile  che si tratti di lupi non puri o cani lupi o di altri incroci -  conclude Bruschi -. Sarebbe però importante capire, una volta per tutte, se questi animali possano attaccare l’uomo: l’agricoltore che raccoglie legna o che lavora nei campi, oppure il turista che fa passeggiate e in questi periodi i tanti raccoglitori di funghi».  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco R

    20 Ottobre @ 20.19

    Rispondo a M.;Se i lupi NON hanno mai attaccato l'uomo, NON si può dire che NON possano farlo un domani.Se dovesse accadere a lei",o a un "suo"caro, di trovarsi davanti ad un esemplare del genere, lei cosa farebbe?come si comporterebbe?Per prima cosa,dovrebbe sperare di "portare fuori là pelle"!!!Ci pensi sù BENE!!!!!SALUTI

    Rispondi

  • XS

    22 Novembre @ 21.36

    Nell'articolo si parla di ripopolamento: é' una leggenda metropolitana che i lupi siano stati allevati per ripopolare, è bene informarsi presso gli organi competenti. Semplicemente dagli anni 70/80,decimati e poi finalmente protetti , hanno trovato tutte le prede disponibile per rimettersi in forze e riconquistare un pò di quello che è sempre stato il loro territorio.

    Rispondi

  • dd_77

    15 Novembre @ 13.41

    è come la storia dell'orso cattivo e dell'umo indifeso.. chi ci rimette è sempre e solo l'animale selvatico. è ora di guardare in faccia la realtà ed abituarsi a rivivere un dialogo con la natura che si era perso, che si era VOLUTAMENTE perso!!

    Rispondi

  • M.

    15 Novembre @ 12.54

    ...il lupo NON HA MAI ATTACCATO L'UOMO....quindi quali pericoli ci sono????...quale diritto hanno i cacciatori a cacciare nel territorio dei lupi??....perché bisogna allontanare i lupi e non i cacciatori?...vorrei avere una risposta da questo presidente...

    Rispondi

  • dd_77

    15 Novembre @ 12.29

    è come la storia dell'orso cattivo e dell'umo indifeso.. chi ci rimette è sempre e solo l'animale selvatico. è ora di guardare in faccia la realtà ed abituarsi a rivivere un dialogo con la natura che si era perso, che si era VOLUTAMENTE perso!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia