12°

22°

Provincia-Emilia

Albareto, sbranati alcuni cani Un coro: "Attenti al lupo!"

Albareto, sbranati alcuni cani Un coro: "Attenti al lupo!"
7

 Giorgio Camisa

«Attenti al lupo!» E' un coro che si rincorre lungo l'alta vallata del Taro, dopo che alcuni cani sono stati uccisi. 
I singoli, ma ripetuti episodi, registrati nei giorni scorsi   a Pieve di Campi, una delle tante frazioni del comune della Valgotra avrebbero un unico e comune denominatore: il lupo. 
A sostenerlo è   Renzo Bruschi, presidente dell'Atc Parma 9.   «Ad alcuni cacciatori che esercitavano la loro attività venatoria nelle zone boschive di Pieve di Campi sono stati uccisi i loro cani proprio dai lupi -  afferma   -. Se nei primi casi, anche se era evidente che non si trattava di altri animali, restavano alcuni dubbi, l’ultimo episodio, quello accaduto nei giorni scorsi, non lascia adito ad incertezze.  I cacciatori hanno visto con i loro occhi il lupo che  si è allontanato dal luogo del misfatto ed è per questo che vengono avvalorati i sospetti che il lupo si il responsabile anche degli altri casi, che riguardano    quattro o forse cinque cani».
 I  precedenti si riferiscono in particolare al fatto accaduto a Caffaraccia altra località di case sparse a monte del paese. Una squadra di cacciatori impegnata in una battuta al cinghiale si è trovata involontariamente coinvolta in una singolare avventura: il cane di R.S. era all’inseguimento di un ungulato quando improvvisamente veniva attaccato e azzannato da un’altra bestia che con ogni probabilità era un lupo che aveva cercato di accaparrare a sua volta  la preda.
 «In questi ultimi mesi si sono ulteriormente verificate predazioni di pecore, capre selvatiche per non parlare di caprioli, di daini e di attacchi e anche uccisioni di animali al pascolo -  ha spigato ancora Renzo Bruschi -. Non è certamente facile capire l’atteggiamento di questo splendido e nello stesso tempo spietato animale e anche il perché sia tornato così prepotentemente in questi luoghi e che stia ormai diventando un vero e proprio pericolo anche per gli abitanti della nostra montagna». 
Per il presidente Bruschi sarebbe necessario fare chiarezza e affrontare per tempo il problema, che in passato aveva iniziato a svolgere l’amministrazione Provinciale. 
La Provincia aveva studiato i comportamenti di questo animale e anche la sua indiscussa utilità. «E' necessario però, visti i numerosi episodi, porsi delle domande e soprattutto ricevere delle risposte dai diretti interessati -  ha rimarcato il presidente Bruschi -. Bisogna aprire un tavolo con interlocutori preparati per capire alcuni particolari sulla questione lupo, capire se è vero, come qualcuno sostiene, che i lupi vengono allevati e poi liberati con radio-collari per essere monitorati e studiarne i loro comportamenti e i loro spostamenti. I danni causati vengono risarciti?» 
Sentendo i racconti di questi attacchi così violenti non sono però poche le persone che sostengono che ad agire   siano cani inselvatichiti, che vivono allo stato brado.   Bruschi però sostiene che alcune analisi fatte eseguire sulle feci hanno dato  riscontri oggettivi: si tratta proprio di lupi. 
«Visto  che gli attacchi avvengono in modo così violento è possibile  che si tratti di lupi non puri o cani lupi o di altri incroci -  conclude Bruschi -. Sarebbe però importante capire, una volta per tutte, se questi animali possano attaccare l’uomo: l’agricoltore che raccoglie legna o che lavora nei campi, oppure il turista che fa passeggiate e in questi periodi i tanti raccoglitori di funghi».  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco R

    20 Ottobre @ 20.19

    Rispondo a M.;Se i lupi NON hanno mai attaccato l'uomo, NON si può dire che NON possano farlo un domani.Se dovesse accadere a lei",o a un "suo"caro, di trovarsi davanti ad un esemplare del genere, lei cosa farebbe?come si comporterebbe?Per prima cosa,dovrebbe sperare di "portare fuori là pelle"!!!Ci pensi sù BENE!!!!!SALUTI

    Rispondi

  • XS

    22 Novembre @ 21.36

    Nell'articolo si parla di ripopolamento: é' una leggenda metropolitana che i lupi siano stati allevati per ripopolare, è bene informarsi presso gli organi competenti. Semplicemente dagli anni 70/80,decimati e poi finalmente protetti , hanno trovato tutte le prede disponibile per rimettersi in forze e riconquistare un pò di quello che è sempre stato il loro territorio.

    Rispondi

  • dd_77

    15 Novembre @ 13.41

    è come la storia dell'orso cattivo e dell'umo indifeso.. chi ci rimette è sempre e solo l'animale selvatico. è ora di guardare in faccia la realtà ed abituarsi a rivivere un dialogo con la natura che si era perso, che si era VOLUTAMENTE perso!!

    Rispondi

  • M.

    15 Novembre @ 12.54

    ...il lupo NON HA MAI ATTACCATO L'UOMO....quindi quali pericoli ci sono????...quale diritto hanno i cacciatori a cacciare nel territorio dei lupi??....perché bisogna allontanare i lupi e non i cacciatori?...vorrei avere una risposta da questo presidente...

    Rispondi

  • dd_77

    15 Novembre @ 12.29

    è come la storia dell'orso cattivo e dell'umo indifeso.. chi ci rimette è sempre e solo l'animale selvatico. è ora di guardare in faccia la realtà ed abituarsi a rivivere un dialogo con la natura che si era perso, che si era VOLUTAMENTE perso!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Scippo, anziana ferita in via Palestro

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

Albareto

L'alpino «Livio» morto a 101 anni

IL CASO

Manno a Istanbul: ambasciatore di legalità

La curiosità

Paracadutista a 96 anni grazie a un parmigiano

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il 25 aprile festeggiato a Fidenza (Guarda le foto)

1commento

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio Video

anteprima gazzetta

Anziana rapinata e aggredita all'uscita del cinema Astra Video

1commento

gaffe e polemiche

La "Pilotta dei lettori": da parcheggio (involontario) a campo da calcio

5commenti

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

FOTOGRAFIA

Bonassera e il "Brozzi" a Fotografia Europea 

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

BRESCELLO

Trasporta cavalli senza patente né permessi: maxi-multa per 25enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

E' morta la quercia più vecchia: aveva 600 anni

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"