Provincia-Emilia

Lupi in Appennino, interrogazione di Villani in Regione: "Si intervenga contro i danni agli allevatori"

Lupi in Appennino, interrogazione di Villani in Regione: "Si intervenga contro i danni agli allevatori"
Ricevi gratis le news
10

Il ritorno dei lupi in Appennino è positivo ma bisogna intervenire per una buona convivenza con le attività umane, per prevenire danni. E qualora ci siano, bisogna regolare in modo preciso i risarcimenti agli allevatori. Lo dice Luigi Giuseppe Villani, presidente del gruppo del Pdl in Regione, che sul tema ha presentato un'interrogazione alla giunta.
"Negli ultimi tempi su tutto il versante emiliano dell’Appennino, e in particolare nella montagna parmense, si sono verificate numerose predazioni da parte di lupi ai danni di animali da allevamento e, nell’ultima settimana, addirittura ai danni di cani da caccia impegnati in azioni venatorie - commenta Villani -. Gli allevatori, ma anche i cacciatori e tutti coloro che svolgono attività faunistiche in tale territorio, lamentano difficoltà per la presenza di branchi di lupi e gli allevatori si dicono preoccupati poiché, in caso di perdita di bestiame, il risarcimento previsto è irrisorio e spesso tardivo. Il ritorno del lupo in Appennino è un evento da salutare positivamente, ma è necessario trovare un equilibrio tra la sua presenza e le attività che assicurano sostentamento e continuità all’economia delle terre alte, scongiurando l’abbandono del territorio montano. In considerazione di ciò ho presentato un’interrogazione alla Giunta regionale per chiedere quali interventi si intendano attuare, di concerto con le istituzioni locali e con la collaborazione dell’Istituto nazionale per la biologia della selvaggina “Alessandro Ghigi”, per il controllo della popolazione dei lupi nell’Appennino e per chiedere di rivedere la normativa che regola i risarcimenti agli allevatori, al fine di garantire copertura certa e adeguata del danno causato dal lupo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • stefano

    17 Novembre @ 23.54

    Le notizie false sono quelle che più circolano. Nessuno ha reintrodotto i lupi sull'appennino. I lupi c'erano anche prima della creazione del parco nazionale. I più non lo sanno, ma i primi segni certi di presenza del lupo nelle zone di crinale risalgono alla fine degli anni '80. Per quanto riguarda i cacciatori, se non ci fossero sarebbe meglio per tutti e alla fauna non fanno granché bene. Si fa allarmismo sulla remotissima possibilità che l'escursionista con bambini venga assalito da un branco di lupi, quando invece, andando per boschi, è molto più facile rischiare di essere impallinati da un "umano" con doppietta. I cinghiali hanno predatori naturali: il lupo appunto, mentre il lupo non ne ha perché è il predatore al vertice della catena alimentare e questo lo rende ecologicamente più vulnerabile (in un sistema preda-predatore il predatore non porterà mai la preda all'estinzione perché senza sufficienti prede il predatore muore).

    Rispondi

  • andrea

    16 Novembre @ 19.43

    Caro cambogiano l'assicurazione non c'è,i lupi nel nostro appennino non cerano e sono stati introdotti dal parco,il punto è solo uno che la provincia non risarcisce i danni,ovvero lo fa ma lo smaltimento delle carcasse sbranate dai lupi costa più del risarcimento,è per questo che gli allevatori sono arrabbiati,e quando parlo di allevatori non parlo di inprenditori del latte. Se la collettività vuole garantire un bene e questo bene sono i lupi la collettività deve risarcire i danni,perchè se io sono proprietario di un cane e il cane azzanna una sua gallina io sono obbligato a risarcirla,quindi non vedo perchè con il lupo non si fa. In ultimo i cacciatori hanno il compito di monitorare la fauna e di tenerla controllata nei numeri,se ci sono troppi capi vanno abbattuti,anche perchè i cinghiali o i lupi non hanno predatori naturali... il tutto sta nel buonsenso della gente. ciao

    Rispondi

  • anna

    15 Novembre @ 18.21

    Come ben diceva l'attento lettore prima di pubblicare notizie false e tendenziose è bene intervistare chi il lupo lo conosce davvero bene.Ho il privilegio di conoscere personalmente il Dott.Andreani e già negli anni passati quando pareva che per incontrare un lupo fosse sufficente andare in Appennino e sedersi da qualche parte che prima o poi di li sarebbe passato ne avevamo parlato e si era fatto delle sonore risate,adducendo che generalmente chi avvistava il lupo usciva dal bar.E' una chiara campagna dei cacciatori che vorrebbero poter sparare anche nell'orto del vicino,se i cani se li tengono a casa come fanno tutte le persone civili,vuoi vedere che il lupo cattivo non viene?

    Rispondi

  • Nicola

    15 Novembre @ 17.42

    A quando un interrogazione sui danni provocati dalle massiccia presenza delle cimici, che durante il passaggio dall'estate all'autunno, si infilano in ogi casa e producono terribili olezzi(mamma mia che odòr), una volta che vengono schiacciati?!!!!!!!

    Rispondi

  • Mauro

    15 Novembre @ 14.01

    I Lupi caro Villani siete VOI Politici. Certo che pur di non mollare la seggiola le pensate proprio tutte.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Parma-Cesena 0-0: Baraye sfiora il gol al 17' della ripresa

STADIO TARDINI

Parma-Cesena 0-0: Baraye sfiora il gol al 17' della ripresa

Nel primo tempo, crociati a un passo dal gol con Di Gaudio e Scavone. Scintille in campo fra Scozzarella e Jallow

1commento

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

PISA

Capotreno aggredito e due agenti di polizia feriti: fermati 4 minorenni

2commenti

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande