Provincia-Emilia

Da Rovigo le proposte al nuovo governo per rendere meglio navigabile il Po

Da Rovigo le proposte al nuovo governo per rendere meglio navigabile il Po
0

I territori interessati dall’Idrovia Padana si preparano ad elaborare un documento congiunto da presentare al neo-ministro delle Infrastrutture e dei trasporti e dello sviluppo economico Corrado Passera. Occorre una figura di coordinamento a livello nazionale per ottimizzare i mezzi finanziari disponibili per lanciare in modo concreto il trasporto fluvio-marittimo e le vie navigabili.
È quanto emerso dall’incontro programmatico promosso dall’Unione Navigazione Interna (Uni) e dal Consvipo - Consorzio per lo Sviluppo del Polesine -  tenutosi a Rovigo sabato 18 novembre,  proprio nella sede di quell’Interporto che rappresenta un nodo strategico dell’idrovia.
Erano rappresentati i territori  di Mantova, di Cremona, di Parma,  di Ferrara,  le Regioni Lombardia e Veneto, le associazioni di categoria dei territori interessati.
L'evento è stato dedicato alla Promozione delle vie navigabili e il loro impatto sulla logistica e sul sistema industriale del nord che ha permesso alle istituzioni e agli enti rappresentativi in tema di trasporto idroviario di evidenziare le intenzioni, le linee di azione, le volontà e gli impegni di ciascuno.

«Ottimizzare i mezzi finanziari disponibili per lanciare in modo concreto il trasporto fluvio-marittimo e le vie navigabili? - è stato detto -. Ce lo chiede l’Europa e ce lo chiede il mondo dell’impresa, che ha bisogno di puntare su strategie in grado di garantire maggiore competitività». Al neo-ministro Corrado Passera non spetta un compito facile: tra le tante richieste e sollecitazioni che provengono dal mondo dei trasporti e dell’impresa si troverà davanti anche quelle avanzate dalle regioni del nord Italia attraversate dall’idrovia padana, una infrastruttura straordinaria, con enormi potenzialità non ancora pienamente espresse.
Dal convegno è emersa la volontà condivisa di agire, e in fretta: occorre destinare risorse ingenti per qualificare e rendere attiva in modo massiccio e costante una infrastruttura che esiste, ma che ha bisogno di fare quel salto di qualità necessario a renderla competitiva, a farla percepire, a livello locale, nazionale ed europeo come una soluzione vera e concreta in ambito di trasporto e di logistica.

«Secondo il Libro Bianco Europeo - dice Elicio Salardi a nome dell’assessore alla Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo - entro il 2030 il 30% del trasporto di merci su gomma dovrebbe passare ad altri modi per arrivare al 50% entro il 2050. Un impegno consistente considerando che degli oltre 400 milioni di tonnellate di merci che si muovono ogni anno in Lombardia, solo 1 milione all’anno utilizza le reti idroviarie».

Oggi il canale navigabile Cremona -  Mantova - Rovigo - mare, ha un percorso di circa 280 chilometri parallelo al Po ed attraversa il territorio delle province di Cremona, Mantova, Verona e Rovigo dove è collocato un porto intermodale in grado di accogliere le navi fluvio-marittime.
Il trasporto fluviale è già disponibile per servire il mercato della pianura padana, con un totale di merci trasportate dal 2003 al 2008 di 2.000.000 tonn. annue a cui corrispondono oltre 70.000 TIR  tolti dalle arterie stradali. Una modalità che può e deve essere adeguatamente sfruttata, così come viene fatto in Europa.
L’Unione Europea ci crede e lo dimostra mettendo a disposizione un contributo finanziario del 50% per l’azione progettuale necessaria a far fare all’idrovia quel salto di qualità; azione che prevede tra le altre cose l’adeguamento del canale navigabile Cremona - Mantova - mare alla classe V europea, interventi sul corso libero del fiume Po per renderlo navigabile 320/340 giorni all’anno (contro i 200/240 attuali); ristrutturazione di Porto Levante, terminal situato a Porto Viro, sull'ultima parte navigabile della foce del Po di Levante, crocevia fra il fiume Po e il mare Adriatico.
Con tutto ciò e con una forte intermodalità tra strada, ferrovia e acqua, il sistema di navigazione interna padano veneto potrebbe diventare perno straordinario di sviluppo.

E l’alto Adriatico potrebbe diventare base logistica di rilievo europeo, se si riuscisse a trasferire qui il traffico merci che ora fa riferimento al Nord Africa, dove si trovano porti sempre più competitivi per le tariffe vantaggiose e per la posizione geografica strategica.

«Per fare questo è necessario realizzare la banchina off shore al largo dell’Adriatico che - dice Angelo Zanellato, presidente del Consorzio per lo Sviluppo del Polesine - si deve assolutamente fare, a questo punto non ha importanza in quale punto, l’importante è condividere una scelta e portarla avanti, senza campanilismi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Crescono le truffe agli anziani

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Luminarie

Casa: spesi 125 mila euro

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video