17°

32°

Provincia-Emilia

Clandestino senza biglietto travolge e ferisce il controllore

Clandestino senza biglietto travolge e ferisce il controllore
Ricevi gratis le news
3

Rocambolesco inseguimento: un pusher ammanettato mentre esce da un tombino
Accortosi che stavano salendo i controllori, ha tentato di scendere di corsa dal bus. Quanto l'autista ha cercato di fermarlo bloccando le porte, il passeggero senza biglietto è riuscito a sfondarne una  e a fuggire, travolgendo però uno dei controllori della Tep, che è rimasto ferito.
L'allarme è scattato immediatamente e, in pochissimo tempo una pattuglia dei carabinieri della stazione di Sissa, comandata dal maresciallo Luciano Romano, era già sul posto per rintracciare l'aggressore.
L'uomo, un immigrato clandestino di 34 anni, originario della Tunisia, è stato trovato dai militari all'interno di   un cantiere edile di Ronco Campo Canneto, non molto distante dalla fermata dell’autobus dalla quale era fuggito.
L'extracomunitario è stato condotto in caserma a Sissa per gli accertamenti del caso e quindi denunciato a piede libero. Sul suo capo pesano le accuse di  violenza a incaricato di pubblico servizio, danneggiamento aggravato, lesioni personali.
L'episodio è avvenuto ieri mattina a bordo di un bus della   linea 23.
Erano circa le 11 quando il tunisino, diretto a Trecasali, si è accorto che alla fermata nei pressi di Ronco Campo Canneto stavano per salire a bordo del mezzo due controllori della Tep. Non avendo il biglietto, ha tentato di raggiungere di corsa l'uscita, ma il conducente è stato più veloce e ha bloccato le portiere.
Vistosi in trappola, in preda alla rabbia, l'immigrato clandestino ha tentato   di forzare la struttura di vetro che separa il conducente dal resto del veicolo, ma è riuscito soltanto a danneggiarla. Successivamente, si è diretto verso la porta anteriore ed è riuscito a sfondarla e a raggiungere l'esterno.
Nella fuga, ha però travolto   uno dei due controllori, facendolo cadere e  procurandogli una ferita ad una mano. 
Subito sono stati allertati il 118 di Parma Soccorso e il 112 del Pronto intervento dei carabinieri.
Mentre un'ambulanza  della Croce Rossa di San Secondo è arrivata per soccorrere il ferito, gli uomini del maresciallo Romano sono subito arrivati in zona e hanno iniziato le ricerche del nordafricano.
Il controllore ferito è stato accompagnato   al Pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Parma dove, dopo aver ricevuto le dovute cure, gli sono state diagnosticate escoriazioni giudicate guaribili in sette giorni salvo complicazioni.
Il tunisino è stato rintracciato poco dopo dai carabinieri e condotto in caserma.
Quello di ieri non è certo un episodio nuovo per i dipendenti della Tep che purtroppo sempre più spesso vedono messa a rischio la propria incolumità durante lo svolgimento della loro attività.
«Ancora una volta mi trovo a dover denunciare fatti incresciosi che vedono coinvolti dei colleghi mentre si trovano a svolgere il loro lavoro – ha spiegato Paolo Leporati, segretario provinciale del sindacato Orsa -. Non esiste tutela per i lavoratori: bisognerebbe aprire un tavolo di discussione che veda coinvolte le associazioni sindacali, la direzione aziendale, il prefetto e il questore perché è giunto il momento di trovare una soluzione a questa situazione. I nostri lavoratori hanno bisogno di maggiore sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliano

    23 Novembre @ 20.12

    non devono arrestarli perchè dopo li dobbiamo mantenere in galera( per poco) ma vogliono picchiati dentro ad un sacco di yuta e poi lasciati andare.

    Rispondi

  • MANRICO

    23 Novembre @ 16.53

    .....GIUSTA LA TUTELA DEI LAVORATORI, SACROSANTA....PERO' LE ORIGINI DI TUTTI QUESTI BRUTTI FATTI,STA' NELL' AVER FATTO ENTRARE TROPPI CLANDESTINI, NELLA MAGGIOR PARTE SOLO CRIMINALI E SPACCIATORI. QUESTO TUNISINO SI SPERA VENGA ESPULSO IMMEDIATAMENTE SOTTO CONTROLLO...

    Rispondi

  • gianni

    23 Novembre @ 16.04

    Purtroppo a fronte di un certo numero di immigrati relativamente "a posto" che ne sono molti altri che considerano l'Italia (forse a ragione) un paese molle, senza legge e senza coraggio, un paese in cui si può delinquere senza problemi. Provate ad informarvi cosa sarebbe accaduto ad un passeggiero privo di biglietto a Casablanca o a Tunisi. E provate ad informarvi a quanto ammonta la pena per detenzione e spaccio di droga in Tunisia!!!!!!! Capirete subito perché siamo invasi da un esercito di delinquenti!!!!!!!!!! Grazie Leggi dello Stato e grazie magistrati dello Stato!!!!!! Grazie a tutti i politici (di sinistra) che spacciano l'immigrazione come opportunità solo per avere in cambio, al momento giusto, il voto degli immigrati!!!! E intanto forze dell'ordine, lavoratori preposti ai controlli sui bus, e semplici cittadini ricevono violenze di tutti i tipi!!!!! Proprio una vera opportunità questa immigrazione!!!! Grazie! Grazie di cuore!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

BORGOTARO

La medicina del Santa Maria, tutti i dati del 2016

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

22commenti

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

1commento

economia

Pomodoro, oltre 1000 assunti per la campagna Mutti

Nei 3 stabilimenti di Parma, Collecchio e Salerno, oltre ai fissi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

profitti

Samsung, utili record: sorpasso con Apple alle porte

GDF

Corruzione: 5 arresti a Lodi, in manette anche un vigile

SPORT

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

nuoto

Italia show ai mondiali: Detti oro e Paltrinieri bronzo negli 800 sl

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita