-4°

Provincia-Emilia

Parchi regionali: rivoluzione in vista

Parchi regionali: rivoluzione in vista
2

Beatrice Minozzi
Fare rete, razionalizzare le spese e realizzare una più efficace promozione territoriale: sono solo alcuni dei principi alla base del progetto di legge sulla «Riorganizzazione del sistema regionale delle aree protette e dei siti della rete Natura 2000», approvato il 14 novembre scorso dalla giunta regionale. Una riorganizzazione che riguarda i parchi regionali, ma anche le riserve naturali, le zone Sic e Zps e le aree di riequilibrio ecologico e che si è resa necessaria anche per rispondere alle disposizioni del decreto «Milleproroghe», che fissa nel 31 dicembre 2011 la data del pensionamento dei consorzi di gestione dei parchi regionali. Perché l’iter approvativo della legge sia completo, mancano ancora il passaggio alla Commissione Ambiente e la definitiva approvazione dell’assemblea legislativa regionale.
C’è ancora spazio per alcune modifiche, e tutti i soggetti interessati da questa riforma sono al lavoro per stilare alcuni emendamenti, che verranno discussi oggi, quando è prevista la prima udienza conoscitiva della Commissione Ambiente. Ma cosa potrebbe cambiare se il progetto di legge fosse confermato così com’è? Dal primo gennaio 2012 potrebbe cambiare la forma istituzionale di gestione dei Parchi. La Regione ha suddiviso il proprio territorio in cinque «macroaree per i parchi e la biodiversità», e la provincia di Parma rientrerà nella macroarea dell’Emilia Occidentale insieme alla provincia di Piacenza e ad alcune aree rivierasche del Po della provincia di Reggio Emilia. A questa macroarea faranno capo quattro parchi della provincia di Parma: Cento laghi, Taro, Boschi di Carrega e Stirone, ed uno della provincia di Piacenza, il Parco del Trebbia. Ad essi si aggiungeranno, dal 1° gennaio 2013, anche le riserve naturali e gli altri siti della rete Natura 2000.
Per ogni parco verrà istituita una «Comunità del Parco», composta dai sindaci dei comuni il cui territorio rientra nel parco o dai loro assessori delegati, ma anche dai sindaci o dagli assessori dei comuni che partecipano attraverso il conferimento di risorse. Tra le prerogative della Comunità rientrano la determinazione degli introiti derivanti dalle attività riferite al parco stesso, ma soprattutto la nomina di un rappresentante in seno al comitato esecutivo, l’organo di governo sul quale ricade gran parte del potere decisionale e che rappresenta l’intera macroarea. Il comitato esecutivo, composto dai rappresentanti delle diverse Comunità e dai presidenti delle Province, o dai loro assessori delegati, nominerà un presidente, approverà il regolamento della macroarea e il bilancio e nominerà i componenti delle Consulte. Sempre se la legge sarà approvata, dunque, nei singoli parchi non esisteranno più le figure di direttori e presidenti. A promuovere gli accordi tra l’ente di gestione e gli enti locali ci penserà il Comitato per la promozione della macroarea, mentre per quanto riguarda la gestione prettamente tecnica, per ogni macroarea verrà nominato un direttore. La Regione, infine, si riserva funzioni di indirizzo controllo e coordinamento. Nel progetto di legge figurano poi altre quattro macroaree, ovvero Emilia Centrale, Emilia Orientale, Delta del Po e Romagna, ma anche l’istituzione del Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano, che unisce il Parco dello Stirone alla riserva naturale geologica del Piacenziano, che si trova in provincia di Piacenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giampietro Accini

    02 Dicembre @ 23.02

    Sono un agricoltore in pre parco dei Boschi di Carrega ,anticamente i Boschi erano gestiti da privati ed erano un'eccellenza della zona. Ora regione ,provincia, comuni consorziati non hanno soldi. Non sarebbe l'ora che tornino ai privati che rilancino il turismo,enogastronomia.... ,insomma creino lavoro ,prima che i cinghiali invadano Parma ? Chi ama questo territorio mi aiuti a salvarlo!

    Rispondi

  • gian luca ceccherini

    29 Novembre @ 01.28

    egregi sig. dovete sapere che non consco come vengono gestiti i parchi ma consco come è gestito il parco boschi di carrega , qui ci sono cresciuto e vi posso dire che è tenuto da cani in oltre sono state fatte cose non molto regolari posso anche elencarle una fra le piu' eclatanti è il preparco che è piu grosso del parco. senza pero' chiedere ai proprietari terrieri il consenso questo è giusto secondo voi che paghino le tasse e non sono piu' padroni a casa loro e il disastro di giugno-il famoso mesociclone se avessero fatto pulire i canali ai proprietari non succedeva giusto pero no ce la biodiversita con morto.speriamo che questa volta cambi sul serio tutta la gestione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

EMERGENZA

Parma si mobilita

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta