19°

29°

Provincia-Emilia

Si allarga il fronte delle città che vietano i botti di Capodanno: aderisce anche Modena e La Spezia

Si allarga il fronte delle città che vietano i botti di Capodanno: aderisce anche Modena e La Spezia
Ricevi gratis le news
33

Dopo Bari, Torino e Venezia, si allunga, da nord a sud, la lista dei comuni che mettono al bando botti e petardi per l’ultima notte dell’anno. Una decisione, questa, che incontra il plauso delle associazioni che difendono gli animali le quali chiedono che tutti i comuni vietino l’uso di materiali pirotecnici.
Stamane il sindaco di Modena, Giorgio Pighi, ha preso carta e penna e, con un'ordinanza, ha vietato i botti nella notte tra il 31 dicembre e il 1° dell’anno nelle piazze del centro storico.
Sulla stessa linea il Consiglio comunale di Palermo che, con un ordine del giorno approvato, proibisce l’uso di botti, petardi e fuochi d’artificio in città. Per essere operativa la decisione ha bisogno dell’ordinanza del sindaco.
Botti vietati anche nel centro di Pesaro, con un'ordinanza che resterà in vigore addirittura fino al 9 gennaio. I trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa da 150 euro. Anche ad Asti petardi e giochi pirotecnici nei luoghi pubblici sono stati messi al bando: lo ha deciso la giunta comunale e chi verrà sorpreso nelle strade cittadine con materiali esplodenti rischia, oltre al sequestro dei prodotti, multe da 25 a 500 euro. Stessa cosa ad Olbia, dove il sindaco Gianni Giovannelli ha vietato la vendita, il porto e l’utilizzo su area pubblica di articoli pirici, mortaretti e petardi dalle ore 17 del 31 dicembre alle 6 del 1° gennaio.
C'è anche chi ha trovato una sorta di via di mezzo, per non scontentare nessuno: a Calalzo, in provincia di Belluno, a Capodanno si può anche "trasgredire" ma solo per un’ora, non un minuto di più. Il sindaco, Luca De Carlo, ha pensato infatti di normare il tempo per il lancio di botti e fuochi artificiali: dalle 23:45 del 31 dicembre alle 00.45 del 1 gennaio 2012. Poi in paese deve calare il silenzio.

A Napoli è già partita una campagna di sensibilizzazione promossa dal Comune contro l’utilizzo dei fuochi d’artificio illegali. Il sindaco della città, Luigi De Magistris, che ha invitato «turisti e napoletani a venire in piazza Plebiscito» la notte dell’ultimo dell’anno, ha sollecitato a dire no «ai botti e ai fuochi illegali» e ha spiegato di non aver emanato una ordinanza «che vieti in modo complessivo i fuochi perché Napoli è la città anche dei fuochi legali. Infatti a Castel dell’Ovo, alle 2 di notte di Capodanno, ci sarà uno spettacolo di fuochi pirotecnici assolutamente legali e sicuri». Negli ultimi cinque anni i festeggiamenti di Capodanno a Napoli hanno fatto registrare 344 feriti, 6 feriti da arma da fuoco e 3 morti. Proprio stamane a Brindisi un bambino di 11 anni, che ha raccolto per strada un petardo e ha tentato di accenderlo, è rimasto gravemente ferito: gli sono state parzialmente amputate due dita della mano sinistra.

E proseguono da settimane, in tutta Italia, i sequestri di tonnellate di fuochi illegali. Il mercato risente della crisi e preoccupano i botti low cost: fuochi pirotecnici artigianali e a basso costo, economici ma micidiali. Fuochi a fabbricazione rudimentale e per questo ancora più pericolosi in particolare cipolle e bombe carta, lancia l’allarme Legambiente Campania. "Costano poco, vengono vendute nelle ultime ore e il loro basso costo garantisce a tutti la possibilità di acquistarne in grossi quantitativi", spiega preoccupato Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania.

(aggiornamento 31 dicembre)
LA SPEZIA: CON I BOTTI SI RISCHIA UNA MULTA SALATA. Alla Spezia chi utilizzerà petardi o fuochi d’artificio in luoghi pubblici o comunque affollati andrà incontro ad una multa fino a 500 euro. Lo ha reso noto oggi il Comune, che ha nuovamente invitato la popolazione ed evitare l’uso di botti per la notte di san Silvestro. In questi giorni i vigili urbani hanno sequestrato in città oltre quattromila pezzi e hanno segnalato tre persone all’autorità giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • celeste

    31 Dicembre @ 16.25

    Si parla tanto di animali e anziani ma io ho 18 anni e ogni anno vivo un vero e proprio inferno a causa dei petardi, anche di quelli piú insignificanti. Voi dite che non c'é nulla di male nello scoppiare qualche petardo ma vi farei provare solo per un giorno la mia paura, poi provate voi a stare in casa, sentire un botto all'esterno e non riuscire più a controllarvi, poi provare voi a uscire e ad avere attacchi di panico perché qualche stronzo si sta "divertendo". La mia é una fobia e non riguarda solo i petardi, quindi beh non siamo in molti ad averla ma il punto é che io ora potrei andarmene in giro tranquilla anche durante le vacanze di natale senza dovermi sigillare in casa con i tappi nelle orecchie per non sentirmi male se uno di voi stronzi quando ero piccola non si stesse DIVERTENDO. Bene dico io, bel divertimento, praticamente la mia vita é rovinata perché questa.cosa non mi passerà mai, QUINDI GRAZIE, E DIVERTITEVI. E ricordatevi che uno dei vostri deliziosi petardi potrebbe rovinare persone, e sinceramente non voglio fare la moralista per cui ve lo dico con tutti il cuore che ogni volta che vero qualcuno che scoppia i petardi spero si faccia molto male perché non si può terrorizzare la gente ed essere cosi tanto dei coglioni. Con tantissimo amore.

    Rispondi

  • crociato79

    31 Dicembre @ 11.59

    Non vedo nulla di male nello spare qualche petardo e fuocherello l'ultimo dell'anno...

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    30 Dicembre @ 17.31

    Se far scoppiare un petardino all'ultimo dell'anno ti rende particolarmente felice e contento fallo, ma ricordati che quelli che durante la notte si recano al PS con varie lesioni da scoppio sono degli emeriti ignoranti a cui bisognerebbe far pagare di tasca propria la prestazionae sanitaria.

    Rispondi

  • Roberto

    30 Dicembre @ 14.42

    A tutti quelli che si accaniscono contro il materiale pirotecnico vorrei dire una cosa. A voi da fastidio una cosa che succede una volta all'anno e al massimo dura un paio d'ore. Secondo me ci sono comportamenti più fastidiosi che durano tutto l'anno. Personalmente ogni anno compro e sparo torte e razzi e non ho mai fatto male a nessuno e ho anche la testa di non spararli vicino a persone o animali e sopprattutto non lascio gli inesplosi per strada. E' vero c'è della gente che li usa senza cervello e poi si fa male ma sono una minoranza e per causa loro mi sembra sbagliato vietare i botti in tutta la città, se proprio vogliamo accontentare tutti sono d'accordo di vietarne l'uso in posti pubblici dove c'è molta gente. E nel caso non lo sapeste in questi giorni ho girato vari venditori in città per acquistarli e vi dico che mi hanno detto tutti che i petardi potenti non li vendono più perché chi li acquista deve avere il porto d'armi e denunciarli in questura, e con questo provvedimento io sono d'accordo perché quei petardi sono pericolosi se dati in mano a certa gente. Infine vorrei dire che alle persone a cui piacciono non sono una spesa inutile.

    Rispondi

  • meruj

    30 Dicembre @ 14.09

    A parte neonati,animali,inquinamento.Qualcuno mi spiega a che cosa servono? Ad intasare il pronto soccorso degli ospedali?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti