Provincia-Emilia

Gente di provincia - Azelio Ubaldi

Gente di provincia - Azelio Ubaldi
Ricevi gratis le news
0

 Stefano Rotta

La vita gli ha scolpito la Resistenza nel destino, lui è andato avanti una vita scolpire cippi e steli per partigiani e caduti in guerra. 
Azelio Ubaldi e Laura Galloni, marito e moglie da sempre: l’uomo scalpella, la donna scrive poesie e filastrocche.
 Tutto nasce l’8 aprile del 1945, «che fretta di sposarsi», ricorda Ubaldi, «che fretta». Può succedere di tutto in quei frangenti bellici: che arrivino altri soldati, che si muoia, che ci si perda per la precarietà delle esistenze. Quindi corsa dal prete a dir convinti il sì della vita.
 «Gioventù serena com’era di moda allora», annota in un foglio manoscritto. 
 Nato alle Rossine di Reno,  località di Tizzano, terzultimo di sei fratelli, quattro femmine e un maschio. «C’era una roccia rossa e ci costruirono sopra una casa». Bimbo di quota. Impara presto a campare e far cantare le mani. Azelio, nome antico, custodisce memorie sepolte. Non ricordi ma cose. Semplici oggetti che oggi diffondono magia nell’aria. Il «ringol», per esempio, chi sa ancora cos’è? Lui lo suona, ogni tanto, per tenersi compagnia. Era, allora, un richiamo per i fedeli nei giorni di campane ferme: «da giovedì sera al sabato dopo pranzo», ricorda, per tradizione. Fa un gran rumore, ma è legno, quindi incanta. Difficilissimo spiegare come funziona, andrebbe visto. E rimesso in moto. Dà gioie fanciullesche.
 A sedici anni  scolpì la cifra – da brivido – «1939» su una pietra, tutt’ora sovrasta la porta di casa. Venne il tempo della barba, servizio militare duro, Alpino, e chiamata della Patria. Era, ai tempi, carabiniere. 
«Tanta fame e tante amicizie, fra Genova e Roma», rammenta. L’8 settembre lui lo chiama «capovolgimento della Nazione», il 1943 merita il sonoro «memorabile». Dice: «C’era da scegliere: Repubblica di Salò o disertore. Aderii alla lotta partigiana». Brigata Giustizia e Libertà. «Eravamo comandati da “Urano”, Giovanni Mezzadri. Come caposquadra del distaccamento Appennino presi parte alla battaglia di Lesignano e all’incontro cruciale coi tedeschi al Giarreto di Guastalla. 
 In novembre  i nazisti rastrellarono sul Caio, la Quarta Brigata si sciolse». In inverno si formò la Terza Brigata Julia.  «Come partigiano il 25 aprile 1945 andai a occupare la caserma dei carabinieri di Parma, in via Massimo D’Azeglio». Ancora una volta, vien scontato dire «nome omen». Anche Ubaldi, come altri, dice, «non sto a raccontarle i fatti della guerriglia, prima di me altri hanno detto tanto». Forse è un modo per non costringersi a ricordare. Copione crudele e fascinoso per tanti: finisce la guerra, si lavora la terra. Contadino, ma anche, alla bisogna, fabbro, calzolaio, muratore. 
Comincia  a dar forma a pietre per non dimenticare (l’eternità è importante per chi la vita l’ha lasciata qui a vent’anni) gli amici partigiani caduti in battaglia. Tocchi di montagna posti in luoghi solinghi per vincere, se non la morte, almeno l’oblio. Ha vendicato il primo luglio 1944 dando vita all’arenaria, non ammazzando gente. Se le steli fossero stelle, quelle strade sarebbero un firmamento di cippi. Tantissimi i suoi. 
Prima opera importante,  la tomba del comandante partigiano Paolo il Danese, a Traversetolo. Sono pure di Azelio Ubaldi, alcuni fra gli esempi, il cippo di Magrignano appena sotto la Pieve di Sasso; quello di Scurano, tra Ariolla e Mercato; e Mulazzano Ponte, memoria di un partigiano vittima della battaglia delle Olive. Sempre firmati Ubaldi la targa all’ingresso del Municipio di Neviano, e il monumento ai caduti di tutte le guerre in frazione Mozzano: località falcidiata dalle rappresaglie in camicia bruna. Recentemente, lo scalpellino, oliando di gomito, ha dedicato un’opera ai compaesani, con un monumento ai caduti di Antreola. 
 Non solo guerra,  ma anche soggetti civili: come lo stemma del comune di Tizzano, la pietra sta sul municipio. E altre chicche: come la datazione «1947» del campanile della Pieve di Sasso, e tre stemmi giubilari, con cinque colombe. La sua firma è sempre piccola, dietro, nascosta. Vale anche per il capolavoro: il monumento al cuore della mamma, inaugurato l’8 marzo 1993 dal prete che l’ha ideato, don Armando Schianchi. Vi fu una grande partecipazione di folla, con le autorità e la benedizione del Vicario Generale, monsignor Franco Grisenti. Sono due steli con colombe, vista valli, con panchine per il pic-nic, il riposo e la riflessione.
 La moglie Laura  scrive canzoni che cominciano così «Che bella tavolata/ anche se alcuni assenti /in noi sono presenti», e lo assiste in ogni passo. Le altre poesie si ispirano a Carducci e Pascoli. Gli anni di matrimonio sono 66. Si vive, in un angolo di Appennino, fra la vecchia madia in castagno per fare il pane e il nuovo televisore. Sopportando insieme quel che la vita continua a dare. Si fa, in un certo qual modo, resistenza alla morte, amandosi.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Preso il rapinatore con roncola della sala scommesse

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

2commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

tgparma

Meteo: da domani rischio neve in città, domenica arriva il gelo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

10commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

Parma, in 10 anni 166 medici in pensione. E chi li sostituisce?

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

ITALIA/MONDO

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

vandalismi

Imbrattata con svastiche la targa di Moro a Roma Foto

SPORT

guinness

Trainato da una Levante, Barrow sullo snowboard a 151,57 km/h: è record

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day