22°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Azelio Ubaldi

Gente di provincia - Azelio Ubaldi
0

 Stefano Rotta

La vita gli ha scolpito la Resistenza nel destino, lui è andato avanti una vita scolpire cippi e steli per partigiani e caduti in guerra. 
Azelio Ubaldi e Laura Galloni, marito e moglie da sempre: l’uomo scalpella, la donna scrive poesie e filastrocche.
 Tutto nasce l’8 aprile del 1945, «che fretta di sposarsi», ricorda Ubaldi, «che fretta». Può succedere di tutto in quei frangenti bellici: che arrivino altri soldati, che si muoia, che ci si perda per la precarietà delle esistenze. Quindi corsa dal prete a dir convinti il sì della vita.
 «Gioventù serena com’era di moda allora», annota in un foglio manoscritto. 
 Nato alle Rossine di Reno,  località di Tizzano, terzultimo di sei fratelli, quattro femmine e un maschio. «C’era una roccia rossa e ci costruirono sopra una casa». Bimbo di quota. Impara presto a campare e far cantare le mani. Azelio, nome antico, custodisce memorie sepolte. Non ricordi ma cose. Semplici oggetti che oggi diffondono magia nell’aria. Il «ringol», per esempio, chi sa ancora cos’è? Lui lo suona, ogni tanto, per tenersi compagnia. Era, allora, un richiamo per i fedeli nei giorni di campane ferme: «da giovedì sera al sabato dopo pranzo», ricorda, per tradizione. Fa un gran rumore, ma è legno, quindi incanta. Difficilissimo spiegare come funziona, andrebbe visto. E rimesso in moto. Dà gioie fanciullesche.
 A sedici anni  scolpì la cifra – da brivido – «1939» su una pietra, tutt’ora sovrasta la porta di casa. Venne il tempo della barba, servizio militare duro, Alpino, e chiamata della Patria. Era, ai tempi, carabiniere. 
«Tanta fame e tante amicizie, fra Genova e Roma», rammenta. L’8 settembre lui lo chiama «capovolgimento della Nazione», il 1943 merita il sonoro «memorabile». Dice: «C’era da scegliere: Repubblica di Salò o disertore. Aderii alla lotta partigiana». Brigata Giustizia e Libertà. «Eravamo comandati da “Urano”, Giovanni Mezzadri. Come caposquadra del distaccamento Appennino presi parte alla battaglia di Lesignano e all’incontro cruciale coi tedeschi al Giarreto di Guastalla. 
 In novembre  i nazisti rastrellarono sul Caio, la Quarta Brigata si sciolse». In inverno si formò la Terza Brigata Julia.  «Come partigiano il 25 aprile 1945 andai a occupare la caserma dei carabinieri di Parma, in via Massimo D’Azeglio». Ancora una volta, vien scontato dire «nome omen». Anche Ubaldi, come altri, dice, «non sto a raccontarle i fatti della guerriglia, prima di me altri hanno detto tanto». Forse è un modo per non costringersi a ricordare. Copione crudele e fascinoso per tanti: finisce la guerra, si lavora la terra. Contadino, ma anche, alla bisogna, fabbro, calzolaio, muratore. 
Comincia  a dar forma a pietre per non dimenticare (l’eternità è importante per chi la vita l’ha lasciata qui a vent’anni) gli amici partigiani caduti in battaglia. Tocchi di montagna posti in luoghi solinghi per vincere, se non la morte, almeno l’oblio. Ha vendicato il primo luglio 1944 dando vita all’arenaria, non ammazzando gente. Se le steli fossero stelle, quelle strade sarebbero un firmamento di cippi. Tantissimi i suoi. 
Prima opera importante,  la tomba del comandante partigiano Paolo il Danese, a Traversetolo. Sono pure di Azelio Ubaldi, alcuni fra gli esempi, il cippo di Magrignano appena sotto la Pieve di Sasso; quello di Scurano, tra Ariolla e Mercato; e Mulazzano Ponte, memoria di un partigiano vittima della battaglia delle Olive. Sempre firmati Ubaldi la targa all’ingresso del Municipio di Neviano, e il monumento ai caduti di tutte le guerre in frazione Mozzano: località falcidiata dalle rappresaglie in camicia bruna. Recentemente, lo scalpellino, oliando di gomito, ha dedicato un’opera ai compaesani, con un monumento ai caduti di Antreola. 
 Non solo guerra,  ma anche soggetti civili: come lo stemma del comune di Tizzano, la pietra sta sul municipio. E altre chicche: come la datazione «1947» del campanile della Pieve di Sasso, e tre stemmi giubilari, con cinque colombe. La sua firma è sempre piccola, dietro, nascosta. Vale anche per il capolavoro: il monumento al cuore della mamma, inaugurato l’8 marzo 1993 dal prete che l’ha ideato, don Armando Schianchi. Vi fu una grande partecipazione di folla, con le autorità e la benedizione del Vicario Generale, monsignor Franco Grisenti. Sono due steli con colombe, vista valli, con panchine per il pic-nic, il riposo e la riflessione.
 La moglie Laura  scrive canzoni che cominciano così «Che bella tavolata/ anche se alcuni assenti /in noi sono presenti», e lo assiste in ogni passo. Le altre poesie si ispirano a Carducci e Pascoli. Gli anni di matrimonio sono 66. Si vive, in un angolo di Appennino, fra la vecchia madia in castagno per fare il pane e il nuovo televisore. Sopportando insieme quel che la vita continua a dare. Si fa, in un certo qual modo, resistenza alla morte, amandosi.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Parma 360»:uno speciale sul festival

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Uccide la moglie malata e si suicida: il dramma di Felegara Foto Video

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

2commenti

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

elezioni 2017

Salvini domani a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

6commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

tribunale

Abusi nelle assunzioni a Stt, tutti prosciolti tranne Costa

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

11commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Mondo

Debbie devasta l'Australia Video

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

SOCIETA'

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon