16°

Provincia-Emilia

Sasso: il Museo della Resistenza chiuso al pubblico e "abbandonato"

Sasso: il Museo della Resistenza chiuso al pubblico e "abbandonato"
1

Elio Grossi


La nuova sede del Museo storico della Resistenza di Sasso di Neviano sembra abbandonata. E' sparito anche il foglietto, che era attaccato al vetro della porta d'ingresso, con il numero telefonico da chiamare per avere informazioni sugli orari di visita. I turisti, che arrivano al museo, si trovano così spaesati. All'esterno dell'edificio sta cadendo a pezzi la targa con la scritta «07.44», che ricorda la data del rastrellamento nazifascista.
Per alcuni anni la raccolta storica e documentale, con una nuova classificazione, dei tragici avvenimenti del rastrellamento del 1 e 2 luglio '44, era aperta il pomeriggio della prima domenica di ogni mese, con una guida gratuita.
Poi il servizio è stato sospeso e sostituito con un foglietto appiccicato al vetro della porta d'ingresso, che in seguito si è accartocciato, con la scritta: «Per informazioni tel. 0521.843110». Il numero telefonico corrisponde al centralino del Comune di Neviano, a dieci chilometri di distanza. Ma gli uffici comunali sono chiusi proprio il sabato pomeriggio e tutta la domenica.
La gente di Sasso, dove ci sono anche due luoghi di ristoro e alcuni posti letto, si chiede «che cosa deve fare o pensare il visitatore che neppure si sente rispondere, se chiama nei giorni del weekend?».
In questi ultimi tempi lo stato di conservazione, almeno esterno, del Museo storico della Resistenza è andato deteriorandosi sempre di più. E’ stato tolto anche il  biglietto che riportava il numero del centralino del Comune. Non c'è più nessuna indicazione che dia informazioni al visitatore come meriterebbe un tale patrimonio, prima di tutto affettivo e poi materiale perché fatto con denaro pubblico. Ma c'è di più. La struttura metallica che si trova davanti all’ingresso si sta «sciogliendo» nella ruggine che ha macchiato persino le lastre antisdrucciolevoli, pure di ferro, che si trovano sotto questa struttura obliqua. E ancora: la targa vistosa, che si trova sulla stessa, con la scritta «07.44», per indicare che la raccolta museale contenuta si riferisce a quel rastrellamento nazifascista dei primi giorni del luglio '44, sta cadendo a pezzi. Ne rimane, forse, solo la metà.
Il Museo storico della Resistenza era sorto a Sasso per la forte volontà di Luigi Castignola («Dinamite»), partigiano piacentino, in seguito divenuto tecnico forestale a Neviano. La prima sede fu nell’abitazione del dottor Salvatore Maneschi. Si tratta di un'importante raccolta e esposizione di armi, munizioni, abiti, foto, documenti e di un prezioso audiovisivo con testimonianze orali di persone che vissero quei giorni. Il museo fu inaugurato il 25 aprile 2005 dal presidente della Regione Errani. Lo stesso  museo, sia nella vecchia che nella nuova sede, è sempre stato il luogo, il 25 aprile di ogni anno, della celebrazione istituzionale, da parte dell’Amministrazione comunale, della festa della Liberazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Emilio Rossi

    13 Gennaio @ 21.23

    Assolutamente bisogna curarlo e riaprirlo! E' una testimonianza imprescindibile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia