12°

Provincia-Emilia

Collecchio - Il mondo in una stanza. La parola agli stranieri

Collecchio - Il mondo in una stanza. La parola agli stranieri
2

 Giancarlo Zanacca

Più di cento persone hanno preso parte all’incontro rivolto agli stranieri residenti nel territorio che si è svolto ieri  nella sala del Consiglio comunale. Obiettivo: incontrarsi con gli amministratori e gli esperti per affrontare temi collegati a problematiche che gli stranieri affrontano più frequentemente. Fra questi, l’ottenimento ed il rinnovo della carta di soggiorno, i test di lingua italiana, il ricongiungimento familiare, l’iscrizione anagrafica e il censimento della popolazione. 
L’iniziativa è stata promossa dal Comune in collaborazione con Provincia, Ciac - Centro immigrazione asilo e cooperazione di Parma e provincia - ed il Centro territoriale permanente. Al tavolo dei relatori, il sindaco Paolo Bianchi, l’assessore agli Affari sociali Marco Boselli, Gazmir Cela esperto del Ciac, Elisabetta Perri del centro territoriale permanente di Montechiarugolo, Brahim Mongi tunisino residente a Collecchio da molti anni, Calogero Musso avvocato del Ciac e Umberto Sorrentino vice prefetto. 
«Un incontro informativo – ha detto il sindaco – che servirà a tutti noi per impostare un percorso utile e formativo che possa fornire risposte concrete alle diverse tipologie di problematiche». «L’immigrazione è una realtà concreta – ha detto Boselli – ormai il 10% della popolazione collecchiese è di origini straniere. I nuovi nati sono pari al 15%. L’impegno dell’Amministrazione è quello di riconoscere l’importanza di questa presenza, una risorsa che ci preme valorizzare attraverso occasioni di incontro». 
Gazmir Cela ha spiegato il ruolo dello sportello immigrazione a Collecchio e nei paesi del comprensorio ed ha fatto riferimento al tema della cittadinanza, approfondito poi dal vice prefetto e responsabile dell’ufficio immigrazione della prefettura Umberto Sorrentino. L’acquisizione della cittadinanza rappresenta un tema molto sentito, lo dimostrano le polemiche suscitate della proposta del Presidente della Repubblica di concederla ai figli di stranieri che nascono in Italia. 
Craciun Florina, rumeno, 39 anni, vive a Collecchio da 4, ha una bambina piccola: «condivido la proposta del Presidente Napolitano che chi nasce in Italia possa automaticamente ottenere la cittadinanza». Egor Kataev, russo, 36 anni, con due bambini piccoli, lavora da alcuni anni a Collecchio: «la proposta del Presidente Napolitano è condivisibile – dice – sarebbe un modo per agevolare la nostra integrazione». 
Tatsiana Zhaliazko, 31 anni, sposata, un figlio, è di nazionalità bielorussa: «la proposta del Presidente della Repubblica rappresenta certamente una presa di coscienza di quanto anche gli immigrati contribuiscano alla crescita della mazione e di come i loro figli debbano essere considerati italiani a tutti gli effetti in una prospettiva di formazione». 
Dello stesso avviso Sovenia Polanco Sanchez, 44 anni, due figli, risiede a Collecchio da 18 anni. 
L’avvocato del Ciac Calogero Musso ha fornito alcuni spunti in merito all’apprendimento della lingua italiana in vista dell’ottenimento del permesso di soggiorno. L’incontro si è concluso con gli interventi degli immigrati. 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    16 Gennaio @ 14.19

    Le radici degli stranieri sono altrove e tutti, prima o poi, tornano alla ricerca delle proprie radici. La cittadinanza non deve essere regalata a nessuno, perchè esprime sintonia e comune sentire con altri individui che sono figli dello stesso territorio e della stessa storia. Cittadinanza significa anche condivisione di principi fondamentali che i seguaci di maometto rifiutano di riconoscere (incompatibilità assoluta). Scommetto che ben pochi immigrati pretenderebbero la cittadinanza se esistesse ancora il servizio militare obbligatorio. La cittadinanza (=diritto di voto) facile è semplicemente lo strumento con il quale gli invasori detteranno legge a casa nostra. Stiamo parlando di grandi numeri, non di numeri insignificanti. Pensate anche alle valanghe di partorienti (con contorno di ricongiungimenti familiari con valigia in mano) pronte ad aggrapparsi al nostro sociale già inadeguato alle esigenze degli italiani bisognosi. E poi, tra italiani all'estero con diritto di voto e immigrati con diritto di voto ...tutti possono mettere becco nelle faccende di casa nostra. E' questo che volete?

    Rispondi

  • giuliano

    16 Gennaio @ 10.29

    giusto tanto italiano non significa niente siamo sltanto nati in italia ma l'italiano non esiste come popolo. il nostro è solo un insieme di persone nate quì che non ha nulla a che fare con una razza che non esiste. l'italia quando è nata con Camillo conte di Cavour quindi prima non esisteva è inutile dire italiano .in America dicono di origine scozzese oppure inglese oppure francese ma mai americano, quello che diciamo noi nulla è.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

Parma

Ancora animali avvelenati: un caso in zona Montanara Foto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione in via Torrente Manubiola

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

«Ayo» Folorunso campionessa italiana nei 400

Stadio Tardini

Parma-Samb 4-2: ecco il gol di Munari

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery