-3°

Provincia-Emilia

La vita blindata di un cronista di provincia

La vita blindata di un cronista di provincia
2

Giovanni Tizian non è di quelli che misurano il lavoro in miglia aree o in stipendio: ha sempre preso quattro euro lordi a pezzo, venti o trenta per una pagina intera; le inchieste pesanti le ha fatte appena fuori dal portone di casa. Calabrese, 29 anni, varie collaborazioni giornalistiche, locali e online. Vive a Modena da quando la ‘ndrangheta gli ha ammazzato il padre, bancario alla Monte Paschi. Era il 1989. Nel 1993 la mamma pensò che Bovalino, ottomila anime sulla costa ionica, non fosse più un nido sereno per questo ragazzino di dieci anni. Si trova catapultato nella ricca Emilia, rossa ormai solo per tradizione: domina il colore dei soldi. Si accorge che anche lì, dopo gli Appennini, ben più di qualche «centone» è sporco. Studia sociologia, si specializza in criminologia, e comincia a scrivere di criminalità organizzata sopra Bologna. Come può. Da cronista precario. «Abusivo», dice lui, citando il Carlo Siani del film «Fortapàsc». Una settimana fa la prefettura di Modena ha ritenuto necessario affidargli una scorta. L’intervista avviene in una stanza della libreria Feltrinelli di Modena, le uscite protette dal servizio d’ordine, e una pantera della Polizia di Stato in strada.

Il suo lavoro in Emilia tocca anche Parma?
«Modena è sempre stata di Cosa Nostra, Reggio della ‘ndrangheta. Parma è contesa. Ci sono entrambi. Nel 2007 la cosca Emanuello ha provato a candidare tre suoi uomini alle amministrative, nelle file dell’Udeur, per fortuna non eletti. Nella vicenda Stu Stazione, un’azione interdittiva antimafia ha bloccato due aziende subappaltatrici, la Acropoli srl e la Edil Perna srl di Poviglio».

(Una pagina a firma Stefano Rotta sulla Gazzetta di Parma in edicola)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • patrick

    18 Gennaio @ 13.37

    La stampa si accorge della presenza della mafia da noi solo quando ci sono fatti eclatanti che magari coinvolgono un "collega". Eppure già nel lontanissimo 1993 il comandante della polizia ferroviaria di Salsomaggiore mi spiegava che a Salso tutti sapevano della presenza della criminalità organizzata nel territorio e tutti ne avevano paura. Tutti tranne i soliti amministratori e prefetti alla Scarpis (fortuna che se n'è andato !) che hanno interesse a minimizzare. Idem a Parma. Ed è davvero strano - come conferma l'articolo di Lirio Abbate sull'Espresso, che riporta le dichiarazioni del procuratore capo di Bologna Roberto Alfonso- che le indagini sul fenomeno mafioso siano più difficili in Emilia che a Palermo , Napoli o Reggio Calabria perché "qui è più difficile distinguere il buono dal cattivo, perché si intrecciano". L'Emilia Romagna è rimasta indietro rispetto alla Sicilia dove gli imprenditori che si ribellano vengono sostenuti dalla società civile, dalle associazioni di categoria, dalla Federazione antiracket e da Confindustria, ed anche dalla Campania, dove un'intera cittadina, Pompei, s'è ribellata con successo al pizzo. E se il voto alle primarie e poi a sindaco a La Pietra di "Libera" possa aiutare a migliorare una situazione tanto pesante ?

    Rispondi

  • giovanna

    17 Gennaio @ 23.36

    Questi sono gli eroi di oggi, soli, spaventati e che offrono la loro voce per il bene di tutti. GRAZIE, anche se non basta!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Libri e dischi, non si sbaglia mai: la cultura è sotto l’albero

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

Lealtrenotizie

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

allarme

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

1commento

Torrile

Abusava della cuginetta di 9 anni e della nipote di 13: condannato

5commenti

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

5commenti

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

In piazza garibaldi

Continua "Come una volta", il gran mercato della biodiversità

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

Comune

Bilancio: tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

INIZIATIVA EDITORIALE GIA' IN EDICOLA CON LA GAZZETTA

I dodici mesi illustrati

Nel calendario un omaggio alla città fatto di immagini e testi

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

SERIE A

Roma, accolto il ricorso: tolta la qualifica a Strootman

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift